Home / Opzioni Binarie / Gestione del rischio nelle opzioni binarie

Gestione del rischio nelle opzioni binarie

investimento-sicuro

Come descritto in altri articoli, il trading su opzioni binarie comporta dei rischi. Si tratta di uno strumento finanziario e come tale la possibilità di perdere soldi è reale. Da qui l’importanza di seguire un corretta gestione del rischio.

Il concetto di gestione del rischio occorre che sia assunto in tutte le sue sfaccettature da ogni trader.

Una regola di base che la maggior parte dei trader professionisti adotto è quella di non esporsi oltre il 5% del capitale sul conto. Se per esempio avete un conto con 500€, l’operazione chi si dovranno andare ad aprire deve essere di 25€.
Questa è una cosa più che fattibile dato che i broker su opzioni binarie danno la possibilità di aprire operazioni con importi molto piccoli.

Un discorso diverso viene fatto sul forex, dopo lo strumento che in grado di tagliare le perdite è lo stop loss. Di questo ne parleremo nei prossimi articoli.

In aiuto al trader a alla gestione del rischio nelle opzioni binarie, ci pensano alcuni broker con la restituzione del 15% del capitale investito se l’operazione viene chiusa in perdita. Altra possibilità offerta solo da alcuni broker è quella di chiudere prima della scadenza naturale dell’opzione la propria operazione (opzioni variabili).

TRADING SU CRIPTOVALUTE CON LEVA

www.plus500.com

Fai trading su criptovalute con una leva fino a 1:5.
Comincia con soli 100 € per ottenere l'effetto di un capitale di 500 €!

Ritornando all’esempio precedente, è molto importante scegliere un broker su opzioni binarie che dia la possibilità aprire operazioni con piccoli importi, restituisca il 15% in caso di perdita o la possibilità di chiudere l’operazione prima della naturale scadenza. Per conoscere caratteristiche, prodotti, servizi, bonus e recensioni, visita la pagina dedicata cliccando QUI>>

Il bello del trading su opzioni binarie è che la momento in cui il trader esegue l’operazione di acquisto o di vendita, sa da subito il capitale che sta rischiando e la percentuale di ritorno nel caso l’operazione si chiuda in profitto. In nessun caso non sarà mia possibile rischiare di più di quanto abbia investito in quella operazione.

Uno sbaglio comune che alcuni trader fanno è quello di voler guadagnare velocemente in una singola operazione.
Capita infatti spesso che un trader con un conto di 5.000 euro voglia un guadagno immediato di 1.000 euro investendo più di 1.000 euro in una singola operazione. Se quell’operazione fallisce, allora finisce col perdere il 20% del suo conto. Situazione difficile da recuperare in quanto risulta forte il fattore psicologico annesso.

Ricordai che le emozioni e l’avidità sono i pericoli più grandi per i trader.  Non bisogna mai commettere sbagli dovuti dal proprio istinti, ma va seguita sempre un strategia precisa.

Non tutti sono in grado di mantenere sotto controllo le emozioni e per questo avere una strategia abbinata ad una corretta gestione del rischio permette di avere successo nelle opzioni binarie.


Fai Trading in sicurezza sempre e ovunque

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Trading Online, le trappole più comuni e regole da seguire per avere successo

Nel trading online ci sono alcune "trappole" che fanno perdere soldi a molte persone. In questa pagina abbiamo riportato le sette regole più importanti per avere successo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *