In meno di due mesi bruciati i profitti di un anno

ftsemib-livelli-2014

Il 2016 è iniziato nel peggiore dei modi per il principale indice di borsa italiano. Una situazione difficile da qualcuno chiamata terremoto finanziario, che sta preoccupando risparmiatori ed investitori.

I profitti maturati nel 2015 sono ormai andati in fumo negli ultimi mesi; l’indice principale di Milano è sceso oggi fino a 17.500 punti, livelli registrati a metà ottobre 2014.

Il grafico mostra chiaramente la situazione attuale e la repentina discesa degli ultimi mesi

ftsemib-3-febbraio

E’ difficile ora dire quanto potrà ancora scendere, di certo è che la situazione non è delle migliori ed è molto improbabile un cambio di direzione nei prossimi giorni.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Oggi pesa la situazione delle Le banche; il provvedimento della bad bank non è stato apprezzato dal mercato in quanto non risolve il problema sistemico dei Non performing loan e delle operazioni di M&A ancora non c’è traccia.

Come sempre accade in queste situazioni di incertezza, ad approfittarne è sempre l’oro che nelle ultime ore ha raggiunto i 1.130 dollari l’oncia. Ricordo che l’oro è tra gli asset che hanno meglio preformato da inizio anno ed ha ancora buoni margini di guadagno ( ne abbiamo parlato qui: L’Oro si prende la rivincita. +5% nel primo mese dell’anno)

Aggiornamento dopo la chiusura delle contrattazioni

Un’altra seduta di passione per piazza Affari appesantita dal crollo del comparto bancario. Male anche gli altri mercati europei.

Il nuovo tonfo del Nikkei riporta i listini del Vecchio Continente in negativo. Per Piazza Affari un’altra seduta in negativo appesantita dal crollo del comparto bancario. Sono proprio i titoli bancari i protagonisti della giornata con una raffica di sospensioni per diversi titoli. A fine giornata tutto in rosso il comparto con perdite anche superiori al 10%.

In forte rialzo invece il petrolio scambiato negli ultimi minuti a 31,76 dollari al barile.

Vuoi rimanere aggiornato sulle migliori news del giorno? Clicca su ‘Mi piace’ e ti terremo aggiornato in tempo reale:


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Sale l’incertezza sui mercati in attesa della Fed

C'è incertezza dei mercati in vista della decisione della Fed e del rapporto NFP di questa settimana. Nel frattempo il Bitcoin che rimane sopra i 20.000 dollari, mentre l'USD tenta di risalire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.