Home / Notizie Economiche / Crollo per il settore auto nel mese di luglio

Crollo per il settore auto nel mese di luglio

Dopo il duro week end per le banche americane, si registra un ennesimo crollo per il settore auto, che ha subito un nuovo pesante calo delle vendite nel mese di luglio. Ieri mattina, il Presidente dell’associazione dei concessionari Federauto, aveva infatti già anticipato una previsione di discesa che si aggirava intorno al 26%, definendo tale situazione un “vero disastro per tutti”.

Nel tardo pomeriggio sono poi giunti dal Ministero dei Trasporti, i seguenti dati ufficiali: il numero di immatricolazioni è stato di 152.752 unità, causando una contrazione del 25,97% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Se si guarda anche al mese di giugno, in cui il calo si era attestato al 19,1%, si nota che un dato così tragico non si registrava da gennaio 2009, periodo in cui le auto erano nel pieno della crisi.

Il presidente dell’Associazione Nazionale per la difesa e l’orientamento dei consumatori Carlo Pileri, commenta i dati definendo il calo del mercato dell’automobile poco sorprendente, dato che l’acquisto e la cura di un’auto oggi risulta un vero e proprio lusso; le cause vanno ricercate negli improponibili costi che accompagnano tutta la gestione dell’automobile: dalla benzina, aumentata del 18% in un anno, all’assicurazione Rca, costi che fanno stimare al Presidente una spesa annuale per gli automobilisti italiani di oltre 4 mila euro.

Fai Trading su Valute, Materie Prime, Azioni e Molto Altro. Conto DEMO gratuito, Formazione Completa. Vincitore Migliore Broker!

Il 73,9% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con Markets. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Anche il Centro Studi Promotor, stando ai dati ufficiali del Ministero dei trasporti, parla di un vero e proprio crollo e prevede un’ulteriore diminuzione delle immatricolazioni per i prossimi mesi, causata soprattutto della debolezza di domanda interna di beni di consumo durevoli e non.

Nel dettaglio il Csp stima un calo delle immatricolazioni del 28,1 % per il periodo tra agosto e dicembre 2010, concludendo l’anno con una flessione dell’11,8% rispetto al 2009, a 1.900.000 unità.

Anche il presidente dell’Associazione Nazionale fra Industrie Automobilistiche (Anfia) dà il suo parere sulla situazione, dichiarando che il risultato di luglio non fa che confermare i timori già espressi negli scorsi mesi, per via della persistenza di una difficile congiuntura economica e dell’assenza di interventi di sostegno alla domanda.

Nell’attesa di conoscere i dati ufficiali delle immatricolazioni auto relativi ai prossimi mesi,  tutti gli automobilisti possono risparmiare da subito sui costi delle assicurazioni auto, affidandosi al sistema di confronto del sito Supermoney.


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Markets.com Licenza CySEC, FSCA
Strumenti di trading avanzati
Strategie personalizzate
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC

Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile

apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Quello che non ci piace pagare

Ci sono delle spese che gli italiano proprio non vanno giù.. le più fastidiose sono benzina, stipendi dei politici e il canone Rai. Se anche tu vuoi dirci cosa non ti piace pagare, inserisci qui il tuo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.