Home / Notizie Economiche / Cosa cambia sulla tassazione delle rendite finanziarie

Cosa cambia sulla tassazione delle rendite finanziarie

Dopo un anno pieno di difficoltà per gli investimenti in borsa, ci mancava pure il fisco a funestare un anno finanziario già assai difficile per l’investitore. Tra qualche giorno cambierà la tassazione delle rendite finanziarie e saranno tassati più di quanto avviene ora gli interessi sulle obbligazioni, i dividendi e le plusvalenze su azioni e fondi di investimento quotati in Borsa.

Fino al 31 dicembre il regime finanziario prevede due aliquote fiscali. Sugli interessi sui conti correnti, conti di deposito e obbligazioni con scadenze inferiori ai 18 mesi si paga il 27%.
Sono invece tassati al 12,5% gli interessi sulle obbligazioni con scadenze superiori ai 18 mesi, gli interessi sui titoli di Stato, i dividendi e le plusvalenza su azioni e fondi di investimento quotati in Borsa.

Sul fronte bolli, fino a luglio di quest’anno sul deposito titoli pagavamo tutti, indipendentemente dalla taglia del nostro patrimonio, un’imposta di 34,2 euro.

Da luglio 2011 il Fisco ha deciso di mettere le mani e pesantemente nelle tasche degli italiani, aumentando il costo del deposito titoli e dal prossimo anno ci sarà l’aumento della tassazione delle rendite finanziarie.
Il costo del deposito titoli aumenta e non di poco. Chi ha di più pagherà di più in valore assoluto ma non in valore percentuale. E sul fronte delle nuove aliquote fiscali gli unici strumenti che saranno graziati sono i titoli di stato emessi da Tesoro italiano e da altri Stati inclusi nella White List, i titoli di risparmio per l’economia meridionale, le forme di previdenza complementare e i buoni fruttiferi postali.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Dal 1 gennaio 2012 il Fisco apporterà sostanziosi rincari sulle tasse che dovranno pagare i possessori di molti strumenti finanziari nel momento in cui questi genereranno interessi o guadagni in conto capitale. Con questa manovra il Fisco ha deciso di modificare le aliquote di tassazione delle rendite finanziarie. Vale a dire dei proventi realizzati dalle persone fisiche per interessi su titoli, depositi e conti correnti, per dividendi da azioni e partecipazioni sociali “non qualificate” e da capital gain su partecipazioni, titoli e strumenti finanziari, anche attraverso gestioni individuali e collettive.
Le nuove aliquote fiscali entreranno in vigore con l’anno nuovo e prevedono per molte attività finanziarie sostanziosi rincari.

Tra quelle detenute dalle famiglie italiane le azioni, le obbligazioni e i fondi subiranno i maggiori rincari. Mentre le altre forme di investimento tra cui i titoli di stato, i certificati di deposito, i depositi bancari , i fondi pensione, e forse le polizze vita e beneficeranno di una minore aliquota fiscale o manterranno invariata l’attuale aliquota fiscale.


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

La questione Catalogna continua a tenere sotto pressione i mercati finanziari

La questione della Catalogna continua a essere momento di incertezza. Le borse per ora paiono dimenticarsene anche se alcuni indici hanno raggiunto nuovi massimi storici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *