Le cause del crollo delle borse

crollo-delle-borse.cause

Sono bastate cinque settimane per riportare il valore dell’indice di borsa italiano ai valori di ottobre 2014. I profitti maturati nel 2015 sono stati completamente azzerati.

Tutto il lavoro fatto negli ultimi anni in termini di ritorno alla crescita e di risanamento dei conti pubblici sembra non aver servito a nulla. Deludente anche il risultato del Quantitative Easing della Bce, servito solamente per tenere basso l’euro.
La speranza della Bce di ottenere con il Quantitative Easing lo stesso risultato ottenuto fatto dalla Fed nel 2009 che ha fatto raddoppiare la capitalizzazione a Wall Street in cinque anni.

Rintronando su Piazza Affari, i massimi sopra ai 24.000 punti del FtseMib della scorsa estate sono ormai un ricordo. Negli ultimi giorni si è raggiunto il minimo di 17.141 per una perdita vicina al 30% dai massimi.

Il grafico mostra in modo chiaro la situazione attuale del principale indice di borsa italiano

ftsemib-4-febbraio

Quali sono i motivi del crollo delle borse?

Qualcuno vede il crollo di tutti i listini, non solo quello italiano, ha causa del crollo del prezzo del petrolio, anche se il prezzo basso, un euro debole e una Bce prodiga di manovre espansive per quanto ritardate, dovrebbero fornire obiettivamente slancio alle aziende europee, ma questo non sta accadendo.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Quali sono i reali motivi di questa tempesta?

Alcuni analisti sono convinti che le vendite derivino da fondi sovrani dei Paesi produttori di petrolio, per coprirsi dalle perdite innescate sui conti pubblici dal ribasso del greggio. I grandi investitori, quelli che muovono i mercati, starebbero quindi vendendo al di là delle notizie, al di là dei fondamentali.

A questo si aggiungono le incertezze sulla crescita globale e un possibile ritorno della recessione. Uno spettro che comincia ad aleggiare tra le cause di queste vendite, rafforzato anche dai dati macro diffusi ieri dagli Usa, dove l’indice dei servizi ha registrato il terzo calo di fila innescando vendite sul dollaro come abbiamo potuto vedere in questi giorni.

L’economia mondiale è entrata nel 2016 in un clima di incertezza sui mercati finanziari e con la domanda globale in rallentamento rispetto alle attese. Negli Stati Uniti la crescita è rallentata e sulla Cina sono cresciuti i timori relativi al rientro dalla bolla immobiliare, alla svalutazione del renminbi e al pianificato ribilanciamento tra investimenti e consumi privati.

Cosa aspettarci ora? Dove investire oggi?

In questa fase incerta dei mercati sempre più protagonista è l’oro, il bene rifugio d’eccellenza è tornato a brillare. Alcuni giorni fa nell’articolo “L’Oro si prende la rivincita. +5% nel primo mese dell’anno” abbiamo evidenziato i punti di forza del metallo prezioso e le possibilità di crescita in questa prima parte dell’anno.
Una cosa è certa, l’oro è stato tra gli asset che ha meglio preformato da inizio anno e le previsioni sono ancora rialziste.

Vuoi rimanere aggiornato sulle migliori news del giorno? Clicca su ‘Mi piace’ e ti terremo aggiornato in tempo reale:


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
Social Trading
Deposito minimo 50€
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Le banche centrali sanno che si arriverà ad un rallentamento e probabile recessione

I mercati si sono convinti oramai che i rialzi del costo del denaro proseguiranno imperterriti e un po’ tutte le autorità monetarie si stanno adeguando alla prospettiva di aumentare i tassi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.