Le borse non hanno finito di scendere, ma c’è un motivo per essere estremamente ottimisti

Investire in borsa nel 2022 non è stato molto gratificante, anzi tutt’altro. Da quando il mercato azionario americano ha raggiunto i massimi record durante la prima settimana di gennaio, l’intramontabile Dow Jones e l’indice S&P 500 hanno perso oltre il 20%, mentre il Nasdaq Composite, indice incentrato sulla crescita ha superato una perdita del 30% nello stesso periodo.

Ma nelle ultime sette settimane, Wall Street ha registrato un rally che ha riportato ottimismo verso gli investitori. Dal 16 giugno 2022, il Dow Jones, l’S&P 500 e il Nasdaq Composite sono aumentati rispettivamente del 9,6%, 13,3% e 19% (dati aggiornati al 3 agosto) Questi tre dati suggeriscono che questo non è altro che un rally del mercato ribassista, con minimi potenzialmente più bassi in arrivo. Tuttavia, non sono tutte cattive notizie, con gli investitori che hanno una ragione per essere estremamente ottimisti riguardo ai loro portafogli anche in queste particolari condizioni.

Il rapporto P/E di Shiller indica un futuro minaccioso

Uno dei maggiori segnali di allarme al momento può essere trovato con il rapporto prezzo/utili (P/E) di Shiller dell’S&P 500 (noto anche come rapporto prezzo/utili corretto ciclicamente , o rapporto CAPE). Mentre un rapporto P/E tradizionale esamina il prezzo delle azioni rispetto agli utili di 12 mesi finali, lo Shiller P/E esamina gli utili aggiustati per l’inflazione negli ultimi 10 anni.

Senza giri di parole, ogni volta che il rapporto P/E di Shiller dell’S&P 500 ha superato e sostenuto 30, sono accadute cose brutte. Sebbene la facilità di accesso alle informazioni sia notevolmente migliorata nell’ultimo quarto di secolo grazie a Internet e gli investitori siano quindi disposti ad accettare premi di valutazione più elevati, lo Shiller P/E ha una perfetta esperienza nel prevedere i mercati ribassisti risalente al 1.870.

In questi 152 anni di storia, ci sono stati solo cinque rialzi del mercato rialzista che hanno portato lo Shiller P/E dell’S&P 500 sopra 30 su base sostenuta. Dopo il picco di ciascuno di questi mercati rialzisti, l’S&P 500 ha continuato a perdere dal 20% all’89% del suo valore. Mentre una perdita dell’89% dovuta alla Grande Depressione è quasi certamente fuori questione oggi a causa delle misure fiscali e monetarie, un calo del mercato azionario è stata l’aspettativa minima che gli investitori hanno dovuto sopportare.

Il lato positivo è che l’S&P 500 è già entrato in un mercato ribassista, con un suddetto picco di calo del 24%. Tuttavia, il rapporto P/E di Shiller rimane a una lettura elevata di 31,10, all’8 agosto 2022. La storia suggerisce che questo premio di valutazione deve scendere ragionevolmente al di sotto di 30 affinché il mercato trovi un minimo.

Un grande indicatore di valutazione si sta rompendo

Il secondo indicatore che suggerisce che l’attuale mercato ribassista non ha ancora raggiunto il suo minimo è il rapporto P/E forward dell’S&P 500. Un rapporto P/E “avanti” divide il prezzo delle azioni di una società (o il valore totale dell’indice, in questo caso) negli utili previsti di Wall Street per l’anno successivo.

Dal 1999, l’ampio indice S&P 500 ha trovato un minimo quando il suo rapporto P/E forward ha raggiunto in più occasioni un valore compreso tra 13 e 14. Questo è il livello di valutazione in cui la bolla delle dot-com nel 2002, il crollo del quarto trimestre nel 2018 e il crollo del Coronavirus nel 2020, hanno trovato i rispettivi minimi.

Il problema è che l’S&P 500 è attualmente valutato a circa 17 volte gli utili a termine. Anche se questo non indica in alcun modo “sopravvalutato”, è al di sopra di dove ci aspetteremmo che le valutazioni siano, da un punto di vista storico, se stessero trovando un minimo. Per un ulteriore contesto, il rapporto P/E forward dell’S&P 500 è sceso fino alla metà degli anni 15 a metà giugno 2022.

✅ Stai cercando un corso completo per avere successo con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Una guida completa al trading scritta con parole semplici e comprensibili, per aiutare gli aspiranti trader a muoversi con sicurezza.
👉 Scarica la guida gratuita!

La preoccupazione più grande è che la componente “e”, i guadagni, stia iniziando a rompersi. Molte delle più grandi società all’interno dell’S&P 500 hanno avvertito che è probabile che i loro profitti subiranno un duro colpo nella seconda metà del 2022, o che ne stanno già risentendo. Con le stime degli utili in calo, il P/E forward dell’S&P 500 potrebbe alla fine essere molto più alto di quanto implica la cifra attuale.

Leggi anche: La Fed ha appena dato il via a un possibile mercato rialzista

Il debito di margine racconta la storia

Il terzo indicatore che porta ancora problemi per il Dow, l’S&P 500 e il Nasdaq è il debito marginale. “Debito di margine” è la quantità di denaro presa in prestito dagli investitori dalla loro intermediazione online, con interessi, per acquistare o vendere titoli allo scoperto.

Una quantità crescente di debito con margine in essere non è necessariamente una bandiera rossa per il mercato azionario. Poiché il valore aggregato delle azioni quotate in borsa aumenta nel tempo, è perfettamente normale vedere un aumento graduale del debito con margine in sospeso. Ciò che non è normale è quando il debito del margine sale alle stelle in un periodo molto breve.

Dal 1995, ci sono stati tre casi in cui il debito del margine è aumentato del 60% o più in un arco di tempo di 12 mesi. Si è verificato immediatamente prima dello scoppio della bolla delle dot-com, pochi mesi prima dell’inizio della crisi finanziaria e nel 2021. In ciascuno dei due casi precedenti in cui il debito a margine (ergo, assunzione di rischi) è aumentato in un breve lasso di tempo, l’indice S&P 500 ha perso quasi la metà del suo valore. Non ci siamo avvicinati neanche lontanamente a quei livelli di perdita nel 2022.

Inoltre, le due precedenti volte in cui l’S&P 500 ha perso metà del suo valore, abbiamo assistito a un calo del debito marginale dal 40% al 50% su base annua. A giugno 2022, il debito del margine è diminuito di circa il 20% rispetto al periodo dell’anno precedente. Ciò suggerirebbe un’ulteriore copertura del margine e/o richieste di margine in attesa.

La pazienza paga a Wall Street

Sebbene il quadro a breve termine dipinto per Dow, S&P 500 e Nasdaq, sulla base di questi dati, non sia esattamente positivo, c’è ancora un grande motivo per cui gli investitori a lungo termine sono estremamente ottimisti: la pazienza paga a Wall Street.

Dall’inizio del 1950, ci sono 39 correzioni percentuali a due cifre nell’S&P 500, secondo i dati raccolti dalla società di analisi di mercato Yaardeni Research. Con l’eccezione del nostro attuale calo, tutti i precedenti 38 cali sono stati infine eliminati da un rally del mercato rialzista. Sebbene non possiamo prevedere quanto tempo impiegherà il mercato azionario a recuperare completamente le sue perdite, la storia ha dimostrato in modo conclusivo che gli investitori a lungo termine traggono vantaggio dalla naturale espansione dell’economia statunitense e dalla crescita delle imprese americane/globali, se esaminati come un totale.

Inoltre, un rapporto pubblicato annualmente da Crestmont Research dimostra quanto tempo sia stato un alleato per gli investitori pazienti. Il rapporto di Crestmont ha esaminato i rendimenti totali di 20 anni, inclusi i dividendi, dell’S&P 500 per ogni anno conclusivo tra il 1919 e il 2021 (103 anni finali in totale). I risultati hanno mostrato che tutti i 103 anni finali hanno prodotto un rendimento totale positivo. Mentre solo un paio di anni si sono conclusi con un rendimento totale annuo medio del 5% o meno nell’arco di 20 anni, ci sono stati più di 40 anni finali in cui il rendimento totale medio annuo ha superato il 10%.

Mentre la volatilità a breve termine nel mercato più ampio può essere snervante e i ribassi possono essere imprevedibili, i dati mostrano inequivocabilmente che ora è il momento perfetto per investire in azioni di aziende innovative di alta qualità a uno sconto che puoi trattenere per molto tempo a venire.

Leggi anche: Due Azioni in cui dovresti investire oggi prima del grande rally

✅ Stai cercando un guida per investire in Azioni? Questo è l’ebook che fa per te… Se vuoi ottenere dei risultati dal trading su mercato azionario, questa guida è ciò che ti serve. Investi il tuo tempo nella formazione e verrai ricompensato dai tuoi stessi risultati.
👉 Scarica la guida gratuita!

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Opportunità d’oro per Investire in Azioni Microsoft

Quando i mercati vanno nel panico, si aprono enormi opportunità per gli investitori e questo è il caso delle azioni Microsoft. Ecco perchè dovresti investire in questo titolo oggi stesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.