Home / Mercati finanziari / Le tensioni in Medio Oriente spingono al rialzo il prezzo dell’oro

Le tensioni in Medio Oriente spingono al rialzo il prezzo dell’oro

La crisi in Siria e in Egitto si sta riscuotendo nei mercati finanziari e in particolare sul prezzo dell’oro. Il metallo prezioso sembra essere tornato il bene rifugio per eccellenza nei momenti di turbolenza e incertezza.

Sono proprio i venti di guerra in Siria e le tensioni in Egitto gli elementi che stanno spingendo verso l’alto i prezzi dell’oro. L’oro è uno di quei beni rifugio che si avvantaggiano sempre di scombussolamenti che intervengono a destabilizzare i mercati finanziari. L’evoluzione delle situazioni mediorientali sarà il fattore chiave per i movimenti futuri dei prezzi.

Alcuni giorni fa, l’oro ha già raggiunto un nuovo massimo a tre mesi a 1.433,6 dollari l’oncia per poi registrare un fisiologico ritracciamento dei prezzi. Un segnale che conferma un ritorno gli acquisti del metallo giallo.

Le previsioni del prezzo dell’oro per il breve/medio termine indicano una crescita sensibile rispetto ai livelli minimi delle quotazioni toccati in primavera.

Il prezzo dell’oro al momento si trova sui 1.400 dollari l’oncia. Un livello importante che può essere visto come il punto di partenza per superare nuovi massimi.

Qui sotto il grafico dell’andamento del mercato dell’oro degli ultimi tre mesi:

quotazioni-oro-6-settembre

Il grafico conferma il trend rialzista dei prezzi dell’oro; da una analisi tecnica dei prezzi, sembrerebbe che le previsioni del prezzo dell’oro siano rialziste e pronti ad un nuovo passo in avanti con prossimo obbiettivo 1.500 dollari l’oncia.

Andiamo a sottolineare che queste previsioni del prezzo dell’oro devono essere viste con un’ottica di breve/medio periodo, in quanto rimane invariata la view moderatamente negativa di lungo periodo. Questa una previsione confermata anche da Goldman Sachs.

La conferma del trend ribassista di lungo periodo è confermata dal grafico delle quotazioni dell’oro dell’ultimo anno.

quotazioni-oro-anno-settembre

Ora non ti resta da scegliere, le nostre previsioni del prezzo dell’oro indicano:

  • prezzo dell’oro in rialzo nel breve/medio periodo
  • prezzo dell’oro in ribasso nel lungo periodo

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
Brokereo Licenza CySEC
No commissioni su CFD
Segnali di trading
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Prezzo dell’oro scende sotto al livello psicologico di 1.800 dollari. Cosa aspettarsi ora?

L'oro è sceso di oltre il 2% nella giornata odierna rompendo al ribasso il livello psicologico chiave di 1.800 dollari. Cosa aspettarsi ora dal metallo prezioso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.