Strategie per coprirsi o speculare dal rally di inizio anno dei mercati azionari

rally-mercati-azionari

Nei primi mesi del 2015 è ulteriormente migliorata l’intonazione positiva dell’azionario mondiale, situazione che ha visto gli indici portarsi sui massimi di tutti i tempi o da molti anni.

Negli Stati Uniti il Dow Jones si è spinto a inizio marzo ben oltre la soglia dei 18.000 punti, mentre l’S&P500 dalla fine di gennaio viaggia costantemente oltre il livello dei 2.000, con un picco sopra i 2.100.

Non sfigura il Vecchio continente, dove il Dax ha di recente toccato i massimi di sempre a ridosso dei 12.400 punti, mentre in Italia il FtseMib ha inanellato una serie di rialzi consecutivi che ha risollevato l’indice dai 18.000 punti d’inizio anno fin sopra i 24.000 punti a metà aprile.

Protagonista anche l’Asia, dove il Nikkei225, favorito dalla persistente debolezza dello yen, che favorisce i titoli legati all’export, ha oltrepassato la soglia dei 20.000 punti, ai massimi degli ultimi 15 anni, mentre l’Hang Seng ha raggiunto livelli che non si vedevano dal 2007.

A favorire l’ottimismo sui mercati internazionali giocano da un lato i forti dati macro statunitensi, che lasciano presagire un imminente rialzo dei tassi da parte della Fed, mentre dall’altro in Europa la Bce sta giocando un ruolo fondamentale e sull’economia reale iniziano a intravedersi i primi segnali dell’allentamento quantitativo in atto.
A beneficiare in particolar modo della situazione europea sono i titoli legati all’export, forti del consistente deprezzamento dell’euro nei confronti del dollaro.

✅ Stai cercando un corso completo per avere successo con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Una guida completa al trading scritta con parole semplici e comprensibili, per aiutare gli aspiranti trader a muoversi con sicurezza.
👉 Scarica la guida gratuita!

Partendo dal presupposto che gli analisti rimangono positivi sull’azionario mondiale, con particolare focus sull’Europa, alla luce del consistente rally d’inizio 2015 e soprattutto dei livelli minimi cui viaggia la volatilità, non sorprenderebbe assistere a un ritracciamento dagli attuali livelli. In tale contesto, una strategia interessante nel breve termine, in ottica di copertura di portafoglio puramente speculativa, potrebbe essere quella di andare alla ricerca di strumenti “Short”. Addentrandoci nel vasto mondo dei certificati d’investimento, sono quotati sul mercato svariati Certificati Benchmark, che consentono di trarre beneficio da un eventuale storno dei mercati.

Entrando più nel dettaglio, UniCredit mette a disposizione tre Benchmark “Short” su altrettanti indici azionari europei: il Dax, l’Eurostoxx50 e il Ftse-Mib. Qui sotto nella tabella le caratteristiche dei tre strumenti: analizzando dal punto di vista tecnico la situazione del Dax, il grafico seguente mette in evidenza l’evoluzione del sottostante all’indice tedesco, lo Shortdax.
L’importante doppio minimo disegnato tra marzo e aprile potrebbe creare i presupposti per un eventuale rimbalzo delle quotazioni. Segnali in tal senso iniziano a intravedersi anche dai principali indicatori, con l’Rsi uscito dall’ipervenduto e il Macd che ha incrociato verso l’alto la propria Signal Line, anche se con entrambi al momento ancora in terreno negativo.

short-dax


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 31 Marzo | ActivTrades Markets Commentary

Mattinata in rialzo per mercati azionari, cosi come il dollaro USA e il petrolio dopo l'ennesimo crollo dei prezzi di ieri. In calo invece l'oro con investitori che stanno mostrando interesse verso attività rischiose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.