Report dei mercati finanziari dopo la festa del ringraziamento in America

report-mercati-finanziari

La seduta rialzista per le borse europee nella giornata di mercoledì, è stata replicata anche ieri, grazie anche alla chiusura di Wall Street che ha spinto gli investitori di breve termine a puntare sul vecchio continente. In positivo tutte le principali borse europee, mentre l’America festeggia il giorno del ringraziamento.

Il mercato Forex ha approfittato della pausa delle borse americane registrando una seduta poco volatile, che è servita a stabilizzare i valori di equilibrio tra le principali currencies.
Premesso che le variazioni sono state generalmente molto limitate, la seduta di ieri ha confermato il graduale calo dell’euro, che cede frazioni di punti verso le principali controvalute.
Il Cable, nonostante il calo di ieri dello 0.18%, continua a mantenersi alla quota di 1.51, questo supporto sembra essere l’attuale prezzo di equilibrio, in attesa delle politiche monetarie – americane ed inglesi – annunciate da tempo.

✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

Nel settore delle materie prime torna sotto i 43 dollari al barile il greggio. Il petrolio nelle ultime sedute ha mostrato forse un’eccessiva sensibilità alle notizie economiche e politiche mondiali; il prezzo del petrolio continua a registrare degli sbalzi molto forti, e spesso maggiori rispetto al reale impatto che l’una o l’altra notizie dovrebbe realmente avere.
Si conferma decisamente meno volatile l’oro; la sua sostanziale indipendenza dalle tensioni geopolitiche, che caratterizzano il rapporto tra Oriente ed Occidente dell’ultimo periodo, fa si che le contrattazione seguano un andamento più lineare mantenendo il livello di equilibrio stabile sulla soglia dei 1070 dollari per oncia.

Il giorno del ringraziamento, festeggiato ieri, ha ridotto drasticamente l’afflusso di notizie macroeconomiche. Da segnalare, soltanto il dato sulla massa monetaria M3 pubblicato ieri dalla Bce che ha evidenziato un aumento del 5,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Nel calendario di oggi si attendono dati fondamentali per l’economia inglese, con il rilascio in particolare del livello degli investimenti aziendali – atteso in ribasso all’1.5% – e soprattutto il Prodotto interno Lordo; dati che saranno rilasciati alle 10:30 italiane.

Vuoi rimanere aggiornato sulle migliori news del giorno? Clicca su ‘Mi piace’ e ti terremo aggiornato in tempo reale:


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
Social Trading
Deposito minimo 50€
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Licenza BaFin, Consob
Accesso ai mercati globali
Commissioni competitive
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Sale ulteriormente il Risk on sui mercati. Che cosa aspettarsi?

Sale ulteriormente l’appetito al rischio sui mercati, a dispetto delle problematiche non indifferenti causate dai prezzi delle materie prime e al rischio stagflazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.