Prosegue la caduta dell’oro, giù anche l’argento e rame. Il dollaro resta forte

difficolta-mercati-finanziari

Il mese di dicembre non è ancora iniziato, ma appare già destinato a ricoprire un ruolo centrale sui mercati valutari.

II primo appuntamento chiave lo avremo in settimana, con la conferenza stampa di giovedì in cui Mario Draghi potrebbe ampliare Fattuale Quantitative Easing della Bce.
A metà mese sarà la volta della Federal Reserve: tutti gli occhi saranno puntati su Janet Yellen e sul possibile primo rialzo dei tassi di interesse americano dell’ultimo decennio. Gli operatori vorranno soprattutto capire quelle che saranno le modalità del “lift-off“, in altre parole se al primo rialzo dei tassi ne faranno seguito altri in tempistiche rapide o meno.

Sui fronte operativo il dollaro resta forte, mentre l’euro continua a scontare l’attesa per le parole di Draghi con un rapporto fra le due valute ormai sceso sotto quota 1,06. Sempre più vicino dunque il primo importante supporto, collocato in area 1,05 mentre anche la parità fra le due valute a molti non pare più un miraggio, con i conseguenti vantaggi per l’export europeo.

Il petrolio resta a quota 40 dollari. In ribasso pure il rame

Prosegue nel frattempo la lunga fase negativa delle materie prime. In particolare spicca il calo dell’oro, reduce da 6 settimane consecutive di ribassi, che lo hanno portato ad aggiornare i minimi degli ultimi 5 anni in area 1052 dollari l’oncia. Meno marcata la discesa dell’argento, che si è mantenuto sopra quota 14, mentre il platino ha perso due punti percentuali arrivando a 834 dollari.

Si è mosso in laterale il petrolio, senza riuscire a rimbalzare dall’area 40dollari/barile, chiudendo la settimana a 41,75 (quotazione Wti), Il rame, invece, continua a risentire del calo della domanda cinese ed ha aggiornato nuovi minimi» avvicinando i 4.500 dollari alla tonnellata.

andamento-oro

Carlo Alberto de Casa capo analista ActivTrades

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Payrolls Usa, Bank of England, Sterlina e Dollaro. Attesa volatilità sui mercati

La Bank of England alza il costo del denaro dello 0.75%, la sterlina affonda, il dollaro continua a salire e oggi è il giorno dei Non farm payrolls. Questa l'analisi sui mercati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.