Home / Mercati finanziari / Il mercato valutario si mostra forte nei confronti di rumors e notizie

Il mercato valutario si mostra forte nei confronti di rumors e notizie

Dopo mesi e mesi di rumors e notizie che ne hanno influenzato le price action, ci pare di ora di assistere ad un certo rifiuto, per chi opera sul mercato valutario, ad ascoltare tutte le voci che compaiono sui mercati, quasi che ci fosse una sorta di tendenza ad ignorarle perché perfettamente inutili a determinare un nuovo trend, ma solo rumors che si sfogano sui prezzi nel breve termine. E così le voci di difficoltà nel trovare un accordo tra Cina e Usa, uscite venerdì sera, non hanno causato la discesa delle oceaniche, o di quella del UsdJpy che avrebbe dovuto cedere terreno in ragione dell’avversione al rischio, o ancora un calo ulteriore della sterlina, date le enormi difficoltà della May in politica interna.

Insomma, una situazione che sembra cambiare e pare concentrarsi invece sui dati, quelli veri, tra cui per esempio il Pmi manifatturiero cinese, che questa notte, è uscito migliore delle attese, a 50.5 contro il 49.58 atteso, sopra l’area di confine che divide recessione da crescita, e primo dato reale in ripresa dal mese di Ottobre del 2018. La PBOC ha però respinto le voci che qualcuno ha messo in giro venerdì scorso, riguardanti un taglio della Riserva obbligatoria (RRR) che sarebbe dovuta uscire oggi. Detto ciò però segnaliamo le parole del Presidente Xi che si è detto meno ottimista del suo omologo americano relativamente all’ottimismo profuso sul raggiungimento di un accordo sui dazi, dato che ancora vi sono ostacoli non facili da superare, ma la strada sembra tracciata. Intanto il gigante asiatico va in giro a firmare accordi commerciali un po’ ovunque, e dopo gli incontri in Europa, con Francia e Italia, è stata la volta della Nuova Zelanda che ha firmato un accordo per eliminare la doppia tassazione tra i due paesi.

Rimanendo sulle oceaniche segnaliamo l’indice manifatturiero australiano uscito a 51, con Barclays che ha suggerito la vendita di EURAUD con target in area 1.5675 e stop a 1.5930. Poi è uscito il dato sull’inflazione prodotto dall’Australian Melbourne Institute, a +0.4% contro 0.1% atteso su base mensile a marzo e +2.1% rispetto ad un consensus di +1.7% su base annua, ben superiore alle attese. Relativamente alla Nuova Zelanda invece, è uscito il bollettino del New Zealand Treasury Monthly Economic Indicators che ha pubblicato il Pil del quarto trimestre del 2018 a + 0.6% con un dato annuale a +2.8%, mentre il deficit di conto corrente è cresciuto al 3.7% del Pil. Venendo al Giappone, segnaliamo l’uscita del Tankan, pubblicato dalla BOJ con cadenza trimestrale, ed è un indicatore che segnala l’andamento dell’economia giapponese, relativamente all’andamento delle aziende grandi medie e piccole rispetto ai settori manifatturiero e dei servizi. Il capex, ovvero il capital expenditure delle grandi aziende, è uscito a +1.2% contro il -0.4% atteso, mentre quello delle piccole aziende non manifatturiere è uscito a 12 contro 9 atteso. Il settore invece delle piccole e medie aziende manifatturiere ha fatto registrare un calo nel primo trimestre a 6 contro il 10 del consensus, così come l’outlook futuro prevede per le stesse un rallentamento per l’anno in corso. Il capex per queste ultime è uscito leggermente migliore delle attese, ma negativo a – 14.9% contro un -19.8% atteso, mentre il settore manifatturiero delle grandi aziende del settore manifatturiero è uscito nel primo trimestre a 12 contro 14 del consensus. Un quadro misto e di non facile lettura. Si evidenziano però ancora acquisti per il QE giapponese da parte dalla BOJ di 5.9 trillioni di Jpy pari a circa 55 miliardi di dollari di Jgp, ovvero titoli di Stato nel mese di marzo rispetto al picco fatto registrare all’inizio del QE di 110 miliardi del Novembre del 2014. Insomma, un quadro misto per il paese del sol levante, con incognite, che ha provocato un indebolimento dello JPY e il ritorno del USDJPY al di sopra di 111.00.

Per oggi segnaliamo alle 11.00 i prezzi al consumo di Eurozona, e a seguire, alle 14.30 vendite al dettaglio Usa, Pmi manifatturiero Canada alle 15.30 e infine l’Ism manifatturiero Usa alle 16.00. Per essere un lunedì non è male considerando che questa sarà la settimana dei payrolls.

Saverio Berlinzani per ActivTrades.

ActivTrades

Profilo dell’analista

Saverio Berlinzani

Nel 1989 inizia il suo percorso lavorativo nel mercato valutario come spot trader per il Banco Lariano. Dal ’91 per la Banque San Paolo di Parigi come trader su lira e franco francese. Dal ‘92 presso il Banco Lariano di Milano spot trader su tutte le valute SME. Dal ’95 per Swiss Bank Corporation capo cambista – Lugano, Ginevra, Londra.

In questi anni, oltre alla specializzazione sul mercato dello spot come market maker, ha sviluppato conoscenze del mercato dei derivati come trader di posizionamento per l’Istituto (Opzioni vanilla ed esotiche), nonché conoscenza diretta delle valute legate ai paesi emergenti (carry trades).

Dal ’98 è rientrato in Italia come Libero professionista in qualità di Consulente Finanziario e Patrimoniale – Presidente e socio fondatore di una società broker in forex. Dal 2009 ad oggi, trader indipendente nel mercato valutario fondatore del sito www.saveforex.it, community di traders con cui condivide quotidianamente in tempo reale la sua operatività forex attraverso una chat e un webinar live.

Chi è ActivTrades

ActivTrades (www.activtrades.eu/it) è un Broker specializzato nella negoziazione di Forex e CFD. Fondata nel 2001, è oggi una delle società leader del settore.
Il suo obbiettivo è quello di massimizzare le attività di trading dei propri clienti, offrendo ad essi una combinazione unica di elementi quali una vasta gamma di strumenti finanziari, spread competitivi e un eccezionale servizio di assistenza.

Dal suo quartier generale, situato nella City di Londra, ActivTrades offre i suoi servizi a una vasta clientela globale che, negli anni, ha potuto apprezzarne l’innovazione continua, l’eccellente ambiente di trading e un’efficace gestione del rischio.

Il Servizio di assistenza ai clienti di ActivTrades è disponibile 24 ore al giorno, da domenica sera a venerdì sera, in 14 lingue tra cui Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Cinese e Arabo.

ActivTrades Plc è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413. Iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al n. 97.
ActivTrades Corp è autorizzata e regolata dalla Securities Commission of The Bahamas. ActivTrades Corp è una azienda commerciale internazionale registrata nel Commonwealth delle Bahamas, con numero di registrazione 199667 B.

I vantaggi di fare trading con ActivTrades

ActivTrades offre le migliori condizioni di trading confermate dai più prestigiosi riconoscimenti e sostenuta da trader di tutto il mondo

Miglior esecuzione

Fai trading con precisione a partire da 0,5 pip su EURUSD, senza requote o costi nascosti.

Supporto Clienti Pluripremiato

Assistenza 24/5, via email, chat e telefono in oltre 14 lingue.

Protezione dei fondi

Assicurazione integrativa per proteggerti fino a 1.000.000£

Il trading mobile

Fai trading ovunque tu sia, con la nostra piattaforma web o mobile.

  • Trading senza commissioni nè costi nascosti per aprire o chiudere un ordine;
  • Trading a partire da un micro lotto e massimizza la flessibilità del tuo trading con leva;
  • Supporto clienti italiano rapido e disponibile;
  • Le migliori piattaforme di trading;
  • Webinar settimanali e formazione personalizzata con formatori specializzati;
  • Demo gratuita.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 75,7% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con ActivTrades. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
FXCM Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Sicurezza dei fondi
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Bassa volatilità e movimenti ridotti. È questa la quiete prima della tempesta?

La volatilità sui mercati finanziari sembra essersi ridotta così come i movimenti dei prezzi dei principali asset, ma è vietato abbassare la guardia, tutto può succedere e molto rapidamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.