Il rialzo dello spread affonda i titoli bancari

L’apertura delle principali Borse europee è stata contrastate. Piazza Affari dopo aver aperto sulla parità, ora si trova nuovamente negativa. Nella borsa di Milano male i bancari dopo il rialzo dello spread. Per oggi è prevista un’importante asta sui Btp con scadenza a 5 e 10 anni (puoi vedere gli appuntamenti aggiornati sul calendario economico).

Questa l’analisi dei mercati finanziari del 27 marzo.

male le borse dopo il rialzo dello spread
Grafico di borsa 27 marzo – Fonte ADVFN – Clicca per aggiornare le quotazioni

Ritorniamo alla borsa di Milano dove la migliore della giornata è Mediaset, all’indomani del cda che ha approvato i dati 2012, esercizio chiuso con una perdita da 287,1 milioni di euro. Si tratta del primo rosso della storia della società del biscione, circostanza che peraltro era stata ampiamente anticipata anche dai vertici dell’azienda. B

Come abbiamo accennato tutti i titoli bancari sono in flessione dopo un nuovo rialzo dello spread. Al momento il differenziale di rendimento tra Btp e Bund a 10 anni sale sui massimi da una settimana in area 332 bp.

Da segnalare che nell’ultimo trimestre Blackrock, il più grande gestore finanziario di fondi al mondo, ha ridotto la propria esposizione sui titoli di stato italiani e spagnoli.

HEADLINES

Mediaset: nel 2012 perdita da 287,1 milioni di euro
Il Consiglio di Amministrazione di Mediaset ha approvato il progetto di bilancio consolidato del 2012. I risultati hanno pesantemente risentito della crisi economica internazionale e in particolare del quadro recessivo italiano e spagnolo. I ricavi consolidati si sono ridotti a 3.720,7 milioni di euro (con un calo di 529,5 milioni rispetto al 2011), in linea con l’andamento dei due comparti pubblicitari e in proporzione alle quote detenute da Mediaset nei rispettivi Paesi. Il Gruppo in Italia ha effettuato svalutazioni, accantonamenti e ha stanziato oneri di ristrutturazione non ricorrenti. L’impatto netto di questi interventi è stato pari complessivamente a 307,8 milioni di euro. L’Ebit al netto di questi oneri avrebbe chiuso in positivo per 72,4 milioni di euro, con gli interventi citati il risultato operativo è negativo per 235,4 milioni di euro. Il risultato n etto è negativo per 287,1 milioni di euro a fronte dell’utile di 225,0 milioni di euro dell’anno precedente. Al netto dei costi di ristrutturazione, da svalutazioni e accantonamenti effettuati sarebbe stato pari a -47,2 milioni di euro.

Hollande: irrevocabili le garanzie sui depositi bancari
Le garanzie sui depositi bancari sono irrevocabili. E’ quanto ha dichiarato il presidente francese Francois Hollande in una conferenza stampa congiunta con l’omonimo spagnolo Mariano Raioy. L’accordo europeo su Cipro è straordinario ed unico, ha aggiunto Hollande, e si applica soltanto per Nicosia. Un’affermazione che arriva al termine di una giornata nervosa ieri, dopo le parole di Jeroen Dijsselbloem, numero uno della Banca centrale olandese e presidente dell’Eurogruppo, che ha dichiarato che il caso Cipro potrà fare da modello per altri interventi di questo tipo nell’Unione Europea. Il primo ministro finlandese Jyrki Katainen ritiene invece che la soluzione trovata per la piccola isola del Mediterraneo debba fare scuola e sostiene che l’Unione bancaria debba includere l’idea del bail-in, tutto il Vecchio Continente dovrebbe tornare ad una normale economia di mercato, con i proprietari e gli investitori che si fanno carico delle perdite nel momento in cui una banca fallisce.

Impregilo: nuove commesse in Sud America per circa 100 milioni di euro in quota parte
Con l’aggiudicazione di due lotti della nuova metropolitana di Santiago in Cile e l’acquisizione dei lavori di ampliamento di due tratti dell’Autostrada “Ecovias” in Brasile, Impregilo consolida e sviluppa la propria leadership in Sud America nel settore della realizzazione di infrastrutture di trasporto. Il valore del progetto, promosso dal Committente METRO de Santiago, è di circa 120 milioni di euro (la quota di competenza di Impregilo è del 49%). In Brasile, attraverso il “Consorzio Serra do Mar” costituito congiuntamente al Gruppo Almeida, Impregilo realizzerà alcune opere complementari lungo la concessionaria autostradale “Ecovias dos Imigrantes” che collega il porto di Santos con la regione industriale di San Paolo. In particolare, i lavori riguarderanno l’ampliamento di un tratto di 9 chilometri dell’autostrada Ecovias con la costruzione di una terza corsia e la realizzazione di uno svincolo presso la città di Cubatao, permettendo di agevolare il traffico in due tratti dell’autostrada particolarmente congestionati. Il valore complessivo delle opere è di circa 90 milioni di euro (la quota di competenza di Impregilo è del 50%).

ASTM rinvia le valutazioni sull’offerta di Salini su Impregilo
Il Consiglio di Ammministrazionee di ASTM del 26 marzo 2013 riunitosi per valutare l’offerta pubblica di acquisto volontaria promossa dalla Salini su Impregilo a un prezzo di euro 4,00 per azione ha rinviato ogni valutazione sull’offerta ad una prosssima riu nione, auspicando che la relazione finanziaria annuale 2012 di Impregilo venga tempestivamennte messa a disposizione degli azionisti. “Ciò al fine di poter consentire una più compiuta analisi dei dati di Impregilo che, sulla base del comunicato stampa emesso in pari data, presenta un patrimonio netto consolidato pari a circa 1.801 milioni di euro (circa euro 4,46 per azione) al netto di rettifiche, non quantificate, dei valori a vita intera della redditività inizialmente preventivata attribuibili ai lavori di ampliamento del Canale di Panama nonché a criticità riscontrate, solo recentementte, in alcuni progetti idroelettrici in Colombia e Cile e in alcuni progetti autostradali in Italia (a livello di capogruppo incremento dei fondi rischi per circa 232 milioni di euro)”.

Banca Popolare di Sondrio: utile dimezzato nel 2012, proposto dividendo di 0,033 euro per azione
Il Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Sondrio ha esaminato e approvato i bilanci civilistico e consolidato dell’esercizio 2012. L’utile netto consolidato ammonta a € 34,3 milioni, meno 53,32% sul risultato dell’esercizio precedente, reso omogeneo a seguito dell’applicazione in via anticipata della nuova versione del principio IAS 19, omologata con il Regolamento CE n. 475 del 5 giugno 2012. Con riferimento ai requisiti patrimoniali, il Tier 1 si attesta al 7,59% e il Total Capital Ratio al 10,50%. Il Consiglio di amministrazione ha deliberato di proporre all’Assemblea la distribuzione di un dividendo unitario lordo di € 0,033, rispetto a € 0,09 corrisposti riguardo all’esercizio 2011.

Bim: perdita di 64,6 milioni nel 2012, Tier 1 al 9,67%
Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e gestioni ha approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2012. La Raccolta complessiva consolidata è stata di 14,2 miliardi di euro (+1,2% rispetto al 31.12. 2011) e il margine di intermediazione di 130,5 milioni di euro (+25,9% rispetto al 31.12.2011). Il risultato della gestione operativa è stato di 24,7 milioni di euro (0,2 milioni di euro al 31.12.2011). Comunicati gli esiti del recente rapporto ispettivo di Banca d’Italia: effettuate rettifiche di valore sui crediti per oltre 100,5 Milioni di Euro, impairment su immobili da recupero crediti per 7,3 milioni di euro ed accantonamenti per fondi rischi e oneri per 3,7 milioni di euro. Le attività deteriorate nette per cassa sono state pari a 306 milioni di euro (116,5 milioni di euro al 31.12.2011) di cui 90 milioni di euro per sofferenze nette e 180 milioni di euro per incagli netti. La Perdita d’esercizio consolidata è ammontata a 64,6 milioni di euro (utile d’esercizio di 15 milioni di euro al 31.12.2011). Confermata solidità patrimoniale consolidata: Patrimonio netto a 358,3 Milioni di Euro, Patrimonio di vigilanza a 322 Milioni di Euro, Capitale libero a 136 Milioni di Euro, Tier 1 9,67% e Total capitalratio a 13,87%.

DATI MACRO ATTESI

Mercoledì 27 marzo 2013
08:00 GER Indice prezzi import feb;
08:45 FRA PIL T4;
09:00 SPA Inflazione mar;
10:00 ITA Fatturato industriale gen;
10:00 ITA Ordini all’industria gen;
10:30 GB PIL T4;
11:00 EUR Indici fiducia mar;
11:00 ITA Vendite al dettaglio gen;
15:30 USA Scorte settimanali petrolio e derivati.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

L’indice di borsa italiana mostra spazi di risalita

La borsa di Milano si accoda alla conclusione in forte ottimismo dei mercati americani e allo strappo di questa notte per quanto riguarda il Nikkei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.