Home / Mercati finanziari / Occhi puntati sulle prossime mosse della Fed e della Bce

Occhi puntati sulle prossime mosse della Fed e della Bce

tassi-interesse-fed-bce

Appare quasi scontato dirlo, ma l’attenzione degli operatori è ancora rivolta, ormai in modo snervante, alle prossime mosse della Fed e della Bce.

Sul fronte Usa il Presidente della Fed di New York si è detto non sicuro dell’esatta data del rialzo dei tassi, in quanto l’inflazione risulta ancora sotto il target, mentre parole simili sono arrivate dai suo collega di Chicago. Dunque la tempistica del lift-off, cioè il primo rialzo dei tassi della Fed, che veniva ormai dato come certo per metà dicembre, potrebbe ancora essere in discussione.

Per quanto riguarda l’Europa permane l’incertezza sul possibile ampliamento del Quantitative Easing da parte di Draghi, mentre è tutto da valutare l’impatto sui mercati dei terribili attentati di Parigi, per un contesto di fondo estremamente complesso e ricco di punti di domanda. Fra i pochi punti certi c’è senz’altro la debolezza dell’euro, con il rapporto fra la moneta unica ed il dollaro che ha raggiunto nella prima parte della scorsa settimana i minimi degli ultimi 0 mesi in area 1,065, prima di recuperare, sulle voci di possibili dubbi nel rialzo dei tassi da parte della Fed, con una chiusura a 1,0770.

eur-usd-16-novembre-activtrades

In recupero la sterlina, tornata oltre quota 1,41 nei confronti dell’euro e oltre 1,52 contro la banconota verde; poco mosso lo yen, scambiato a 122,5 sul dollaro.

Si è registrata l’ennesima settimana di passione sul fronte delle materie prime, con la quotazione del Wti, il benchmark del greggio americano, nuovamente in area 40, mentre il Natural Gas ha perso il 10% nel giro di cinque sedute per via delle temperature record che ritardano forvio della stagione dei termosifoni Debole anche l’oro, ancora negoziato sotto quota 1,100 $, mentre l’argento è scambiato a 14.25 dollari,

Carlo Alberto de Casa Capo analista presso ActivTrades Londra

I prodotti finanziari negoziati in marginazione presentano un elevato rischio per il tuo capitale.
ActivTrades PLC è autorizzata e regolata dalla Financial Conduct Authority. Registrazione presso la FCA n. 434413.
ActivTrades Plc. Via Borgonuovo 14/16 20121 Milano – iscritta all’Albo delle imprese di investimento comunitarie con succursale al numero 97.
I livelli di prezzo utilizzati in questa analisi, si riferiscono ai contratti CFD presenti nell’offerta di Activtrades.
Qualsiasi previsione ivi fornita non è un indicatore affidabile di risultati futuri.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Markets.com Licenza CySEC, FSCA
Strumenti di trading avanzati
Strategie personalizzate
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
FXCM Licenza FCA, Consob
Zero commissioni
Strumenti di trading esclusivi
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Bce e Brexit provocando un terremoto sul mercato valutario

La concomitanza di eventi e notizie che sono piombate sui mercati sta provocando un piccolo terremoto sul mercato valutario. Euro e Sterlina gli osservati speciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.