Home / Mercati finanziari / Domina l’incertezza nelle borse europee dopo il lunedì nero

Domina l’incertezza nelle borse europee dopo il lunedì nero

Dopo il lunedì nero delle borse europee , l’apertura di oggi rimane molto incerta. Piazza Affari dopo aver chiuso in negativo la prima seduta della settimana, oggi l’indice FtseMib è molto volatile, passando da segno più a segno meno molto rapidamente.

Lo spread è stabile a 272 punti base. L’Euro si mantiene a quota 1.3283 sul dollaro.

Questa l’analisi di borsa del 12 giugno.

Grafico di borsa 12 giugno – Fonte ADVFN – Clicca per aggiornare le quotazioni
Grafico di borsa 12 giugno – Fonte ADVFN – Clicca per aggiornare le quotazioni

Nella borsa di Milano spiccano gli acquisti su Buzzi Unicem in scia alla decisione di Morgan Stanley di migliorare la raccomandazione sul titolo a “equalweight” (peso uguale al mercato/settore) da “underweight” (sottopesare rispetto al mercato/settore) con prezzo obiettivo fissato a 12,7 euro per azione dai precedenti 10,4, contro i 13,1 circa attuali.

Sale anche Generali all’indomani dell’accordo con Grupo Financiero Banorte per la vendita delle partecipazioni minoritarie del 49% nelle società messicane Seguros Banorte Generali e Pensiones Banorte Generali per un controvalore complessivo lordo di $857,5 milioni (€649 milioni). La transazione genera per Generali una plusvalenza netta di circa €500 milioni a livello consolidato.

Fiat nuovamente in rosso. Gli analisti di UBS hanno rivisto la raccomandazione su Fiat a “neutral” da “buy” (acquistare) portando il target price da 5,50 a 6 euro, contro i 5,7 circa attuali. Alla base della decisione il notevole rialzo del titolo da inizio anno, superiore del 50%, che riduce i margini di upside, e l’incertezza riguardo le necessita’ di nuove richieste di capitale per far fronte alla integrazione con le strutture americane.

Debole Telecom Italia. L’Argentina ha chiesto l’elaborazione di un nuovo regolamento per la qualità dei servizi telefonici nel Paese. Il provvedimento rischia di impattare su tutto il settore dominato nel Paese da Telefonica -Moviles, da Telecom Argentina (la partecipata di Telecom Italia) e dalla Claro di Carlos Slim. Tutte le società sono già state multate quest’anno e il provvedimento ricorda da vicino un intervento analogo avvenuto in Brasile. Lo riporta stamane Il Sole 24 Ore.

HEADLINES

Mps, Mussari e Vigni a giudizio immediato
Banca d’Italia è stata individuata dal gip di Siena come parte offesa e potrà costituirsi parte civile nel processo contro gli ex vertici di Mps Giuseppe Mussari (ex presidente), Antonio Vigni (ex direttore generale) e Gianluca Baldassarri (ex responsabile area finanza). L’accusa è di ostacolo alla vigilanza sul caso del derivato Alexandria sottoscritto nel 2006 con Dresdner e rinegoziato con Nomura. Alla Banca d’Italia si nascose il mandate agreement che consentiva di legare le perdit del primo al secondo prodotto senza evidenziare le perdite emerse che sarebbero state di circa 700 milioni di euro. Il tutto per finanziare l’operazione Antonveneta voluta da Mussari. I legali di Mussari, Vigni e Baldassarri hanno ora 15 giorni per valutare l’eventuale richiesta di un rito abbreviato.

Snam: ok del cda al rinnovo del Programma EMTN e all’emissione di bond
Il Consiglio di Amministrazione di Snam, riunitosi 11 giugno 2013 sotto la Presidenza di Lorenzo Bini Smaghi, ha deliberato il rinnovo del Programma EMTN per un controvalore massimo complessivo di 10 miliardi di euro e l’emissione, entro il 30 giugno 2014, di uno o più prestiti obbligazionari, per un importo massimo di 2,5 miliardi di euro, da collocare presso investitori istituzionali operanti in Europa. I titoli emessi potranno essere quotati presso uno o più mercati regolamentati. Nell’ambito del Programma EMTN deliberato il 4 giugno 2012, della durata di un anno e per un ammontare complessivo di 8 miliardi di euro, sono stati emessi prestiti obbligazionari per complessivi 7,5 miliardi di euro.

Morgan Stanley alzato il giudizio su Buzzi Unicem
Morgan Stanley ha portato il rating di Buzzi Unicem a “equalweight” da “underweight” con prezzo obiettivo fissato a 12,7 euro per azione dai precedenti 10,4. Le stime relative ai rica vi e di Ebitda di MS sono allineate al consensus sul 2013 ed inferiori sul 2014.

Barclays abbassa il target price di Enel
Barclays ha portato il target price di Enel a 3,1 euro da 3,5 euro e confermato il giudizio “equal weight”.

Google rileva Waze
E’ ormai ufficiale l’acquisizione di Waze da parte di Google. In un post sul proprio blog il ceo della società israeliana di mappe online ha annunciato di avere accettato l’offerta della società di Mountain View. Il manager ha affermato di avere preferito la proposta di Google a una quotazione che avrebbe messo la società nelle mani di banchieri e avvocati, mentre il team di Google condivide obiettivi e strategie di Waze. C’è ancora incertezza sull’ammontare della transazione, anche se ricorrenti indiscrezioni parlano di una cifra di poco superiore al miliardo di dollari. Di recente l’applicazione Faceboob per le mappe aveva superato quella di Google spingendo il colosso guidato da Larry Page a questa contromossa.

Inditex: crescono ricavi e utili nel primo trimestre
Inditex, colosso dell’abbigliamento proprietario del marchio Zara, ha chiuso il primo trimestre con ricavi in crescita a 3,593 miliardi di euro (+5,2%) e con un utile di 438 milioni (+1,4%). Il board ha proposto un dividendo annuale di 2,2 euro per azione.

DATI MACRO ATTESI

Mercoledì 12 giugno 2013
01:50 GIA Ordinativi di macchinari apr;
07:30 FRA Occupati T1;
08:00 GER Inflazione mag;
08:45 FRA Inflazione mag;
09:00 SPA Inflazione mag;
10:00 ITA Inflazione mag;
10:30 GB Tasso disoccupazione mag;
10:30 GB Variazione n° disoccupati mag;
11:00 EUR Produzione industriale apr;
16:30 USA Scorte settimanali petrolio e deriva ti.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Non si sa più dove investire

dove investire in una situazione finanziaria ed economica cosi incerta? Abbiamo preso sotto esame i tre principali mercati, FtseMib, Oro e Euro e il futuro non è roseo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.