Home / Forex / Gestione del rischio nel forex

Gestione del rischio nel forex

gestione-del-rischio

Il rischio nel trading online è certamente l’elemento fondamentale. Alcuni giorni fa abbiamo parlato del rischio sulle opzioni binarie nell’articolo “Gestione del rischio nel trading e con le opzioni binarie“. Oggi riprendiamo questo importante argomento ma dedicato al Forex.

La gestione del rischio nel forex deve essere una priorità, infatti, qualsiasi trader serio sa essere prudente e sapere quando è il momento giusto per uscire dal mercato. Solo in questo modo il trader potrà essere in grado di limitare le sue perdite.

Questo concetto molto importante, si diversifica in diversi principi che dovrebbero essere presi in considerazione:

– In nessun caso il trader deve investire tutto il suo capitale nel trading. Prima di aprire un conto presso un broker forex è necessario definire con precisione quale capitale investire ed essere consapevole che tale potrebbe anche essere perso. In definitiva, la somma impegnata nel forex non deve intaccare quella parte di denaro che è necessario per vita di tutti i giorni.

– Altra regole fondamentale è che in nessun caso il trader deve utilizzare più del 20% del capitale in modo da essere in grado di recuperare le perdite che normalmente si subiscono. E’ normale chiudere delle operazioni in perdita, ma la regola del 20% permetterà di essere al sicuro di aver la possibilità di recuperare il denaro perduto.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Esempio: Un trader con un capitale di 1000 euro che beneficia di un effetto leva del 100. Il suo margine disponibile è quindi 1000 x 100 = la somma di 100.000 euro. Sulla base di questa famosa regola del 20%, egli non dovrebbe investire un importo superiore a 20.000 euro. Di fatto, se non osserverà questa regola di base del 20%, il trader potrà non essere in grado di mantenere la sua posizione per un acquisto se il tasso di cambio scende e sarà quindi costretto a chiudere la sua posizione.

limitare le perdite con livelli di protezione. Questo strumento per i trader prende il nome di stop loss ed è quello che ha funzione di chiudere l’operazione nel momento che i prezzi stanno andando nella direzione opposta a quella sperata. Lo stop loss ha il compito ben preciso di limitare le perdite in operazione di trading. Solitamente i trader esperti sanno posizionare lo stop loss nel miglior posto (solitamente sotto o sopra ai livelli di supporto o resistenza), in questo modo hanno la certezza che le perdite saranno sempre limitate.
Tutti i broker forex integrano nelle loro piattaforme di trading strumenti come stop loss, take profit e trailing stop.

– Ultima regola per la gestione del rischio nel forex consiste in un’autolimitazione da parte del trader. Grazie a questa tecnica, il trader potrà lasciare il mercato nel momento predefinito in anticipo, ma ad un prezzo superiore al prezzo di acquisto.
Il calcolo dei limiti è di fatto basato sul preventivo delle offerte / domande e considerando il rapporto rischio / guadagno.
Con questo metodo è possibile ottenere i guadagni anziché loro reimpiego, rischiando di perdere tutto.
Essere un buon trader richiede molte cognizioni su come gestire i rischi e ha quindi bisogno di una buona dose di prudenza. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario seguire questi semplici principi e, soprattutto, sapere come definire i limiti e le soste.

Certo che quelle appena descritte, anche se le più importanti e utili, sono quelle regole che permettono la maggior parte degli investitori di operare con sicurezza ed a volte osare con maggior rischio, ma quello che importante è di rispettare le regole della gestione del rischio nel forex.

Un consiglio per tutti: °°limitate le perdite e lasciate correre i profitti°°


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *