Home / Forex / Differenze tra Trading Online e Forex

Differenze tra Trading Online e Forex

Il trading online per i meno “anglofoni” e meno aggiornati sull’argomento, può essere definito come l’azione di acquistare e vendere prodotti finanziari attraverso piattaforme online. Mentre prima dell’era digitale questi scambi potevano essere effettuati solamente in borsa, per corrispondenza o per telefono, ora si può fare tutto online, in tempo reale e da qualunque luogo.

La figura del broker che, prima dell’avvento di tali piattaforme, aveva un rapporto diretto con i propri investitori e raccoglieva capitali da investire nei mercati finanziari, si è trasformato in un portale web dove chiunque voglia ottenere un profitto dai mercati finanziari, può registrarsi e iniziare a fare trading.

Come i broker tradizionali, anche i broker online guadagnano commissioni da ogni transazione.

I prodotti finanziari disponibili

Il trading online offre tantissimi prodotti finanziari su cui è possibile investire ed ottenere un profitto.

Essi possono essere suddivisi in alcune categorie:

  • Forex: si tratta della compravendita di valute con lo scopo di ottenere un profitto. Se io ritengo che nel prossimo futuro l’economia inglese migliorerà, potrei decidede di cambiare di Euro in Sterline e poi, dopo un certo periodo di tempo ricambiare le Sterline in Euro. Se ho rivenduto ad un prezzo più alto di quanto ho acquistato, ho attenuto un profitto
  • Azioni (es. Generali, FCA, ecc): È lo stesso principio del forex con la differenza che in questo caso si acquistano delle azioni di aziende italiane o estere che reputo in crescita, per poi rivendere le azioni in futuro ad un prezzo più alto
  • Materie prime (es. Oro, Petrolio): Le materie prime sono i cosiddetti “beni rifugio”. Quando l’economia va male in molti preferiscono disinvestire dai mercati azionari. Se ritieni che si stia avvicinando un periodo di crisi economica, potrebbe essere una buona idea comprare oro, per poi rivenderlo nel pieno della crisi.
  • Indici (es. Nasdaq, Dow Jones): Una variante rispetto al forex potrebbe essere quella di investire negli indici delle principali borse mondiali.
  • Criptovalute (es. Bitcoin, Etheurum): Si tratta della forma di investimento più recente rispetto a quelli citati in precedenza. Sono mercati ad altissima volatilità che quindi comportano alti rischi, ma possibilità di guadagno elevate.

Infografica

Forex e coppie di valute

Il forex è sempre considerato il prodotto finanziario del trading online per antonomasia. Senz’altro rappresenta il compromesso migliore tra rischio e opportunità di guadagno. Prima di iniziare a fare trading è importante formarsi, studiare i mercati, magari partendo da alcune nozioni fondamentali.

Come accennato in precedenza il processo del forex è piuttosto semplice ed è analogo a quello che avviene quando si va all’estero per turismo.

Ci si reca all’ufficio del cambio e si cambia una determinata quantità di Euro in valuta locale. Il prezzo con cui acquistiamo la valuta locale cambia continuamente ed è diverso a seconda del giorno in cui effettuiamo il cambio.

Nel Forex si fa la stessa cosa, con la differenza che lo scopo è quello di trarre un profitto da tale operazione, rivendendo ad un prezzo più alto di quello a cui si è comprato.

Bisogna in altre parole “scommettere” sul fatto che una determinata valuta e quindi l’economia di uno stato, cresca o decresca nel prossimo futuro.

Per semplicità le valute principali vengono abbreviate con delle sigle come segue:

  • USD – Dollaro americano
  • EUR – Euro
  • JPY- Yen
  • GBP – Sterlina
  • CHF – Franco svizzero

Nel Forex le valute vengono sempre abbinate in coppie e ad esse viene associato un valore. Ad esempio EUR/USD = 2 significa che sono necessari due dollari per acquistare un Euro.

Queste coppie si dividono in coppie maggiori, minori ed esotiche. Le coppie principali o maggiori includono le valute con il maggior numero di scambi e sempre il dollaro. Rappresentano più dell’80% del totale degli scambi Forex. Esse sono:

  • EUR/USD: detta anche Fiber include Euro e Dollaro USA
  • GBP/USD: detta anche Cable include Sterlina e Dollaro USA
  • USD/JPY: detta anche Gopher include Yen e Dollaro USA
  • USD/CHF: detta anche Swissie include Franco Svizzero e Dollaro USA
  • USD/CAD: detta anche Loonie include Dollaro Canadese e Dollaro USA
  • AUD/USD: detta anche Aussie include Dollaro Australiano e Dollaro USA
  • NZD/USD: detta anche Kiwi include Dollaro Neozelandese e Dollaro USA

Le coppie minori invece non includono il dollaro. Hanno un andamento molto più altalenante e meno prevedibile e sono conosciute con i nomi di currency cross o simply cross o minors. Lo spread tra una valuta e l’altra può oscillare moltissimo, in modo rischioso.

I “minors” sono presenti su TradeApp, ma sono tipologie di investimento indicate solo per i più esperti. Essi offrono importanti possibilità di guadagno ma alti rischi in quanto POCHI INVESTITORI SONO DAVVERO ESPERTI DI MERCATI MINORI.

Infine le coppie esotiche sono composte dal dollaro e da una valuta appartenente ad un mercato emergente (es. dollaro australiano, pesos messicano, rupia indiana, ecc). Per le coppie esotiche vale quanto detto per le coppie minori in modo ancora più estremo: gli scambi realizzati sono davvero pochi e quindi potrebbero potenzialmente permettere altissimi guadagni ma sono ad altissimo rischio.

Le valute esotiche possono essere all’interno dei circuiti, completamente convertibili, ossia senza alcun limite e restrizione imposta dal governo di appartenenza (pesos messicano), parzialmente convertibili e poco controllate ( rupia indiana), oppure non convertibili, dette anche valute bloccate.

Migliori Broker Forex e CFD

Broker Caratteristiche Inizia
Itrader Licenza CONSOB, CySEC
Conto clienti protetto
Broker ECN
apri ora
24Option Licenza CONSOB, CySEC
Supporto clienti
Formazione professionale
apri ora
activtrades Licenza CONSOB, FCA
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Diventare trader oggi è molto più facile

Il tuo sogno è quello di diventare un trader a tempo pieno? Vorresti guadagnare soldi con il trading online? Ecco tutto quello che è necessario sapere per iniziare con il piede giusto

Regolamento dei commenti di Dove Investire

Puoi commentare anche come ospite secondo le finalità della Privacy Policy e della normativa privacy Disqus.

Leggi il nostro REGOLAMENTO dei commenti prima di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.