Home / Finanza Personale / Servizi bancari / Eliminata l’imposta di bollo per i piccoli risparmiatori

Eliminata l’imposta di bollo per i piccoli risparmiatori

Alcune settima fa avevamo parlato della nuova imposta di bollo sui conti deposito che sarebbe passata dallo 0,15% di ora al 0,20% dal 1° gennaio 2014. Un ennesimo balzetto che avrebbe toccato maggiormente i piccoli risparmiatori. Ma per fortuna questo aumento non toccherà tutti anzi, risparmierà proprio i piccoli risparmiatori. 

E’ la notizia di alcuni giorni fa descritta in un emendamento alla Legge di stabilità del Governo Letta. Dal 2014 l’imposta di bollo minima non si pagherà più. Sarà eliminata quell’imposta di 34,20 euro annuali che tutti i correntisti erano obbligati a pagare. Una notizia che andrà a beneficiare soltanto i piccoli risparmiatori, mentre sarà più salata per gli altri.

L’eliminazione dell’imposta di bollo non sarà ristretta solamente per sui conti deposito, ma anche su altri strumenti finanziari come conti correnti, polizze vita e altro ancora.

Dal 2014 ci saranno più strumenti di investimento per i piccoli risparmiatori. Pensare che un investimento in BOT di mille, o due mila euro con un rendimento dell’1% all’anno, fino ad oggi l’imposta di bollo obbligatoria è stata maggiore degli interessi maturati. Dal prossimo anno, quindi darà possibile investire piccole somme sui BOT per ottenere profitti.

Il tetto considerato per essere esenti dal pagamento dell’imposta di bollo per il 2014 sarà pari o inferiore a 17 mila euro. Per le somme superiori invece rimarrà valido l’aumento dell’imposta che passerà che aumenterà dall’0,15% allo 0m2%.

Ma non sarà l’unica novità l’eliminazione dell’imposta di bollo, è stato anche aumentato il tetto massimo dell’imposta, da 4.500 a 10.000 euro, il che fa ben capire che il provvedimento inciderà sui grandi investitori.

Speriamo che il trend ribassista sugli interessi offerti dai conti deposito si fermi, offrendo anche per il 2014 una buona forma di investimento per i piccoli risparmiatori. Ci aspettiamo che le banche che avevano già optato sul pagamento dell’imposta di bollo per conto dei clienti, propongano nuove offerte aumentando gli interessi offerti.


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Conto deposito; Il ritorno di interesse verso gli investimenti sicuri

Il conto deposito è un prodotto finanziario redditizio e sicuro. E' tornato in corsa dopo i crolli delle borse causati dalla questione della Grecia, la crisi Cinese e lo scandalo Volkswagen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.