E’ la fine dei conti deposito? Sono arrivate le nuove imposte di bollo

Come sempre succede, le cose belle non durano per sempre. Anche i conti deposito, descritti come migliore investimento sicuro del 2012, sono stati presi di mira dalle tasse.

Dal 1° gennaio 2012 i possessori di un conto deposito dovranno pagare l’imposta di bollo dello 0,10% annuo per il 2012 (minimo 34,20 euro e massimo 1.200) e dello 0,15% dal 2013 (senza alcun tetto massimo).
A stabilirlo è stato il decreto fiscale approvato il 24 febbraio dal governo che nelle modifiche del testo ha allargato anche ai depositi bancari e postali l’imposta proporzionale che colpisce i prodotti finanziari.

Ricordiamo che prima di questa modifica i conti deposito non rientravano nell’imposta fissa di 34,20 euro dei conti correnti e dei libretti di risparmio e nemmeno erano soggetti a quella proporzionale perché esclusi non essendo considerati strumenti finanziari.

✅ Stai cercando un corso completo per avere successo con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Una guida completa al trading scritta con parole semplici e comprensibili, per aiutare gli aspiranti trader a muoversi con sicurezza.
👉 Scarica la guida gratuita!

Ora si attenderà a capire chi dovrà pagare queste spese in quanto nei messaggi pubblicitari erano proprio gli istituti di credito che si accollavano l’imposta di bollo.
Ora però questo cambia e se saranno le banche a pagare sarà un conto salato in quanto per ciascun conto dovranno versare il bollo a percentuale con conseguente incremento dello 0,10% (0,15%) del costo annuo della raccolta.

Se avete intenzione di aprire un conto deposito vi consiglio di valutare bene la scelta in quanto alcune banche hanno abbandonato l’agevolata magnanimità e sono corse ai ripari prevedendo l’addebito al cliente della relativa imposta. Ciò vale, ovviamente, per i nuovi contratti, ma non per quelli in essere.

Quello che potrebbe accadere ora  è una probabile trasformazione dei conti di deposito in conti correnti ordinari o vincolati. Quindi prima di fare una scelta fate un attenta riflessione.
Fonte: ilsole24ore.com


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Gli strumenti utili per guadagnare nel Forex

Sei alla ricerca di strumenti utili per guadagnare con il Forex trading? Grafici, Robot Forex, ebook e indicatori di trading, tutto quello che ti serve per guadagnare nel Forex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.