Consigli per evitare brutte sorprese nella scelta del conto deposito

Nel precedente articolo abbiamo confrontato i rendimenti dei conti deposito. Il risultato è stato che i conti deposito meno famosi sono più convenienti, ma prima di scegliere è necessario seguire alcuni consigli per evitare brutte sorprese.

Scegliere un conto deposito meno famoso, può essere si conveniente ma il consiglio è sempre meglio verificare se la banca è in regola con le autorizzazioni della Banca d’Italia.

Cominciamo col dire che i conti di deposito, come i conti correnti, sono coperti dal Fondo interbancario di tutela dei depositi fino a 100mila euro.
Esistono poi le autorizzazioni e i controlli istituzionali. Un istituto per operare in Italia deve essere autorizzato dalla Banca d’Italia. Ogni operatore è sottoposto alla vigilanza di via Nazionale e comunque in caso di fallimento e messa in liquidazione, interviene il Fondo di garanzia.

Tuttavia se si vuol limitare l’eventuale rischio, il consiglio migliore è quello di spacchettare l’investimento: investire piccoli tagli scegliendo vincoli temporali diversi e magari accendendo depositi su banche diverse, scegliendo tra quelle che si accollano l’imposta di bollo. Meglio evitare di vincolare la giacenza con lo stesso istituto, ma diversificando i vincoli. In questo modo si ha la possibilità di avere a disposizione liquidità con maggiore facilità.

Dal primo gennaio 2013 l’imposta di bollo sui conti di deposito sale dall’attuale 0,1% allo 0,15%. Resta il limite minimo di 34,20 euro annui mentre il tetto massimo di 1.200 euro verrà abolito. A conti fatti quindi fino a 34.200 euro investiti, si continuerà a pagare sempre 34,20 euro.

Diverse banche continuano a esentare i loro clienti dal pagamento dell’imposta di bollo, questo perché gli istituti stanno cercando di frenare la fuga dei risparmiatori. Precisiamo che nel caso ci sia una modifica del contratto e la banca chieda il pagamento del bollo, il risparmiatore ha tempo 60 giorni per recedere dal contratto senza spese e alle condizioni originarie del contratto e quindi senza che gli venga addebitato il bollo.

L’alternativa ai conti deposito, che godono di una crescita di interesse, sono gli strumenti di risparmio postale, libretti e buoni postali, che a parità di garanzie, non sono previste imposte di bollo e i rendimenti sono molto buoni specie sul lungo periodo.


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Capixal Licenza CySEC
Piattaforma MT4 e Mobile
Oltre 350 CFD disponibili
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA
Social Trading
Protezione dei fondi
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 67 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.