Home / Finanza Personale / Risparmio / Il costo della benzina continua ad aumentare, perchè?

Il costo della benzina continua ad aumentare, perchè?

Il costo della benzina continua ad aumentare senza sosta nonostante spesso ci siano le condizioni per un ribasso che regolarmente non avviene.

L’impressione di molti automobilisti, infatti, è che quando ci sono tensioni internazionali (come nel caso della crisi libica di questi giorni) che portano ad un rialzo del prezzo del greggio le compagnie aumentino tempestivamente il prezzo alla pompa, cosa che non avviene quando si dovrebbe far scendere il prezzo.

Ecco da cosa è determinato il prezzo del carburante.

Stando a quanto pubblicato su Ilsole24ore.it il costo internazionale del carburante (il Platts), cioè quello determinato dal costo della materia prima, rappresenta solo il 35% del prezzo che noi paghiamo alla pompa di benzina.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Del restante 65% ben il 55% è determinato dalla tassazione che porta il valore della benzina, tra tasse e iva, sui livelli inaccettabili di questi giorni, ossia a quota 1,50-1,60 euro al litro.

Come abbiamo detto più volte il costo della benzina su questi livelli, fino a quando la nostra economia si reggerà su questa fonte d’energia, porta gravi danni alla crescita pesando negativamente sul bilancio delle imprese e delle famiglie.

A questo punto viene da domandarsi: a quando una politica economica che si basi su fonti rinnovabili e molto meno costose nel medio – lungo periodo?

Ovviamente ci vuole la volontà di tutti, governo, istituzioni, famiglie e imprese ma oggi abbiamo la tecnologia per sfruttare fonti diverse dal petrolio che oltre che inquinare meno permettono di spendere molti meno soldi.
Fonte: economyonline.it


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Il prezzo del petrolio è stabile ma il prezzo della benzina vola alle stelle

Il mercato del Petrolio non fa’ più notizia come con lo scoppio della bolla speculativa del 2008, quando i ha visto raggiungere il prezzo a 150$. Rimane il fatto che anche se non si segue più costantemente l'andamento del prezzo del petrolio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *