Home / Finanza Personale / Prestiti / Le nuove regole dicono: maggiore trasparenza sui prestiti

Le nuove regole dicono: maggiore trasparenza sui prestiti

Da poco attiva la nuova regolamentazione per le banche italiane, ideata per garantire ai consumatori una maggiore trasparenza nella stipula di un contratto per un prestito, un mutuo o più generalmente per un qualsiasi finanziamento.

Diverse le voci toccate dal provvedimento, incluse nel Decreto Legislativo 141/2010 e che toccano più ambiti della questione “trasparenza” nei finanziamenti.

Perizia
Prima della stipula del contratto, la perizia effettuata dal finanziatore dovrà prevedere un’analisi del merito creditizio del cliente.

Solo a seguire si potrà procedere a redigere il contratto, obbligatoriamente in forma scritta e con la presenza, all’interno, di una serie precisa di informazioni previste come “base” informativa dal legislatore.

Punti salienti dei contratti
All’interno dei contratti per la concessione di un finanziamento non dovranno mancare, dunque, una serie di elementi da porre in assoluto rilievo tra cui il Taeg (tasso annuo effettivo globale). Quest’ultimo rappresenta un indicatore attendibile di ciò che il consumatore dovrà pagare.

Fai Trading su Valute, Materie Prime, Azioni e Molto Altro. Conto DEMO gratuito, Formazione Completa. Vincitore Migliore Broker!

Il 73,9% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con Markets. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Recesso e Rimborso
Il cliente può optare per il recesso del contratto entro 14 giorni (recesso per ripensamento).
Per quanto concerne il rimborso anticipato, questo potrà avvenire avendo diritto alla riduzione del costo totale del debito pari agli interessi e ai costi dovuti per la durata residua del contratto.

Pubblicità trasparente
Le offerte pubblicitarie riguardanti prestiti e mutui dovranno indicare in maniera chiara tutte le spese affrontate nella stipula, e la necessità di stipulare eventuali polizze assicurative.

Questi sono, dunque, i punti salienti presenti all’interno del Decreto, con i quali si cercherà dunque di garantire una maggiore trasparenza in termini di finanziamenti ai consumatori in una realtà, quella bancaria, in Italia ancora troppo simile ad una vera e propria “giungla“.
Scritto da Matteo Aldamonte, Fonte: ciakprestitiemutui.com


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Strumenti di trading avanzati
Strategie personalizzate
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
FXCM Licenza FCA, Consob
Zero commissioni
Strumenti di trading esclusivi
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Aumentano le richieste di prestiti..

Aumentano le richieste di prestiti per l’acquisto di auto. La durata più richiesta di un prestito è mediamente di 60 mesi, con una somma di denaro erogato medio di circa 10.000 euro per l’acquisto di un’auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.