Home / Finanza Personale / Prestiti / Ecco le nuove regole dell’Unione Europea sui prestiti personali

Ecco le nuove regole dell’Unione Europea sui prestiti personali

È ufficiale, da domani 19/10/2010, entreranno in vigore le nuove regole dell’Unione Europea a proposito di prestiti personali. Il decreto legislativo 141 del 13 agosto 2010, che allinea l’Italia alla normativa europea sul credito a consumo (direttiva 2008/48/CE), diventa finalmente operativo anche da noi disciplinando quello che finora è stato un vero e proprio far west.

Tra le tante novità della riforma, che mira a una maggiore chiarezza delle informative degli istituti finanziari garantendo al consumatore il diritto a una scelta consapevole, vi è la possibilità di ripensarci e recedere dal contratto (già firmato) con una semplice procedura.

Come fare?
Il diritto di recesso potrà essere esercitato entro 14 giorni dalla firma del contratto di prestito senza dover fornire motivazioni sulla scelta o pagare delle penali. Inoltre il consumatore potrà svincolarsi dal contratto anche in caso di inadempimento del fornitore se, per esempio, il prodotto/servizio non viene consegnato o presenta dei difetti, in questo caso si parla di “diritto alla risoluzione del prestito”. Il cliente potrà quindi fermare il pagamento delle rate e ottenere il rimborso di quelle già pagate.

SCOPRI LA DIFFERENZA

www.activtrades.com/it/

Fai trading su Forex e CFD con un Broker affermato
Supporto Clienti Pluripremiato, Protezione dei fondi, Conto demo gratuito

A questo proposito grande importanza avrà il collegamento negoziale, ossia il rapporto tra il contratto di acquisto e quello di finanziamento: al decadere del primo decade pertanto anche il secondo.

Le nuove norme riguardano i prestiti personali, quelli finalizzati all’acquisto di un determinato bene, la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, per importi che vanno da 200 euro a 75mila euro. Ma è bene ricordare che, anche se attiva tra pochi giorni, la concreta applicazione della legge probabilmente avverrà nel 2011. Bisognerà infatti attendere le indicazioni della Banca d’Italia che avrà tempo 120 giorni per emanare la normativa di dettaglio e gli intermediari finanziari disporranno di altri 90 giorni per recepirla.

Nell’attesa che Bankitalia chiarisca i punti della riforma del credito al consumo attraverso una seconda normativa, coloro che sono interessati a richiedere un prestito possono trovare nel comparatore di prestiti personali del sito Supermoney un valido aiuto. È possibile compiere una ricerca semplice e veloce indicando la finalità e durata del finanziamento, l’importo richiesto, la modalità di rimborso e l’opzione assicurazione desiderate incrociando la scelta con le specifiche di ogni utente per trovare la soluzione che fa al caso proprio.


Qualunque tipo di trader tu sia, ITRADER ti offre ciò che stai cercando!

Migliori Broker Forex e CFD

Broker Caratteristiche Inizia
Itrader Licenza CONSOB, CySEC
Conto clienti protetto
Broker ECN
apri ora
24Option Licenza CONSOB, CySEC
Supporto clienti
Formazione professionale
apri ora
activtrades Licenza CONSOB, FCA
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Quello che non ci piace pagare

Ci sono delle spese che gli italiano proprio non vanno giù.. le più fastidiose sono benzina, stipendi dei politici e il canone Rai. Se anche tu vuoi dirci cosa non ti piace pagare, inserisci qui il tuo commento

Regolamento dei commenti di Dove Investire

Puoi commentare anche come ospite secondo le finalità della Privacy Policy e della normativa privacy Disqus.

Leggi il nostro REGOLAMENTO dei commenti prima di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.