Home / Finanza Personale / Mutui / Taglio dei tassi da parte della BCE, cosa succede ai mutui e spread

Taglio dei tassi da parte della BCE, cosa succede ai mutui e spread

La notizia tanto attesa è arrivata, venerdì la Bce ha abbassato il costo del denaro dello 0,10% portandolo al minimo storico dello 0,15% dal già ridottissimo 0,25% di prima.

L’ultimo taglio dei tassi risaliva a novembre 2013 e sembrava fosse stato toccato il minimo assoluto e invece non lo è stato.

Mai nella storia i tassi di interesse hanno toccato lo 0,10%. La notizia già nella giornata di venerdì ha dato forza alle borse e abbassato ulteriormente lo spread.

La scelta della BCE ha l’obbiettivo di stimolare l’economia, abbassare la quotazione dell’euro e allontanare lo spettro della deflazione.

SCOPRI LA DIFFERENZA

www.activtrades.com/it/

Fai trading su Forex e CFD con un Broker affermato
Supporto Clienti Pluripremiato, Protezione dei fondi, Conto demo gratuito

Le conseguenze immediate non sono solo l’abbassamento dello spread, ma anche quella sugli interessi dei mutui anche se molto contenuti. Infatti per chi ha un mutui il calo sarà dell’ordine dell’1% appena.

I mutui come sappiamo seguono l’andamento dell’Euribor e dell’Eurirs. Il taglio dei tassi molto probabilmente farà risparmiare qualche cosa ma sono già a livelli minimi vicini allo zero.

Il taglio dei tassi potrebbe però toccare gli spread dei mutui, vale a dire l’aliquota applicata dalle banche. Questo potrebbe portare dei buoni vantaggi per quelle famiglie che il mutuo lo devono ancora fare. Sembrerebbe che le previsioni dello spread possano scendere al di sotto del 2% a fine anno.
Questa è comunque una buona notizia anche per chi il mutuo che l’ha già in quanto, se fatto nei momenti della crisi, la possibilità di fare una surroga del proprio mutuo, offrirà grandi vantaggi economici con un tasso più conveniente.


Scuola di Trading in 4 Volumi. Scarica i tuoi nuovi ebook sul trading!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
ATFX Licenza FCA
Spread competitivi
Zero commissioni
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
ETFinance Licenza CySEC
Spread stretti
Piattaforma MT4
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

L’ORO torna ad essere l’asset rifugio d’eccezione

Dopo le vendite su tutti i mercati e in particolare l'azionario globale, che hanno coinvolto anche oro, petrolio e argento, oggi tornano gli acquisti sugli asset rifugio, con l'oro nuovamente protagonista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.