Home / Finanza Personale / Fisco / Nuovo aumento dell’imposta di bollo sui prodotti di risparmio

Nuovo aumento dell’imposta di bollo sui prodotti di risparmio

Dopo tanto parlare dei conti deposito e dei buoni tassi di interesse offerti, ci dovremmo aspettare un ennesimo aumento dell’imposta di bollo.

Già non bastasse la lenta ma costante diminuzione dei tassi di interesse applicati dai conti deposito, che oggi ci si mette anche le nuove norme sulla Legge di Stabilità, che con un ennesimo balzetto, ha imposto da gennaio 2014 un nuovo aumento dell’imposta di bollo sui conti deposito.

Un prodotto di risparmio che molte persone hanno scelto come forma di investimento sicuro e gli elevati tassi di interesse applicati fino a qualche mese fa.

Purtroppo i conti deposito come altri strumenti comuni di investimento, hanno subito un aumento del capital gain passato dal 12,5% fino al 2012 al 20%. Inoltre l’imposta di bollo con gli anni ha registrato un continuo aumento. Ne abbiamo parlato già al tempo con l’articolo “Sono arrivate le nuove imposte di bollo“, dove si metteva in luce l’aumento dell’imposta di bollo che dello 0,10% annuo (minimo 34,20 euro) è passato allo  0,15% nel 2013 (senza alcun tetto massimo).
Da gennaio 2014 ci sarà un nuovo peggioramento delle condizioni in quanto l’imposta di bollo subirà un ennesimo aumento attestandosi allo 0,2%.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Questa nuova imposta non colpirà solamente i conti deposito ma anche altri strumenti di risparmio come ad esempio i buoni fruttiferi postali. Per essere precisi la nuova imposta riguarda tutti i prodotti finanziari anche non soggetti ad obbligo di deposito, ivi compresi i depositi bancari e postali, anche se rappresentati da certificati.

Questa nuova norma della Legge di Stabilità penalizzerà in particolar modo il piccolo risparmiatore che fino ad oggi ha scelto questi prodotti di risparmio per difendersi dall’inflazione.

Ora inizierà una nuova ricerca degli istituti disposti a pagare l’imposta di bollo al posto del cliente. Fino ad oggi qualcuno se ne poteva trovare, ma saranno ancora disposti a prendersi in carico il nuovo aumento? Molto probabile che il numero si ridurrà.
Al momento questi sono i nomi di alcuni istituti che prendono in carico l’imposta di bollo: Rendimax , You Banking, Iblbanca, ContForte di Banca Medio Credito,BccForweb.

La domanda ora è: i conti deposito sono ancora cosi convenienti? di certo rimangono investimenti sicuri ma andando avanti di questo passo, difficilmente manterranno il passo dell’inflazione…


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Le azioni necessarie per imparare a guadagnare in borsa

È possibile guadagnare in borsa? Quali sono le regole da seguite? Una guida utile per imparare a guadagnare in borsa in modo semplice e chiaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *