Home / Finanza Personale / Fisco / Cosa succede a chi non paga l’IMU?

Cosa succede a chi non paga l’IMU?

Il mese di giugno è arrivato e con questo, oltre all’atteso caldo, è arrivata la scadenza della prima rata dell’IMU.

L’appuntamento è il 18 giugno. Entro questa data sarà necessario versare la prima rata dell’acconto.

Ma cosa succederà a chi non paga la prima rata dell’IMU entro la scadenza?

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Le associazioni stimano che saranno molte le persone che non riusciranno a pagare entro la tale data.
Sembrerebbe che le sanzioni siano leggere fino al punto, dicono le associazioni, che per le persone in precaria situazione economica, sia conveniente non pagare subito.

Per l’associazione artigiani, prendendo per esempio un proprietario di prima casa che non pagherà nei tempi la prima rata di 50 euro, pagherà, tra interessi e sanzioni, 1,60 euro aggiuntivi nel caso il pagamento avvenga entro il trentesimo giorno dalla scadenza. Oltre il trentesimo e fino ad un anno dal termine iniziale, la maggiorazione sarà invece di 3,13 euro.


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

IMU: dubbi non chiariti

Sarà questa la prima delle tre scadenze previste per il pagamento dell'imposta sulla prima casa. Anche se manca poco, sono ancora tanti i dubbi non chiariti come anche le eventuali sanzioni sugli errori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *