Cosa dice la legge sugli immobili situati all’estero, quanto sono le tasse da pagare

Dopo aver intraprese l’argomento IMU, tabelle e strumenti di calcolo, oggi facciamo chiarezza sulle novità introdotte nel decreto sulle semplificazioni fiscali per quanto riguarda l’imposta sugli immobili situati all’estero.

L’articolo 19, comma 13, del d.l. 201/2011, dice che l’imposta unica è applicata anche al valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche che risiedano nel territorio dello Stato.

L’imposta sarà dovuta in maniera proporzionale alla quota di possesso e ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso, con misura di 0,76 punti percentuali sul valore degli immobili costituito dal costo risultante dall’atto di acquisto o dai contratti e in base al valore di mercato rilevabile nel luogo in cui è situato l’immobile.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Tale decreto prevede che l’imposta sugli immobili all’estero non sia dovuta se l’importo complessiva della stessa imposta non supera i 200 euro, la stessa franchigia di imposta prevista per l’imposta municipale unica.

E’ prevista una disposizione per la determinazione della base imponibile degli immobili ubicati in Paesi appartenenti all’Unione Europea e in Paesi aderenti allo Spazio Economico Europea che garantiscono un adeguato scambio di informazioni. Per questi immobili il valore da adottare è quello utilizzato nel Paese estero ai fini dell’assolvimento di eventuali imposte sul patrimonio.

Il decreto prevede infine la possibilità di poter scomputare un credito d’imposta pari alle eventuali imposte di natura patrimoniale o reddituale che gravano sullo stesso immobile, che non sia stato già detratto ai sensi della procedura prevista dal Testo Unico sulle Imposte sul Reddito, per evitare una doppia imposizione internazionale sul bene immobile collocato oltre confine.
Fonte: iocomprocasa.com


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
Social Trading
Deposito minimo 50€
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.