Home / Guida trading / Un incubo chiamato IMU

Un incubo chiamato IMU

L’IMU 2012 continua ad essere l’incubo degli italiani. Non è ancora chiaro il l’importo preciso che si dovrà pagare, ma di sicuro, dopo la prima rata di giugno, il conguaglio di dicembre sarà per gli italiani un vero e proprio salasso.

E’ proprio cosi, quest’anno la tredicesima sarà destinata all’IMU e con evidenti conseguenze sui consumi.

Vediamo ora nel dettaglio le possibili novità e cambiamenti della nuova Imu.

Si stima che la nuova imposta municipale dovrebbe portare nelle casse pubbliche oltre 21 miliardi di euro, ma vediamo quali saranno le possibili novità:

1) Fabbricati inagibili: si prevede il ripristino dell’agevolazione Ici che riduce al 50% la base imponibile degli immobili inagibili o inabitabili

2) Immobili storici: si prevede una riduzione al 50% della base imponibile ma vengono soppresse le agevolazioni Irpef.

3) Fabbricati rurali: prevista l’esenzione dall’Imu per i fabbricati rurali considerati strumentali come le cascine, che siano però situati in Comuni a oltre mille metri di altitudine, mentre per tutti gli altri resta l’aliquota al 2 per mille, che i singoli Comuni potranno però ridurre all’1 per mille.

4) Terreni dei coltivatori diretti: reintrodotti gli sconti per i terreni degli imprenditori agricoli professionali (Iap) o dei coltivatori diretti.

5) Case popolari: previsto un bonus a favore dei Comuni, che non dovranno quindi versare allo Stato la quota erariale sugli alloggi popolari regolarmente assegnati dagli ex Iacp e sugli alloggi delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibiti ad abitazione principale dei soci assegnatari.

6) Immobili affittati: non è prevista al momento una riduzione ulteriore per gli immobili in affitto, ma resta salva la possibilità per i Comuni di ridurre l’aliquota fino a un minimo del 4 per mille.

7) Detrazione per i disabili: per il momento non è stata toccata nel testo la possibilità di estendere ai disabili gravi non autosufficienti la detrazione extra di 50 euro, attualmente prevista per i figli di età inferiore a 26 anni che vivono nell’abitazione principale.

Una ulteriore modifica riguarda le tempistiche di approvazione da parte dei singoli Comuni delle nuove aliquote e detrazioni. Il termine del 30 giugno 2012 potrebbe essere esteso al 30 settembre.

Per quanto riguarda i contribuenti, la dichiarazione Imu va presentata entro 90 giorni dall’evento che ha modificato la situazione tributaria (entro il 30 luglio 2012 per gli immobili posseduti al 1 gennaio 2012).

Come abbiamo già detto, l’Imu si potrà pagherà in due rate. Più leggera la prima rata, circa il 30% entro giugno, e la seconda, del 70%, a dicembre.

In seguito il calendario con le scadenze IMU per il 2012:

18 giugno: acconto IMU per il 2012 sulla base delle aliquote attuali ridotte al 50%;
20 giugno: chiusura bilanci preventivi dei Comuni (in tali documenti saranno inglobati gli aumenti IMU di competenza delle municipalità);
30 luglio: termine per la presentazione della dichiarazione sugli immobili posseduti al 1 gennaio 2012;
31 luglio: termine entro il quale il governo può cambiare le aliquote basi e le detrazioni;
30 settembre: data entro la quale i Comuni possono approvare o modificare le aliquote IMU 2012;
16 dicembre: versamento saldo IMU con conguaglio.
Fonte: Tuttogratis.it


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
NSBroker Licenza MFSA, FCA, Consob
Piattaforma di trading avanzata
Trading su criptovalute
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.