Che tipo di investitore sei? Quale è la tua Strategia di Investimento?

Acquista azioni senza commissioni

Riprendiamo oggi un post pubblicato alcuni anni fa ma ancora oggi di grande interesse per gli investitori, cioè le diverse strategie di investimento più comuni.

Che tipo di investitore sei? Quali sono le strategie di investimento d a utilizzare? Quale è la strategia più adatta alle tue esigenze? Scopriamolo insieme in questo articolo.

Indice delle strategie di investimento

La strategia basata sull’analisi fondamentale

La strategia fondamentalista, non fa altro che prendere i cosiddetti fondamentali come discriminanti per l’acquisto di un asset piuttosto che di un altro. In sostanza l’analista di scuola fondamentalista cercherà sempre di scovare quelle aziende che sul mercato hanno un prezzo minore del loro valore reale, quindi quegli asset potenzialmente remunerativi non appena il mercato se ne accorgerà. Dunque il fondamentalista aspetta al varco lo sconto, l’occasione, la roba smessa ma ancora buona, ovvero tutto ciò che altri stanno buttando via ma che prima o poi riacquisterà valore.

Ma è proprio vero che riacquisterà valore? Sembrerebbe di si, purché dietro ci siano realmente i fondamentali sani. Teniamo conto però che a volte ci vogliono anni perché il prezzo si riallinei con il valore reale del mercato.

L’abilità del fondamentalista sta nel riconoscere la situazione attuale dei prezzi, per esempio nelle azioni di borsa, dovrà analizzare la solidità intrinseca di un’azienda, non guardando solo al prezzo, ma soprattutto sapendone valutare il bilancio o parametri come il P/E.

La strategia del Cassettista

Il cassettista come si può ben immaginare, compera azioni (generalmente di compagnie molto conosciute) o di nuovo collocamento, per metterli per così dire in un cassetto e tenerli a lungo, senza controllarne i corsi o aspettare un certo margine di guadagno.

In Italia è molto diffusa la figura del cassettista, ovvero di persone che hanno comprato materie prime, o azioni di borsa di una determinata società perché è ritenuta solida senza altre spiegazioni, o perché i giornali o la televisione ne hanno parlato bene, senza altre spiegazioni. A loro interessa solamente possedere quei titoli e li tengono anche per anni.

Il cassettista ed il fondamentalista sono molto diversi, anche il fondamentalista può tenere gli stessi titoli per anni (così come per pochi giorni), ma la motivazione che lo spinge è che l’azienda è una solida compagnia che in questo momento gli investitori stanno vendendo, spingendone il prezzo al di sotto del ragionevole. E’ evidente che il punto chiave (e la bravura del fondamentalista stesso), sta nel determinare quando un prezzo è ragionevole.

La strategia del Bue

Gli agenti di cambio di una volta chiamavano il pubblico minuto che a loro si rivolgeva “il parco buoi”. Qual è allora la tipica strategia del bue?
Si tratta della strategia più semplice, e non è detto affatto che sia in sé la peggiore: compra un titolo e lo tiene finché non ci guadagna qualcosa; quando ci guadagna lo vende.

Capita allora che il singolo che non ha studiato trading compri un titolo durante il collocamento, e poco dopo lo veda scendere, scendere, scendere… lo veda ridursi alla metà… mentre passano i mesi e poi gli anni. Il bue tipico il suo titolo ce l’ha sempre, e aspetta per anni che raddoppi di valore per avere almeno indietro i suoi soldi, percependo all’anno un dividendo di qualche punticino percentuale.
È il tipico disastro da illusione borsistica: lo hanno provato tutti. Capita. Come detto, che non si tratta della strategia in se più sbagliata; solo richiede qualche correzione. Quando pensate alla Borsa abbiate sempre in mente una cosa: esiste una partita minima.

Perché ho fatto queste considerazioni nell’ambito della strategia del bue? E’ evidente: perché il rimanere con le azioni XXX è parte integrante dell’esperienza del bue. Il comandamento della strategia del bue è il classico: buy low, sell high (acquista basso, vendi alto).

Il problema maggiore della strategia del bue, come abbiamo visto, è che vendendo i titoli sui quali si guadagna e tenendo quelli sui quali si perde, piano piano il portafoglio tende a riempirsi di titoli sui quali si perde. A quel punto di solito scappa la pazienza, comincia a impadronirsi di noi la smania del ”salviamo il salvabile” e si vende tutto… perdendo, naturalmente.
Dopo alcuni mesi, guardando i listini, spesso siamo costretti a riflettere su quanto intempestivi siamo stati a farci prendere dal panico. Ma è altrettanto vero che altrettanto spesso constatiamo quanto siamo stati saggi a vendere tutto.
Capite dov’è il problema? Manca un criterio. Se il buy low, sell high è una delle cose assieme più ovvie e più sagge che siano state dette sulla Borsa, è altrettanto vero che manca un criterio per stabilire il low e l’high: quando siamo bassi? Quando siamo alti? Questa è esattamente la domanda cui tentano di rispondere le tecniche di trading, intese come distinte dal comportamento del bue.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

La strategia del Broker

Il broker, è genericamente quel personaggio che in qualche modo sta sempre attaccato al monitor mentre le riunioni di Borsa sono in corso, e da ordini di acquisto e vendita in continuazione, ha normalmente una strategia piuttosto ben definita, la cui caratteristica saliente è comunque quella, come si dice, di vendere troppo presto (selling too soon).
La strategia del Broker è quella di lasciare l’ultimo 20%, assieme al primo 20%, di un rialzo a qualcun altro, per prendersi il 60% di mezzo.

Il comandamento di questo tipo di approccio lo troviamo anche nella mitologia borsistica italiana. Un broker, Rod Fadem, ha codificato le regole di questa strategia, dandole in questo modo anche una sua maggiore dignità.

Ecco il sunto di queste regole, in parte adattate alla Borsa italiana:

  1. Se hai comprato giovedì e le ragioni per le quali hai comprato dimostrano di essere false il venerdì, vendi. Esempi delle sorprese che ti dicono che hai sbagliato. annuncio di utili più bassi del previsto, manager dell’azienda che vendono pesantemente le azioni di loro proprietà personale, magazzini che aumentano rapidamente ecc…
  2. Quando hai tenuto un titolo perché stava salendo con sicurezza, e di colpo si impenna, vendi. Probabilmente tutte le buone notizie sono già comprese nel prezzo.
  3. Quando le tue azioni di colpo cominciano a salire su grossi volumi, stai attento alle notizie. Appena si sa qualcosa vendi immediatamente: il prezzo ne ha già tenuto conto.
  4. Quando non riesci a trovare del valore nel mercato a causa degli alti P/E e dei bassi rendimenti in termini di dividendi, è come accadde nell’estate del 1987 (nell’ottobre, si ricorderà, ci fu uno dei grandi crolli borsistici della storia), vendi almeno parte delle tue azioni.
  5. Attento a indebitarti per comperare azioni in un mercato toro; al contrario: approfitta del raggiungimento di nuovi massimi per prenderti qualche profitto e pagare i tuoi debiti; al primo scrollone le tue azioni perderanno di valore, ma i tuoi debiti no.
  6. Quando sei coinvolto in un disastro (ad esempio, hai notizie certe che l’azienda è sull’orlo della bancarotta), vendi al mattino in apertura e al meglio, (cioè al prezzo che qualche compratore in quel momento è disposto a darti); non startene lì a sperare in una piccola ripresa; qualche volta, è vero , il primo prezzo segnato al mattino è realmente il punto più basso, ma questo è un rischio che si può correre per non perdere tutto.
  7. Se possiedi azioni di una buona azienda in una industria (intesa come complesso di aziende: l’acciaio, l’automobile, la chimica ecc.) che ha dei problemi, la tua azione al massimo riuscirà a tenere il passo con il mercato. Vendi senza pietà, e investi in un’altra industria.
  8. Se hai un’azione vincente, il massimo è spesso segnato su un volume di scambi fortissimo (il cosiddetto blow-off). A quel punto l’ultimo orso getta la spugna e chi ha venduto allo scoperto si ricopre affannosamente. Si generoso. dai a quella gente le azioni che desiderano tanto.
  9. Quando si è verificato un crollo o un mini-crollo, considera seriamente di vendere le tue azioni di bassa qualità, sia che tu ci perda sia che ci guadagni, e muovi i tuoi soldi in azioni di aziende più solide.
  10. Vendi pure prendendoti la tua perdita se la tua azione rompe il livello minimo dell’anno, anche se non hai avuto nessuna notizia. C’è qualcosa che sta andando storto, ed è meglio uscire prima che si sappia che cos’è.

Molte di queste regole sono assai sagge, e si possono applicare con successo. Sono spesso follia, per chi non ha la possibilità di stare tutta la mattina davanti al monitor, le regole sul vendere rapidamente, non importa a quale prezzo: quelle vanno bene solo se non si ha la minima idea di che cosa si è comperato.
Credo effettivamente che questa sia la discriminante. Se vi comperate un titolo di cui non sapete nulla, applicate la strategia del broker: è la migliore possibile. Ma la migliore strategia possibile è quella di comperare azioni di cui sapete qualcosa!

La strategia dello Scalper

Esiste una categoria molto particolare degli speculatori di Borsa e di vera speculazione si tratta. Difatti lo scalper generalmente segue di continuo i movimenti dei prezzi a breve scadenza (specialmente in intraday), cogliendo solo l’ultimo tratto di crescita prima di una inversione di tendenza. Ottenendo così tanti piccoli guadagni.

Il “trucco” sta nel fatto che un trend si può individuare in maniera definita solo quando è già avviato, lasciando però meno margine di guadagno prima della eventuale inversione. Questo comporta si un guadagno più certo rispetto a chi per esempio scommette su un trend ancora in formazione e quindi non chiaramente distinguibile, ma necessita di una attenzione continua alle variazioni di prezzo.

Lo scalper può effettuare operazioni della durata anche di pochi minuti, e predilige i momenti più “caldi” della giornata borsistica, ovvero l’apertura e la chiusura.
Oltre ad un grande tempismo sono necessari anche degli strumenti avanzati di compravendita in real time. Pensate se negli ultimi minuti di contrattazione della giornata il collegamento ad internet facesse i capricci o il TOL si congestionasse per troppi utenti collegati…

La strategia del Trader

Possiamo definire genericamente trader colui che opera in purezza, fidandosi solo dell’Analisi Tecnica. A lui non importa quasi nulla di che cosa sta comperando. Lui crede fermamente che tutto quello che riuscirà a sapere lo saprà sempre troppo tardi e quindi si fida solo delle sue chart, dei suoi oscillatori ecc…

A causa dello stress emotivo che è insito in ogni situazione speculativa, il trader prepara un metodo di operazione, che include un insieme di regole con le quali opera, e al quale aderisce rigidamente, per proteggersi da se stesso. Molto spesso infatti, le emozioni ti fanno fare cose totalmente estranee o contrarie a ciò che ti farebbe fare il tuo programma di trading. E’ solo aderendo ad una formula precostituita che il trader può distaccarsi dalla frenesia delle emozioni, dal vortice dei consigli o dei rumors e resistere allo stress.


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
CopyTrader
Deposito minimo 50€
apri ora
Capex Licenza CySEC, ADGM, FSA e FSCA
Disponibili oltre 2100 asset
Assistenza individuale
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Dovresti cambiare la tua strategia di investimento durante una recessione?

Una recessione potrebbe influenzare i tuoi piani di investimento, ma seguendo questi consigli saprai come comportati qualsiasi cosa accada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.