Home / Guida trading / I motivi per non preoccuparsi di un crollo del mercato azionario

I motivi per non preoccuparsi di un crollo del mercato azionario

Sai che crollo del mercato azionario arriverà prima o poi, ma non è motivo di farti prendere dal panico. Questi i motivi principali per non preoccuparsi di un crollo del mercato.

È passato quasi un anno da quando il mercato azionario ha avuto uno dei più grandi crolli della sua storia. Chi può onestamente dire di non aver provato un sentimento di panico quando un terzo del portafoglio di investimenti azionario era andato in fumo in pochissimo tempo?

Il mercato azionario ha subito 38 correzioni dal 1950 e se pensi stai pensando che stia arrivando un altro crollo del mercato azionario, dovresti leggere questi cinque motivi per smetterla di preoccuparsi.

1. Prepara un elenco di azioni su cui investire

Se avessi investito 10.000 euro nell’indice S&P 500 il 23 marzo 2020, quando l’indice ha toccato il fondo, oggi avresti più di 17.500 euro. Onestamente sarebbe stato impossibile individuare il momento in cui le azioni hanno raggiunto il loro minimo, ma sta di fatto che un crollo del mercato azionario può essere un’opportunità enorme se sei preparato per questo.

Piuttosto che farti prendere dal panico per un crollo del mercato, prepara un elenco di azioni da acquistare durante il prossimo sell off. Per fare questo ti invito a leggere questi post correlati che ti saranno sicuramente di aiuto:

2. Se non vendi, le perdite saranno temporanee

Il modo più semplice per evitare di perdere denaro in un crollo del mercato è non vendere. Se puoi permetterti di dare ai tuoi investimenti il ​​tempo di recuperare, le perdite che hai subito scompariranno in gran parte. Certo, alcune aziende fragili non sopravviveranno a un mercato ribassista, meglio quindi puntare su aziende solide e buoni fondamentali soprattutto in una fase di mercato come quella attuale.

Invece di preoccuparti del prossimo mercato ribassista, prenditi del tempo per controllare il tuo portafoglio e vendere tutto ciò che vale la pena mantenere a lungo termine.

3. Una brutta giornata spesso significa anche giorni migliori davanti

Se il mercato dovesse crollare rapidamente, è molto probabile che assisteremo ad un successivo e rapido rialzo. Tra il 3 gennaio 2000 e il 19 aprile 2020, si sono verificati sette dei 10 giorni migliori del mercato azionario di tutto il 2020; cinque dei giorni migliori si sono verificati entro una settimana dai giorni peggiori.

Molti esperti prevedevano la scorsa primavera che il mercato azionario avrebbe potuto impiegare anni per recuperare le sue perdite. In realtà, l’indice S&P 500 ha impiegato solo 126 giorni per riprendersi dopo aver toccato il fondo il 23 marzo. Il miglior giorno del mercato azionario del 2020 è stato il 24 marzo, quando l’S&P 500 è salito del 9,38%. Anche il Dow Jones Industrial Average ha registrato il suo più grande guadagno dal 1.933 quel giorno. Ciò non significa che ogni recupero sarà così rapido, ma significa anche che un crollo non significa che i tuoi investimenti saranno spazzatura negli anni a venire.

4. Puoi guadagnare con quelle azioni con dividendi

Anche se i prezzi delle azioni stanno crollando, i tuoi rendimenti non saranno necessariamente negativi o pari a zero. Investire in azioni con dividendi può aiutarti a generare rendimenti, anche durante un crollo del mercato.

I dividendi non sono mai garantiti, ovviamente, ma se prendiamo come  riferimento i Dividend Kings (azioni che hanno aumentato i loro dividendi per 50 o più anni consecutivi) o i Dividend Aristocrats (azioni che hanno un track record di almeno 25 anni di aumenti dei dividendi), anche durante periodi di recessione prolungati possono farti guadagnare un po’ di tranquillità.

5. Il mercato alla fine si è sempre ripreso

La storia ci dice perché non dovresti perdere il sonno per un crollo del mercato azionario: le tue possibilità di trarre profitto dall’investimento nell’S&P 500 sono del 73% in un dato anno. In cinque anni, le tue probabilità sono dell’87%. In 10 anni, le probabilità sono del 94%. E i rendimenti dell’S&P 500 su un periodo di detenzione di 20 anni sono sempre stati positivi.

I recuperi non avvengono sempre rapidamente come vorresti. Ma proprio come puoi contare sul fatto che il mercato azionario crolli di nuovo, puoi anche contare su di esso per rimbalzare.

Ti potrebbe interessare:

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 6 aprile | ActivTrades Markets Commentary

Dopo la pausa Pasquale dei mercati, la giornata vede un dollaro USA in rialzo rispetto alle altre valute, stabile l'oro e ancora in rialzo il mercato azionario europeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.