Home / Guida trading / Metriche di valutazione delle Azioni. Guida all’utilizzo per gli investimenti

Metriche di valutazione delle Azioni. Guida all’utilizzo per gli investimenti

I rapporti e modelli di valutazione delle azioni sono strumenti molto utili e svolgono un ruolo fondamentale per il successo dei tuoi investimenti. Questa guida alle metriche di valutazione delle azioni ti permetterà di scegliere i titoli su cui investire o mantenere in portafoglio.

Metriche e modelli di valutazione possono essere inestimabili quando si valutano le azioni su cui investire. Questi rapporti non sono affatto a prova di errore, ma possono darti un’idea se un titolo è negoziato a un prezzo elevato o uno ‘sconto’ del suo valore equo in base a redditività, crescita e il suo bilancio.

In questo articolo analizziamo diverse metriche di valutazione e ne evidenziamo i punti di forza e di debolezza. Saranno inoltre descritti i tipi di analisi che possono essere utilizzate per completare l’analisi e la valutazione di una azione.

Cosa sono le metriche di valutazione delle azioni?

L’approssimazione del ‘fair value’ di un’azienda può essere determinata in diversi modi. In definitiva il valore di un’azienda è sempre un’opinione e non esiste un unico valore che possa essere assegnato a un investimento.

Le metriche di valutazione sono rapporti e modelli che possono dare agli investitori un’idea di quanto possa valere un’azienda. Alcuni si basano esclusivamente sui rendiconti finanziari della società, mentre altri confrontano il prezzo di mercato con le statistiche per azione della società. In genere, due o tre rapporti dovrebbero essere utilizzati per avere un’idea di come un’azienda si confronta con i suoi pari e se sta scambiando al di sopra o al di sotto del suo giusto valore.

Perché utilizzare metriche di valutazione per le decisioni di investimento

I modelli e i rapporti di valutazione non sono a prova di errore, ma ti danno un’idea di cosa sarà necessario per un’azione per darti un rendimento.

Se un’azione è molto costosa, dovrà generare due o tre anni di forte crescita degli utili affinché il prezzo di mercato si apprezzi ulteriormente. Se un’azione viene scambiata con uno sconto rispetto al valore equo, probabilmente c’è una ragione. È importante sapere perché il prezzo dell’azione viene scambiato con uno sconto e cosa sarà richiesto affinché il prezzo salga.

I rapporti di valutazione sono strumenti inestimabili per qualsiasi tipo di selezione di titoli o strategie di investimento. Possono essere utilizzati per confrontare le azioni e selezionare quelle con le maggiori possibilità di generare un rendimento. Avere un’idea del valore relativo delle azioni consente inoltre di trarre vantaggio dalla volatilità del mercato e dalle correzioni.

Ti potrebbe interessare: Come scegliere le Azioni su cui Investire. La Guida completa

Rapporti e metriche di valutazione delle azioni

In generale ci sono due tipi di metriche di valutazione; rapporti di valore relativi e modelli di valore assoluto.

I rapporti di valutazione relativi consentono agli investitori di confrontare le azioni con il proprio settore o con il mercato in generale. Questi rapporti possono essere nuovamente suddivisi in due categorie; il primo confronta il prezzo o il valore d’impresa con gli elementi del conto economico, mentre il secondo tipo confronta il prezzo di un’azione con gli elementi del bilancio.

Questi i 10 rapporti e metriche di valutazione più comunemente utilizzati

  • Rapporto prezzo / utili (rapporto PE)
  • Rapporto PEG
  • EV / EBITDA
  • Prezzo di vendita
  • Prezzo per il flusso di cassa libero (Free Cash Flow)
  • Equità, NAV e valore contabile per azione
  • Prezzo / Valore Contabile (Price to Book)
  • Modello di sconto sui dividendi
  • Flusso finanziario attualizzato
  • Somma delle parti.

Rapporto prezzo / utili (rapporto PE)

Il rapporto PE, noto anche come multiplo di prezzo, confronta semplicemente il prezzo delle azioni con l’utile per azione della società. Il rapporto PE di un titolo indica il numero di anni di guadagni correnti che la società deve guadagnare per recuperare l’importo pagato per il titolo.

Esempio: Un’azione con un prezzo di $ 30 e guadagni annuali di $ 2 viene scambiata su un PE storico di 15 (30/2). Se si prevede che i guadagni per i prossimi 12 mesi saranno di $ 3, il PE a termine sarà 10 (30/3).

I rapporti PE possono essere utilizzati per confrontare il valore di mercato di un titolo con società simili o con la valutazione storica della società. Tuttavia, un rapporto PE non dovrebbe essere usato isolatamente. Ci sono ragioni per cui un’azione deve scambiare con un PE più alto o più basso a seconda delle prospettive future.

Rapporto PEG

Il rapporto PEG, o rapporto tra prezzo e crescita, tiene conto degli utili e della crescita degli utili di un’azienda.

Esempio: Se due azioni vengono scambiate con un rapporto prezzo / utili di 15, ma una società sta aumentando gli utili del 10% mentre l’altra ha un tasso di crescita degli utili del 20%, la seconda quota dovrebbe generare rendimenti migliori. I rispettivi rapporti PEG sarebbero 15/10 o 1,5 e 15/20 o 0,75.

Più basso è il rapporto PEG, più economico è un titolo basato sugli utili e sulla crescita degli utili. Nel tempo il rapporto PEG di un titolo dovrebbe tendere verso 1, sebbene le società in rapida crescita spesso abbiano rapporti PEG fino a 5. Un rapporto inferiore a 1 suggerisce uno sconto, sebbene le società con un rapporto inferiore a 0,5 siano generalmente in difficoltà.

EV / EBITDA

Da EV a EBITDA è l’acronimo di Enterprise Value to Earnings prima di interessi, tassazione, deprezzamento e ammortamento. Questa è una versione più sofisticata del rapporto PE ed è calcolata a livello aziendale piuttosto che a livello ‘per azione’. Il valore d’impresa è un modo alternativo per considerare la valutazione di mercato di un’azienda. Viene calcolato sommando il valore di mercato dell’azienda al debito totale dell’azienda e quindi sottraendo contanti. EV fornisce un’indicazione di quanto costerebbe acquisire la società e pagare tutti i suoi debiti.

L’EBITDA fornisce un’indicazione migliore dei profitti operativi dell’azienda escludendo interessi, tasse, ammortamenti e svalutazioni che spesso includono elementi una tantum.

EV / EBITDA fornisce agli investitori un’indicazione più precisa del valore dell’azienda come multiplo dei profitti che può generare. Questa è una delle metriche di valutazione più comuni utilizzate dai professionisti per scegliere le Azioni su cui Investire.

Prezzo di vendita (Price to Free Cash Flow)

Dividere il valore di mercato di un’azienda per il suo fatturato annuale è un modo semplice e veloce per confrontare le azioni all’interno di un settore. I rapporti PE non hanno senso quando un’azienda non è redditizia, nel qual caso possono essere utilizzati i rapporti P / S.

Settori diversi hanno margini di profitto molto diversi, quindi i rapporti tra prezzi e vendite variano notevolmente da un settore all’altro. I negozi al dettaglio in genere hanno rapporti P / S inferiori a uno, mentre le aziende tecnologiche in rapida crescita possono avere rapporti P / S compresi tra 10 e 30. I rapporti prezzo / vendite sono molto limitati quando si tratta di confrontare aziende di diversi settori. Danno anche pochissime indicazioni sul valore effettivo di un’azienda.

Prezzo per il flusso di cassa libero (Free Cash Flow)

Nei casi in cui una contabilità complessa significa che i guadagni dell’azienda non riflettono adeguatamente la redditività, è possibile utilizzare il flusso di cassa. Il flusso di cassa libero viene calcolato sommando il flusso di cassa di investimento, finanziamento e operativo di un’azienda. Dividendo la capitalizzazione di mercato di un’azienda per il suo flusso di cassa libero si ottiene il rapporto tra prezzo e flusso di cassa libero. Questo di solito sarà molto più alto dei rapporti P / E o P / S, ma può comunque essere utilizzato per confrontare le società all’interno di un settore.

I modelli di valutazione assoluta utilizzano i dati finanziari della società per arrivare a un valore indipendente dal prezzo del mercato azionario per le azioni. Il valore calcolato può quindi essere confrontato con il prezzo delle azioni per vedere se viene scambiato con uno sconto o un premio rispetto al valore equo.

Equità, NAV e valore contabile per azione

Sulla base del solo bilancio, il valore del patrimonio netto di una società è uguale alle sue attività meno le sue passività. Questo è in teoria ciò che rimarrebbe agli azionisti se la società fosse liquidata e il suo debito ripagato. Questo tipo di metrica di valutazione ignora il valore dei guadagni futuri.

Dividendo il patrimonio netto per il numero di azioni in circolazione si ottiene il valore intrinseco per azione. Il valore contabile per azione è calcolato nello stesso modo salvo che sono escluse le attività immateriali, a meno che non abbiano un valore di mercato. Il calcolo del valore patrimoniale netto (NAV) varia da settore a settore, ma può essere utilizzato per confrontare società simili.

Prezzo da prenotare (Price to Book)

Dividendo il prezzo delle azioni per il valore contabile per azione, è possibile calcolare il premio di un’azione rispetto alle sue attività. Si tratta di un rapporto di valutazione relativo che incorpora sia il valore di mercato che il valore contabile di un’azione. Un rapporto prezzo / valore contabile inferiore a 1 implica che un’azione viene scambiata al di sotto del suo valore intrinseco e può offrire un margine di sicurezza agli investitori.

È molto probabile che le azioni scendano al di sotto del loro valore contabile durante un crollo del mercato azionario, che è dove gli investitori di valore sperano di acquistarle.

L’allocazione del capitale alle azioni con un rapporto prezzo / valore contabile molto basso è un metodo comunemente utilizzato per ridurre il rischio di portafoglio, poiché il ribasso dovrebbe essere limitato. Anche le strategie di investimento fattoriale fanno ampio uso di questo rapporto.

Modello di sconto sui dividendi

Il modello di sconto sui dividendi può essere utilizzato per valutare un titolo sulla base dei dividendi futuri attesi. Il modello ipotizza un tasso di crescita annuo per i dividendi futuri, nonché un valore terminale. Il valore equo del titolo è quindi uguale alla somma del valore attuale di tutti i dividendi futuri.

Questa metrica è utile per confrontare le azioni che pagano dividendi. Tuttavia, è diventato meno popolare poiché gli investimenti per la crescita hanno dominato i mercati. Ha anche un valore limitato nell’ambiente di scarso interesse di oggi.

Flusso finanziario attualizzato

Il modello DCF (discounted cash flow o flusso finanziario attualizzato) utilizza il valore attuale degli utili futuri previsti per valutare un’azienda. Questo modello sarebbe il modo più accurato per valutare un’azienda se i flussi di cassa futuri fossero noti con certezza, cosa che non sono. Tuttavia, fornisce il miglior valore ipotizzato quando c’è poco altro con cui lavorare.

Il modello DCF viene spesso utilizzato per investimenti in capitale di rischio e private equity in cui le società non hanno valore di mercato. È il metodo che richiede più tempo e richiede una conoscenza approfondita della contabilità e del settore.

Somma delle parti (SOTP)

L’ultima metrica di valutazione è utile per le aziende che possono essere suddivise in parti distinte. È comunemente usato per holding, fondi di investimento e conglomerati.

La valutazione della somma delle parti (SOTP) somma semplicemente i valori di ogni singola azienda. Questo è un approccio utile per valutare le società holding che possiedono investimenti sia quotati che non quotati o società in diversi settori. Per ogni investimento possono essere utilizzate le metriche di valutazione più appropriate.

Altri rapporti di valutazione e metriche

Ci sono alcune altre metriche di valutazione che sono utili in alcuni casi:

  • Il rendimento dei dividendi non fornisce realmente un’indicazione del valore di una società, ma può essere utilizzato per confrontare le azioni che pagano dividendi. Può anche essere utilizzato per confrontare il rendimento di un titolo con altri investimenti come immobili o obbligazioni che pagano un rendimento.
  • Allo stesso modo, ROE e ROI possono essere utilizzati per confrontare il rendimento atteso di quasi tutti gli investimenti con il rendimento atteso del portafoglio che già possiedi.
  • I valori incorporati vengono utilizzati per confrontare le compagnie di assicurazione sulla vita. Il valore incorporato viene calcolato sommando il valore attuale dei profitti futuri al valore netto delle attività dell’azienda.
  • I valori aziendali (EV) vengono talvolta utilizzati con vendite o guadagni prima di interessi e tasse. EV / S ed EV / EBIT sono semplicemente variazioni dei rapporti P / S e P / E.

Ti potrebbe interessare: Quando vendere le proprie azioni? Come capire quando farlo e non farlo

Pro e contro delle metriche di valutazione delle azioni

Rapporti e modelli di valutazione sono molto utili quando si deve scegliere l’azione su cui investire. Possono essere utilizzati per confrontare la valutazione di un’azione con azioni simili e per confrontare il prezzo di un’azione con il suo valore equo.

Questi rapporti possono anche essere facilmente incorporati insieme ad altri fattori nei modelli di investimento quantitativi. Tuttavia, ci sono dei limiti a ciascuna metrica, nonché a fare affidamento sull’analisi di valutazione in generale:

I rapporti di valutazione si basano su dati storici o, occasionalmente, sulle previsioni degli analisti. Pertanto, guardano al passato o si basano su stime. I prezzi delle azioni sono determinati dalla domanda e dall’offerta, che a sua volta si basa sulle aspettative per il futuro e sul sentiment.

I modelli di valutazione assoluta si basano su diversi presupposti. Entrambi i modelli DCF e DDM utilizzano previsioni di crescita dei ricavi, margini e tassi di interesse al minimo. La precisione del modello dipende quindi da tre previsioni separate, nessuna delle quali è probabile che sia molto accurata. La valutazione è solo uno dei fattori che guidano i prezzi delle azioni a lungo termine. È necessario considerare anche le sorprese sugli utili, lo slancio, il sentiment e la crescita economica.

La finanza comportamentale ci mostra che le decisioni degli investitori sono spesso influenzate da una serie di pregiudizi. I mercati rialzisti sono guidati dall’avidità e dalla paura di perdersi, mentre i mercati ribassisti sono guidati dalla paura. I prezzi delle azioni possono quindi differire sostanzialmente dal loro valore intrinseco. Le azioni spesso vengono scambiate a valori gonfiati per anni alla volta, il che rende l’analisi della valutazione quasi obsoleta.

Come abbiamo sottolineato nell’articolo sui miti degli investimenti, l’acquisto di azioni con un rapporto PE basso non è necessariamente la strategia migliore. Negli ultimi due decenni, gli investimenti per la crescita hanno sovraperformato le strategie di investimento basate sulla valutazione. Investire in una azione in crescita spesso richiede di pagare più di quanto pensi possa valere un’azienda per un po’ di tempo.

Le aziende sono sempre più sotto controllo per quanto riguarda il loro impatto sull’ambiente, le comunità in cui operano e la loro corporate governance. Ciò ha determinato l’emergere di investimenti ESG che considerano questi fattori. Le metriche di valutazione tradizionali non includono i fattori ESG.

Gli investimenti in ETF e altri investimenti passivi sono spesso in grado di sovraperformare le strategie di valore, perché hanno un elemento di slancio incorporato. Poiché la ponderazione delle azioni con un maggiore slancio aumenta, tali azioni contribuiscono maggiormente al rendimento complessivo del fondo. Il risultato è che i semplici ETF ponderati per la capitalizzazione di mercato spesso superano le strategie di valore.

Per molti hedge fund, le valutazioni sono solo uno dei numerosi fattori considerati. In effetti, i fondi con strategie di trading a breve termine a volte ignorano completamente il valore. Nel breve e medio termine, il sentiment del mercato è generalmente uno strumento più utile quando si tratta di valutare le azioni.

Conclusioni

Nonostante le carenze delle metriche di valutazione, possono ancora svolgere un ruolo importante per gli investitori. Considerare una manciata di metriche di valutazione ti darà un’idea su quale azione investire o mantenere nel portafoglio.

I rapporti di valutazione possono anche aiutarti a scegliere tra una serie di azioni su cui investire. L’analisi di valutazione non deve essere considerata un sostituto di altre forme di analisi e, sebbene la valutazione possa essere utilizzata per ridurre il rischio di portafoglio, non dovrebbe essere considerata un sostituto della diversificazione attraverso l’asset allocation.

Ti potrebbe interessare:

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Due azioni tecnologiche che potrebbero essere vincitori nel post-pandemia

Se stai cercando dove investire per cavalcare il boom post-pandemia, queste due azioni tecnologiche sono ottimamente posizionate per sfruttare la prossima corsa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.