Le tipologie dei trading system

Le tipologie di trading system, ossia le regole con cui decidere l’operatività, possono essere classificate secondo diversi punti di vista. Da questo punto di vista la suddivisione mira ad evidenziare le caratteristiche del mercato che portano il Trading System a generare profitto e, di contro, quelle che creano invece operazioni perdenti.

Le categorie principali dei trading system sono:
– Trend Following
– Supporti e Resistenze
– Voaltility Breakout

Valutando la tipologia di rischio insita nel Trading System possiamo considerare due categorie ben distinte:
– Intraday
– Overnight

Il Trading System Intraday ha come regola imprescindibile quella di chiudere tutte le posizioni aperte prima della chiusura del mercato: non è ammesso che un’operazione si trascini per più giorni.
Il rischio intraday, di conseguenza, è limitabile in maniera precisa (ammettendo che gli strumenti su cui si fa trading siano sufficientemente liquidi da scambiare in maniera consistente a tutti i livelli del book).
Il rischio overnight, invece, non è quantificabile a priori: per i 2/3 della giornata non è possibile intervenire sulla posizione aperta. Eventi improvvisi e inattesi che si dovessero verificare nelle ore di chiusura del mercato genererebbero dei salti nei prezzi (gap). I gap espongono l’investitore ad un rischio (di perdita o di guadagno) superiore rispetto ad una strategia che apre e chiude le posizioni nella stessa giornata.

Un Trading System può basare la sua analisi su diverse teorie di trading.
A seconda della teoria che implementa e in base alla quale genera profitto, può essere fatta una classificazione di questo tipo:
– Figure grafiche
– Condizioni degli oscillatori
– Movimenti dei prezzi

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Nel primo caso il Trading System baserà il suo set di regole sulla ricerca di particolari configurazioni grafiche (doppio minimo/massimo, triangoli, ecc.), con regole di negoziazione basate sull’analisi chartistica classica.
Nel secondo caso, invece, il modello di analisi del mercato sarà basato sugli oscillatori e prevarrà l’analisi basata sulle condizioni di ipercomperato e ipervenduto oppure sulle divergenze.
Infine, nel terzo caso prospettato, il modello di analisi prescinderà da figure grafiche o condizioni di oscillatori per operare in funzione di condizioni del prezzo: incroci con medie mobili, perforazione al rialzo di massimi o al ribasso di minimi, e così via.

Un’ultima chiave di lettura dei Trading System prevede la loro suddivisione a seconda della tipologia di dati che elaborano e da cui traggono le informazioni di mercato necessarie per generare i segnali operativi:
– Sul singolo strumento
– Incrociando diversi strumenti
– Incrociando lo stesso strumento su più frame temporali

La maggior parte dei Trading System opera solamente sul grafico dello strumento con cui fa trading, accontentandosi delle informazioni che provengono da quei dati.
Altri trading system, invece, incrociano serie di dati differenti, elaborando in questo modo una quantità maggiore di informazioni, nel tentativo di migliorare la precisione operativa e di garantire maggiori performance dal punto di vista rendimento/rischio.
L’analisi contemporanea di più serie di dati può essere fatta partendo da frame temporali differenti dello stesso strumento, ad esempio utilizzando una serie storica con lunghezza maggiore per decidere il tipo di operazione ed una serie storica con frame temporale più basso per stabilire l’esatto timing sul mercato.
In alternativa è possibile compiere analisi su serie storiche di strumenti differenti, come nella classica analisi intermarket in cui vengono paragonati, barra dopo barra, il mercato obbligazionario e quello azionario e l’operatività è decisa in funzione delle informazioni provenienti da entrambi i mercati.


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
eToro Licenza CySEC, FCA, ASIC
Social Trading
Deposito minimo 50€
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Restano elevati i rischi di una nuova recessione

Per Bernanke l'economia americana sta rallentando, e anche se tutto fa pensare che nel 2011 le cose andranno meglio, la FED è pronta a intervenire acquistando grandi quantità di titoli pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.