Home / Guida trading / I Paradisi Fiscali e la giurisdizione

I Paradisi Fiscali e la giurisdizione

Il Paradiso Fiscale e’ una giurisdizione che permette di evadere o eludere le Leggi e le Normative di un altro Paese oltre ad essere uno Stato che garantisce tasse nulle o quasi. Diciamo che questi Stati attuano la politica di attirare molto capitale proveniente dall’estero, promettendo una tassazione nulla e per i contribuenti, specie quelli che vengono da paesi dove la tassazione sui redditi e’ molto alta, e’ davvero un paradiso.

Le caratteristiche ricorrenti degli stati paradiso sono:

1. Segreto bancario molto spinto.
2. Mancanza di scambi di informazioni, trasparenza e segretezza.
3. Tassazione bassa o nulla per particolari enti giuridici esteri e/o per i non residenti.

Il segreto bancario e la mancanza di trasparenza impoveriscono i paesi gia’ poveri perche’ permettono ad una ristretta elite ricca di sottrarre enormi fondi necessari ad assicurare un minimo di stato sociale. La segretezza facilita e rende possibile il riciclaggio di denaro sporco e le attivita’ criminali. Le grosse imprese poi che riescono ad eludere il fisco trasferendosi nei paradisi fiscali, esercitano concorrenza sleale nei confronti delle piccole aziende.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Il 26 Giugno l’ OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha stilato e divulgato una lista di 35 Paesi (tra cui il Principato di Monaco) considerati Paradisi Fiscali minacciandoli di sanzioni se entro un anno non avranno riformato il loro sistema fiscale.

Non sono solo gli imprenditori che aprono i loro conti all’estero. Ci sono anche calciatori, artisti, professionisti, atleti e.. criminali. In questi ultimi tempi pero’, e’ un po’ piu’ difficile fuggire nei paradisi fiscali. Infatti non bastera’ piu’ cancellarsi dalla propria anagrafe per sfuggire al regime fiscale italiano. I contribuenti che lo fanno dovranno dimostrare che effettivamente risiedono in un altro paese e che i loro interessi economici sono altrove e non piu’ in Italia. E’ considerato infatti fiscalmente residente in Italia chi, pur avendo trasferito la propria residenza all’estero e svolgendo la propria attività fuori dal territorio nazionale, continua ad avere il centro dei propri interessi familiari e sociali in Italia.

Come dice Adam Starchild, guru dei paradisi fiscali, “Home is where money is” (la patria e’ dove si hanno i soldi)…pero’ fino ad un certo punto! Non possiamo e non dobbiamo permettere il riciclo del denaro sporco e non possiamo permetterci di dover essere sempre gli stessi a pagare per tutti.


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Redditometro: consigli per proteggersi

Per prepararsi al censimento dei rapporti bancari si possono cominciare ad adottare alcune contromisure. Questi alcuni consigli pratici per proteggervi dal redditometro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *