Home / Guida trading / I dettagli della nuova tassazione sulle rendite finanziarie

I dettagli della nuova tassazione sulle rendite finanziarie

L’anno 2011 è ormai al termine e verrà ricordato soprattutto per le situazioni politiche e finanziarie che lo ha contraddistinto.
Da 1 gennaio 2012 cambieranno diverse cose ma sopratutto entrerà in vigore la nuova tassazione sulle rendite finanziarie.

Analizziamo nel dettaglio cosa stabilisce questa normativa.
Per prima cosa a quasi tutti gli strumenti finanziari sarà applicata un unica aliquota pari al 20%.

Chi ne fa eccezione sono i fondi pensione italiani, su cui continuerà a gravare l’imposta sostitutiva dell’11% sui risultati di gestione, i titoli di Stato italiani ed equiparati, e cioè: i buoni fruttiferi postali; i titoli obbligazionari di enti ed organismi internazionali in base ad accordi con l’Italia (ad esempio Bers, Bei, Ceca, Birs, Euratom); i titoli obbligazionari di amministrazioni statali, anche con ordinamento autonomo, di enti territoriali (quali i Boc) e di enti pubblici istituiti per l’esercizio diretto di servizi pubblici in regime di monopolio. Su tutti questi titoli continuerà a gravare la ritenuta o imposta sostitutiva del 12,5%.

Il passaggio al nuovo regime seguirà regole diverse a seconda della opzione scelta dal contribuente, cioè del regime dichiarativo o amministrativo o del risparmio gestito.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Nel caso si scelga il regime dichiarativo o amministrativo occorre distinguere per tipologia di investimento:
Obbligazioni. I titoli bancari esteri e quelli di società italiane quotate, i ratei di cedola o scarto di emissione saranno tassati al 12,5% per la parte maturata nel 2011 ed al 20% per la parte maturata nel 2012. Per gli altri titoli obbligazionari, l’intero ammontare delle cedole scadute nel 2012 sarà tassato al 20%.
Pronti contro termine. La differenza tra prezzo di vendita e prezzo di acquisto sarà tassata per intero al 20% se il contratto scade nel 2012.
Dividendi. Quelli derivanti da partecipazioni non qualificate saranno tassati al 20% se percepiti a partire dal 1 gennaio 2012.
Plusvalenze. Quelle derivanti dalla vendita di strumenti finanziari, dal 1 gennaio 2012 saranno tassate al 20%. Eventuali minusvalenze riportabili da precedenti periodi di imposta saranno conteggiate nella misura del 62,5%.
Altri redditi diversi. Le differenze da contratti derivati e quelle derivanti da cessioni di valute saranno valutate come le plusvalenze.
Affrancamento. Il contribuente può comunque scegliere di bloccare la tassazione al 12,5% pagando in corsa, senza cioè uscire dall’investimento, una imposta sostitutiva sulla plusvalenza “latente” alle quotazioni del 31 dicembre 2011. I guadagni che maturerà dal 1 gennaio 2012 saranno tassati al 20%. L’affrancamento riguarderà sia i capital gain sia i redditi di capitale.
Polizze vita. I proventi verranno scomposti nella parte maturata fino al 31 dicembre 2011 e nella parte maturata successivamente, e tassate con le aliquote di pertinenza.

Regime del risparmio gestito.
Il risultato di gestione maturato fino al 31 dicembre 2011 sarà tassato al 12,5%, mentre quello maturato da 1 gennaio 2012 sarà tassato al 20%. Le perdite maturate fino al 31 dicembre 2011 saranno deducibili dai risultati positivi del 2012 e seguenti nella misura del 62,5%
Fonte: investireinformati.com


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Dove investire oggi; i migliori investimenti sicuri e redditizi

E' possibile investire sicuri e allo stesso tempo avere alti interessi? Chi non sogna di trovare un investimento sicuro che possa garantire un buon ritorno economico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *