Guida all’analisi tecnica. Cos’è e come utilizzarla nel trading e negli investimenti

L’analisi tecnica è una disciplina di trading impiegata per identificare le opportunità di trading nelle tendenze e nei modelli di prezzo sui grafici. Il suo scopo è quello di fare una previsione del probabile movimento futuro del prezzo di un asset sulla base dei dati passati di mercato.

Cos’è l’analisi tecnica?

L’analisi tecnica è uno strumento, o metodo, utilizzato per prevedere il probabile movimento futuro del prezzo di un titolo, come un’azione o una coppia di valute, sulla base dei dati di mercato.

La teoria alla base della validità dell’analisi tecnica è l’idea che le azioni collettive – acquisto e vendita – di tutti i partecipanti al mercato riflettono accuratamente tutte le informazioni rilevanti relative a un titolo negoziato e, pertanto, assegnano continuamente un valore di mercato equo al titolo.

Prezzo passato come indicatore della performance futura

I trader tecnici ritengono che l’azione dei prezzi attuale o passata nel mercato sia l’indicatore più affidabile dell’azione dei prezzi futura.

L’analisi tecnica non viene utilizzata solo dai trader tecnici. Molti trader fondamentali utilizzano l’analisi fondamentale per determinare se acquistare un determinato asset, ma dopo aver preso questa decisione, utilizzano l’analisi tecnica per individuare livelli di prezzo di ingresso di acquisto buoni e a basso rischio.

Grafici su diversi intervalli di tempo

I trader tecnici analizzano i grafici dei prezzi per tentare di prevedere il movimento dei prezzi futuri. Le due variabili principali per l’analisi tecnica sono i tempi considerati e i particolari indicatori tecnici che un trader sceglie di utilizzare.

Gli intervalli di tempo dell’analisi tecnica mostrati sui grafici vanno da un minuto a intervalli di tempo mensili o addirittura annuali. I periodi di tempo più diffusi esaminati più frequentemente dagli analisti tecnici includono:

  • Grafico a 5 minuti
  • Grafico a 15 minuti
  • Grafico orario
  • Grafico a 4 ore
  • Grafico giornaliero

Il periodo di tempo che un trader sceglie di studiare è in genere determinato dallo stile di trading personale di quel trader. I trader intraday aprono e chiudono posizioni di trading in un singolo giorno di negoziazione, preferiscono analizzare il movimento dei prezzi su grafici a lasso di tempo più brevi, come i grafici di 5 o 15 minuti. I trader a lungo termine che detengono posizioni di mercato durante la notte e per lunghi periodi di tempo sono più inclini ad analizzare i mercati utilizzando grafici orari, 4 ore, giornalieri o anche settimanali.

Il movimento dei prezzi che si verifica in un arco di tempo di 15 minuti può essere molto significativo per un trader intraday che è alla ricerca di un’opportunità per realizzare un profitto dalle fluttuazioni dei prezzi che si verificano durante un giorno di negoziazione. Tuttavia, lo stesso movimento di prezzo visualizzato su un grafico giornaliero o settimanale potrebbe non essere particolarmente significativo o indicativo per scopi di trading a lungo termine.

Candlesticks

La creazione di grafici a candele è il metodo più comunemente utilizzato per mostrare il movimento dei prezzi su un grafico. Una candela è formata dall’azione dei prezzi durante un singolo periodo di tempo per qualsiasi periodo di tempo. Ogni candela su un grafico orario mostra l’azione del prezzo per un’ora, mentre ogni candela su un grafico a 4 ore mostra l’azione del prezzo durante ogni periodo di tempo di 4 ore.

Le candele sono ‘disegnate’ come segue: il punto più alto di una candela mostra il prezzo più alto in cui un titolo è stato scambiato durante quel periodo di tempo, e il punto più basso della candela indica il prezzo più basso durante quel periodo. Il ‘corpo’ di una candela (i rispettivi ‘blocchi’ rossi o blu, o parti più spesse, di ciascuna candela come mostrato nei grafici sopra) indica i prezzi di apertura e chiusura per il periodo di tempo. Se si forma un corpo della candela blu, ciò indica che il prezzo di chiusura (parte superiore del corpo della candela) era superiore al prezzo di apertura (parte inferiore del corpo della candela); viceversa, se si forma un corpo di candela rosso, il prezzo di apertura era superiore al prezzo di chiusura.

I colori delle candele sono scelte arbitrarie. Alcuni trader utilizzano corpi candelieri bianchi e neri (questo è il formato colore predefinito, e quindi quello più comunemente usato); altri trader possono scegliere di utilizzare il verde e il rosso o il blu e il giallo. Qualunque sia il colore scelto, forniscono un modo semplice per determinare a colpo d’occhio se il prezzo ha chiuso al rialzo o al ribasso alla fine di un determinato periodo di tempo. L’analisi tecnica utilizzando un grafico a candele è spesso più semplice rispetto all’utilizzo di un grafico a barre standard, poiché l’analista riceve più segnali e schemi visivi.

Candlestick Patterns – Dojis

I modelli di candele, che sono formati da una singola candela o da una successione di due o tre candele, sono alcuni degli indicatori tecnici più utilizzati per identificare potenziali inversioni di mercato o cambiamenti di tendenza.

Le candele Doji, ad esempio, indicano l’indecisione in un mercato che può essere un segnale per un imminente cambiamento di tendenza o un’inversione di mercato. La caratteristica singolare di una candela doji è che i prezzi di apertura e chiusura sono gli stessi, quindi il corpo della candela è una linea piatta. Più lunghe sono le ‘ombre’, o ‘code’, superiore e / o inferiore, su una candela doji – la parte della candela che indica l’intervallo da basso ad alto per il periodo di tempo – più forte è l’indicazione di indecisione e potenziale del mercato inversione.

Esistono diverse varianti di candelabri doji, ciascuna con il proprio nome distintivo, come mostrato nell’illustrazione sotto.

La doji tipica è la doji long-legged, in cui il prezzo si estende all’incirca allo stesso modo in ogni direzione, aprendosi e chiudendosi a metà della fascia di prezzo per il periodo di tempo. L’aspetto del candlestick fornisce una chiara indicazione visiva dell’indecisione nel mercato. Quando una doji come questa appare dopo un trend rialzista o ribassista esteso in un mercato, viene comunemente interpretato come un segnale di una possibile inversione del mercato, un cambiamento di tendenza nella direzione opposta.

La dragonfly doji, quando appare dopo un prolungato trend ribassista, segnala una possibile inversione al rialzo imminente. L’esame dell’azione dei prezzi indicata dalla dragonfly doji spiega la sua interpretazione logica. La dragonfly mostra i venditori che spingono il prezzo sostanzialmente al di sotto (la lunga coda inferiore), ma alla fine del periodo, il prezzo recupera per chiudere al suo punto più alto. La candela indica essenzialmente un rifiuto della spinta estesa al ribasso.

Il nome della lapide doji suggerisce chiaramente che rappresenta una cattiva notizia per gli acquirenti. L’opposto della formazione della dragonfly, la gravestone doji indica un forte rifiuto di un tentativo di spingere i prezzi di mercato più in alto, e quindi suggerisce che potrebbe seguire una potenziale inversione al ribasso.

La rara doji a four price, in cui il mercato si apre, chiude e nel mezzo conduce tutti gli acquisti e le vendite allo stesso prezzo per tutto il periodo di tempo, è l’epitome dell’indecisione, un mercato che non mostra alcuna inclinazione ad andare da nessuna parte in particolare .

Ci sono dozzine di diverse formazioni di candlestick, insieme a diverse variazioni di pattern. Probabilmente la risorsa più completa per identificare e utilizzare i pattern di candele è l’ebook “Trading per Tutti“, dove è spiegato accuratamente ogni pattern di candele e fornisce anche statistiche sulla frequenza con cui ogni pattern ha storicamente fornito un segnale di trading affidabile. È certamente utile sapere cosa indica un modello di candela, ma è ancora più utile sapere se tale indicazione si è dimostrata accurata l’80% delle volte.

Indicatori tecnici – Medie mobili

Oltre a studiare le formazioni di candele, i trader tecnici possono attingere a una scorta praticamente infinita di indicatori tecnici per assisterli nel prendere decisioni di trading.

Le medie mobili sono probabilmente l’unico indicatore tecnico più utilizzato. Molte strategie di trading utilizzano una o più medie mobili. Una semplice strategia di trading con la media mobile potrebbe essere qualcosa del tipo: ‘Acquista fintanto che il prezzo rimane al di sopra della media mobile esponenziale a 50 periodi (EMA); Vendi fintanto che il prezzo rimane al di sotto dei 50 EMA”.

I crossover della media mobile sono un altro indicatore tecnico frequentemente utilizzato. Una strategia di trading crossover potrebbe essere quella di acquistare quando la media mobile a 10 periodi incrocia sopra la media mobile a 50 periodi.

Più alto è un numero di media mobile, più significativo è il movimento dei prezzi in relazione ad esso. Ad esempio, l’incrocio dei prezzi al di sopra o al di sotto di una media mobile di 100 o 200 periodi è generalmente considerato molto più significativo del prezzo che si muove al di sopra o al di sotto di una media mobile di 5 periodi.

Indicatori tecnici: Pivots e numeri di Fibonacci

Gli indicatori del punto pivot giornaliero, che di solito identificano anche diversi livelli di supporto e resistenza oltre al punto pivot, vengono utilizzati da molti trader per identificare i livelli di prezzo per l’ingresso o la chiusura delle negoziazioni. I livelli dei punti pivot spesso segnano livelli significativi di supporto o resistenza o i livelli in cui il trading è contenuto in un intervallo. Se il trading sale (o precipita) attraverso il pivot giornaliero e tutti i livelli di supporto o resistenza associati, questo viene interpretato da molti trader come trading ‘breakout’ che sposterà i prezzi di mercato sostanzialmente più in alto o in basso, nella direzione del breakout.

I punti pivot giornalieri e i corrispondenti livelli di supporto e resistenza vengono calcolati utilizzando i prezzi massimo, minimo, di apertura e di chiusura del giorno di negoziazione precedente. Ti mostrerei il calcolo, ma non ce n’è davvero bisogno, poiché i livelli dei punti pivot sono ampiamente pubblicati ogni giorno di negoziazione e ci sono indicatori dei punti pivot che puoi semplicemente caricare su un grafico che fanno i calcoli per te e rivelano i livelli pivot. La maggior parte degli indicatori del punto di rotazione mostra il punto di rotazione giornaliero insieme a tre livelli di supporto al di sotto del punto di perno e tre livelli di resistenza dei prezzi sopra di esso.

Ritracciamenti di Fibonacci

I livelli di Fibonacci sono un altro popolare strumento di analisi tecnica. Fibonacci era un matematico del XII secolo che sviluppò una serie di rapporti molto apprezzati dai trader tecnici. I rapporti di Fibonacci, o livelli, sono comunemente usati per individuare le opportunità di trading e sia gli obiettivi di ingresso che di profitto che si verificano durante le tendenze sostenute.

I rapporti di Fibonacci primari sono 0,24, 0,38, 0,62 e 0,76. Questi sono spesso espressi come percentuali – 23%, 38%, ecc. Nota che i rapporti di Fibonacci completano altri rapporti di Fibonacci: il 24% è l’opposto, o il resto, del 76% e il 38% è l’opposto, o il resto, del 62% .

Come per i livelli dei punti pivot, ci sono numerosi indicatori tecnici disponibili gratuitamente che calcoleranno e caricheranno automaticamente i livelli di Fibonacci su un grafico.

I ritracciamenti di Fibonacci sono l’indicatore di Fibonacci più utilizzato. Dopo che un titolo è stato in una tendenza al rialzo o al ribasso sostenuta per un po’ di tempo, c’è spesso un ritracciamento correttivo nella direzione opposta prima che il prezzo riprenda il trend generale a lungo termine. I ritracciamenti di Fibonacci vengono utilizzati per identificare punti di ingresso del commercio buoni e a basso rischio durante tale ritracciamento.

Ad esempio, supponiamo che il prezzo del titolo ‘A’ sia aumentato costantemente da $ 10 a $ 40. Quindi il prezzo delle azioni inizia a scendere un po’. Molti investitori cercheranno un buon livello di ingresso per acquistare azioni durante un tale ritracciamento di prezzo.

I numeri di Fibonacci suggeriscono che i probabili ritracciamenti dei prezzi estenderanno una distanza pari al 24%, 38%, 62% o 76% del movimento al rialzo da $ 10 a $ 40. Gli investitori osservano questi livelli per rilevare che il mercato sta trovando supporto da cui il prezzo ricomincerà a salire. Ad esempio, se speravi in ​​una possibilità di acquistare l’azione dopo un ritracciamento del prezzo di circa il 38%, potresti inserire un ordine per acquistare intorno al livello di prezzo di $ 31. (Il passaggio da $ 10 a $ 40 = $ 30; il 38% di $ 30 è $ 9; $ 40 – $ 9 = $ 31)

Estensioni di Fibonacci

Continuando con l’esempio precedente – Quindi ora hai acquistato il titolo a $ 31 e stai cercando di determinare un obiettivo di profitto a cui vendere. Per questo, puoi guardare alle estensioni di Fibonacci, che indicano quanto il prezzo più alto può estendersi quando riprende il trend rialzista complessivo. I livelli di estensione di Fibonacci sono ancorati a prezzi che rappresentano il 126%, 138%, 162% e 176% del movimento rialzista originale, calcolato dal minimo del ritracciamento. Quindi, se un ritracciamento del 38% della mossa originale da $ 10 a $ 40 risulta essere il ritracciamento basso, allora da quel prezzo ($ 31), trovi il primo livello di estensione di Fibonacci e il potenziale obiettivo di ‘presa di profitto’ aggiungendo il 126% di l’originale $ 30 si sposta verso l’alto. Il calcolo procede come segue:
Livello di estensione di Fibonacci del 126% = $31 + ($30 x 1.26) = $68 – dandoti un prezzo obiettivo di $ 68.

Ancora una volta, non devi mai eseguire nessuno di questi calcoli. Basta collegare un indicatore di Fibonacci al tuo software di creazione di grafici e mostra tutti i vari livelli di Fibonacci.

Vale la pena monitorare i livelli di Pivot e Fibonacci anche se non li usi personalmente come indicatori nella tua strategia di trading. Poiché così tanti trader effettuano movimenti di acquisto e vendita di base sui livelli pivot e Fibonacci, se non altro è probabile che ci sia un’attività di trading significativa intorno a tali fasce di prezzo, attività che può aiutarti a determinare meglio probabili movimenti futuri dei prezzi.

Indicatori tecnici – Indicatori di momentum

Le medie mobili e la maggior parte degli altri indicatori tecnici si concentrano principalmente sulla determinazione della probabile direzione del mercato, al rialzo o al ribasso.

Esiste un’altra classe di indicatori tecnici, tuttavia, il cui scopo principale non è tanto quello di determinare la direzione del mercato quanto di determinare la forza del mercato. Questi indicatori includono strumenti popolari come l’oscillatore stocastico, l’indice di forza relativa (RSI), l’indicatore di convergenza-divergenza media mobile (MACD) e l’indice di movimento direzionale medio (ADX).

Misurando la forza del movimento dei prezzi, gli indicatori di momentum aiutano gli investitori a determinare se il movimento corrente dei prezzi rappresenta più probabilmente un trading con limiti di intervallo relativamente insignificante o una tendenza effettiva e significativa. Poiché gli indicatori di momentum misurano la forza del trend, possono servire come segnali di allarme precoce che un trend sta volgendo al termine. Ad esempio, se un titolo è stato scambiato in un trend rialzista forte e sostenuto per diversi mesi, ma poi uno o più indicatori di momentum segnalano il trend in costante perdita di forza, potrebbe essere il momento di pensare a prendere profitti.

Analisi tecnica – Conclusione

Tieni presente il fatto che nessun indicatore tecnico è perfetto. Nessuno di loro fornisce segnali sempre accurati al 100%.

I trader più intelligenti sono sempre alla ricerca di segnali di avvertimento che i segnali provenienti dagli indicatori scelti potrebbero essere fuorvianti. L’analisi tecnica, fatta bene, può sicuramente migliorare la tua redditività come trader, tuttavia, ciò che può fare di più per migliorare le tue capacità nel trading è dedicare più tempo e sforzi a pensare a come gestire al meglio le cose se il mercato si gira contro di te, piuttosto che fantasticare su come spenderesti i tuoi milioni.

Formazione di trading

Ti invito ad approfondire l’argomento attraverso i nostre ebook gratuiti sul trading:

Guida Forex per principianti

Se sei in cerca di una guida completa al trading questo ebook è quello che fa per te. Un manuale di trading rivolto a tutti coloro che si avvicinano al mondo degli investimenti online, a quelle persone che vogliono migliorare i loro risultati, o a quelle che vogliono semplicemente informarsi per poter comprendere al meglio il mondo del trading.
Consigli utili per iniziare a fare trading nel modo giusto, tutto incluso in una unica guida in italiano, considerata da molti la più semplice e completa.

In questa guida sono trattati tutti gli argomenti che stanno alla base di questa attività. Tutto spiegato con un linguaggio semplice per guidare il lettore nel percorso che va dai primi passi fino alle migliori strategie di trading.

Investire con i CFD

Questo ebook è stato scritto con l’obbiettivo di spiegare in modo chiaro come investire con i CFD e tutti gli aspetti che caratterizzano il mondo del trading online. Una guida dettagliata alle diverse metodologie tecniche e grafiche per studiare il comportamento dei mercati finanziari e con lo scopo di imparare a sapere individuare le migliori opportunità.

Nelle 78 pagine, l’ebook “Investire sui CFD” illustra come mettere in pratica diverse strategie operative direttamente nella piattaforma e individuare i momenti più opportuni per entrare ed uscire dal mercato.

Se stai cercando una guida completa al trading sui CFD sei nel posto giusto.

Guadagnare con il Trading

Guadagnare con il trading è il sogno di tanti aspiranti trader. Questo ebook creato dai trader per i trader, si pone l’obiettivo di fornire le competenze necessarie per ottenere il massimo dalla propria attività.

Più di 100 pagine di contenuti utili per apprendere le basi del trading fino allo creazione di strategie di successo. Una guida scritta con parole semplici, adatto alle persone che vogliono iniziare questa attività o che stanno già facendo trading ma con scarsi risultati. Un manuale pratico per riuscire a guadagnare con il trading, uno strumento necessario per capire le dinamiche dei mercati e non solo.

L’obiettivo di questa guida al trading è quello di dare la possibilità al lettore di vivere una esperienza di trading positiva fin dall’inizio.

Strategie di Trading – Le migliori tecniche di finanza operativa

Un manuale pratico con ben NOVE strategie di trading tra cui n°4 di livello BASE e n°5 di livello AVANZATO.

Una serie di strategie e tecniche di trading da imparare e successivamente replicarle sulla propria piattaforma. Ogni strategia include una descrizione sull’utilizzo ed esempi pratici.

Un ebook che ogni aspirante trader di successo dovrebbe avere a disposizione.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Capixal Licenza CySEC
Piattaforma MT4 e Mobile
Oltre 350 CFD disponibili
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA
Social Trading
Protezione dei fondi
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 67 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

I consigli su dove trovare la migliore formazione al trading

Sei un trader principiante? Non sai da dove iniziare? Ecco dove trovare la migliore formazione di trading. Questo il percorso da seguire per diventare un trader di successo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.