Home / Guida trading / Guadagnare con il trading. La strategia per identificare un trend

Guadagnare con il trading. La strategia per identificare un trend

Fare trading è un business molto allettante ed eccitante. Valute, azioni di borsa, criptovalute, materie prime, sono sempre in movimento e ogni piccola variazione del prezzo rappresenta un opportunità per realizzare guadagni di centinaia oppure migliaia di euro.

Dove risiede l’opportunità di guadagno? I prezzi dei diversi asset finanziari si muovono costantemente, un modo per guadagnare è acquistare e poi rivendere ad un prezzo superiore (operazione Long) oppure vendere e poi acquistare ad una prezzo inferiore (operazione Short).

Come guadagnare con il trading

La risposta è seguire la direzione dei prezzi, il trend è tuo amico. Essere capaci di identificare quando la direzione dei prezzi si trova in un trend o meno ti aiuta ad incrementare le tue opportunità di guadagno in modo sostanziale.
Quando riesci ad identificare un trend allora sai in che direzione si sta muovendo il mercato e dovresti aprire una posizione in quella direzione.

Se il trend è rialzista questo significa che i prezzi stanno aumentando, dunque acquistare ti darà una miglior probabilità di guadagno.

Se il trend è negativo significa che i prezzi stanno scendendo quindi vendere ti darà una maggior probabilità di fare guadagno.

Come si identifica un trend?

Il modo più semplice per identificare un trend è attraverso formazioni grafiche all’interno di un intervallo temporale. I grafici possono dirti se il mercato si sta muovendo al rialzo o al ribasso.
Esistono numerose strategie e indicatori di trading a questo scopo, ne abbiamo raccolta alcune all’interno del nostro portale. Ad esempio all’interno di questa sezione, troverai una serie di strumenti di trading che ti saranno sicuramente di aiuto, strategie che sicuramente non troverai facilmente su internet.

<< Visita la sezione strumenti di trading >>

Una strategia per identificare un Trend

È una delle strategie preferite dai trader online, la più facile da attuare, quella che può generare i maggiori profitti nel minor tempo possibile. Allo stesso tempo è la strategia più soggetta a fallimenti. Insomma, croce e delizia per i trader.

Si tratta della tecnica del breakout di prezzo. Innanzitutto definiamo breakout quel movimento dei prezzi in grado di sfondare un livello di resistenza dando inizio a un nuovo trend. Parliamo invece di breakdown quando i prezzi riescono a perforare un livello di supporto dando inizio a una nuova fase discendente.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Il breakout dei prezzi va inquadrato come una tecnica di momentum trading, cioè quando viene presa posizione sul mercato “sulla forza” ed è l’opposto degli ingressi basati sulle metodologie di swing trading, cioè l’apertura di posizioni “sulla debolezza”.

Per capire quando un breakout può realmente essere esplosivo non occorre necessariamente inserire dei filtri operativi, come ad esempio indicatori ed oscillatori.

Restando nell’ambito di un contesto completamente basato sull’azione dei prezzi, possiamo affermare che i breakout di prezzo più esplosivi sono una conseguenza di contrazioni della volatilità sotto i livelli giudicati rilevanti dal trader (di solito un massimo o un minimo relativo). Tuttavia, ancor prima di valutare il fattore volatilità  andrebbe studiato il trend in corso.

Per sfruttare al meglio un breakout è necessario che la tendenza oggetto di studio abbia una di queste caratteristiche:

  • trend molto robusto al rialzo o al ribasso;
  • fase laterale;
  • trend emergente rialzista o ribassista.

Nel primo caso si cerca di intervenire lungo una tendenza molto forte già in atto. In caso di lateralità del trend, si cerca di sfruttare il potere insito nelle congestioni di prezzo che, nella maggior parte dei casi, già possiedono il requisito della contrazione della volatilità.

Quando si è in presenza di un inizio di trend emergente, il trader può sfruttare il maggior upside (in caso di trend rialzista emergente) o downside (in caso di trend ribassista emergente) dei prezzi attraverso l’ingresso sugli “uncini”.

In ogni caso la regola generale per avere buone probabilità di successo con la tecnica dei breakout è studiare quei livelli di prezzo che vengono toccati più volte e che aumentano l’importanza di una resistenza o di un supporto.

Per esempio sul forex il miglior time frame per ricercare questi livelli utili per entrare in breakout è quello orario (o al massimo a 240 minuti). A seguito di un breakout, per seguire meglio l’andamento delle quotazioni e se si ha un orizzonte temporale molto breve, è sempre consigliabile passare su un time frame più veloce come il 5 minuti.

Ti potrebbe interessare:


Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L’amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza.
Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore.
Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Grandi Sconti nel week end del Black Friday

Al via il Black Friday di Dove Investire, SCONTI fino al 40% su tutti gli ebook e gli indicatori di trading professionali. approfittane ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *