Home / Guida trading / Gestione del rischio nel trading. La tecnica che fa la differenza

Gestione del rischio nel trading. La tecnica che fa la differenza

Il trading è una attività che comporta rischi, lo abbiamo detto tante volte e non smetteremo di dirlo. Anche i migliori trader subiscono delle perdite, è normale. Il rischio è parte integrante del trading. La chiave del successo, quello che i trader professionisti fanno, è limitare le perdite ad un livello più gestibile.
Se imparerete a gestire le perdite nel trading, scoprirete di essere in grado di rimanere sul mercato più a lungo, aumentando le possibilità di chiudere più operazioni di successo.

Un modo per assicurare il giusto equilibrio tra ricompensa e rischi è quello di attenersi a una ricompensa: rapporto di rischio come 2:1 o addirittura 3:1, in cui i profitti mirati sono sempre doppi rispetto alle tue perdite massime.
Quindi, anche se si subiscono tre perdite, c’è bisogno solo di due profitti per assicurare che i profitti totali siano al di sopra delle perdite. Questa importante regola può aiutarci ad avere un approccio specifico alla gestione del rischio nel trading.

Esempio di gestione del rischio nel trading

Prendiamo come riferimento due traders che stanno investendo un importo di 10.000 dollari utilizzando un rapporto di rischio/ricompensa 2:1, ma applicano livelli di gestione differenti nel loro trading.
Il primo operatore utilizza un approccio molto aggressivo, rischiando il 60% del suo capitale su ogni trade e cercando di trarre profitto al 120%.
Il secondo trader è molto più conservatore e rischia solo il 5% dei suoi fondi con un obiettivo del 10%. Per semplicità, diciamo che ogni trader ha lo stesso insieme di dieci trade e che ogni secondo trade è in profitto.

Qui di seguito sono riportate le tabelle che mostrano i risultati di trading di due trader che utilizzano diversi livelli di gestione del rischio.

Nonostante il fatto che entrambe le strategie abbiano avuto pari tassi di successo, lo stesso capitale iniziale e lo stesso approccio al rischio/ricompensa 2:1, a causa di uno stile di gestione del denaro molto diverso, i risultati finali differiscono significativamente.
L’approccio aggressivo del primo trader ha causato una perdita totale del 47% mentre il secondo trader gode di quasi il 25% del profitto totale raggiungendo i $12.462. Quindi, potete vedere come un piccolo accorgimento al tuo approccio alla gestione del rischio possa darti profitti più solidi.

Puoi ora approfondire l’argomento attraverso questi post correlati:

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Ragioni per cui un trader principiante non riesce ad avere successo

Perché la maggior parte dei trader principianti fallisce? I numeri parlano chiaro, oltre il 70% sono in perdita, ecco perchè abbiamo deciso di affrontare questo argomento offrendo i giusti consigli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.