Non sai Dove Investire? Queste le Metriche chiave per valutare una azienda

Sapere dove investire non è mai una scelta semplice. La cosa migliore che puoi fare è analizzare i parametri chiave che rendono una azienda un buon investimento a lungo termine.

Metriche diverse possono fornirti informazioni dettagliate sulle diverse parti delle operazioni e della situazione finanziaria di un’azienda. All’esterno, le cose possono sembrare andare bene, ma spesso ti accorgerai che guardando i bilanci di un’azienda ti renderai conto che tutto ciò che brilla non è oro.

Questo non significa che devi conoscere la struttura finanziaria di un’azienda da cima a fondo, ma ci sono alcune metriche chiave che possono darti una visione chiara prima di decidere di investire.

1. Rapporto prezzo/utili (P/E)

Il rapporto P/E è una metrica semplice da utilizzare quando si tratta di individuare aziende sottovalutate o sopravvalutate. Invece di guardare rigorosamente al prezzo di un’azione che può essere fuorviante, il rapporto P/E ti dà un’idea migliore del valore di un’azienda. Puoi trovare il rapporto P/E dividendo il prezzo delle sue azioni per l’utile per azione (EPS).

Non puoi davvero usare il rapporto P/E di un’azienda da solo, è necessario confrontarlo con altre aziende dello stesso settore. Confrontare aziende di diversi settori è spesso come confrontare le mele con le arance.

Ad esempio, Apple ha recentemente avuto un rapporto P/E di circa 24 e Microsoft un rapporto P/E di 28,5. Se vuoi sapere se le azioni di Delta Air Lines, che recentemente ha avuto un rapporto P/E di 53, è sottovalutato, sarebbe fuorviante confrontarlo con loro.

2. Rapporto debito/patrimonio netto

È normale che le aziende finanzino le loro operazioni assumendo debiti, ma quando i livelli di debito diventano troppo alti, questa è una bandiera rossa. Il rapporto debito/patrimonio netto di un’azienda ti consente di sapere quanta parte delle sue operazioni commerciali sono finanziate attraverso il debito rispetto al denaro investito dai proprietari e gli utili non distribuiti. Per calcolare il rapporto tra debito e capitale proprio, dividi il debito totale per il patrimonio netto. Maggiore è questo rapporto, maggiore è il rischio che l’azienda sta assumendo.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Se una società ha 100.000 euro di debito ma 1 milione di capitale proprio, il suo rapporto debito/equità è 0,1 ed è considerata una società a basso debito. Se i due fossero invertiti e la società avesse 1 milione di euro di debiti e 100.000 euro di capitale proprio, il rapporto di indebitamento sarebbe 10, il che significa che l’attività è quasi interamente finanziata dal debito.

Mentre in genere si desidera un rapporto debito/patrimonio inferiore, un rapporto estremamente basso potrebbe significare che la società è troppo conservatrice e tiene troppi soldi invece di usarli per continuare a cercare di crescere. Che si tratti di ricerca e sviluppo, logistica o acquisizioni, queste cose possono contribuire alla crescita di un’azienda, ma non può avvenire senza spendere soldi. Essere a buon mercato ora può essere costoso in futuro.

3. Rapporto di pagamento dei dividendi

Se sei interessato a investire in una società che paga dividendi, devi essere consapevole del rapporto di pagamento dei dividendi della società, che ti dice quanto dei suoi guadagni sta pagando in dividendi.

Per calcolare il rapporto di pagamento dei dividendi, dividi il dividendo annuale di una società per il suo EPS. Se il dividendo annuale di una società è di 5 euro per azione e il suo EPS è di 20 euro, il suo rapporto di pagamento sarebbe del 25%.

Se una società ha un rapporto di pagamento dei dividendi del 100%, significa che sta pagando tutti i suoi guadagni in dividendi; se ha un rapporto superiore al 100%, significa che sta pagando più di quanto ha incassato — il che, come sono sicuro che puoi intuire, non è una buona cosa. Come regola generale, avere un payout ratio compreso tra il 30% e il 50% è un buon mix tra la gratificazione degli azionisti e il reinvestimento sufficiente nel business.

In genere, le aziende più giovani non pagano dividendi perché devono reinvestire quei soldi nell’azienda per continuare a crescere. Le società più vecchie e affermate hanno meno spazio per l’ipercrescita ed è meno probabile che vedrai una crescita esponenziale del prezzo delle loro azioni. Per compensare ciò, pagano dividendi per premiare gli azionisti per aver mantenuto le loro azioni.

Per molti investitori, i dividendi rappresenteranno una buona parte del loro rendimento totale. Assicurati di conoscere il rapporto di pagamento dei dividendi di un’azienda, in modo da sapere se è sostenibile a lungo termine.

Leggi anche: Metriche di valutazione delle Azioni. Guida all’utilizzo per gli investimenti

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Soluzioni su dove investire per raddoppiare i tuoi soldi

Credici o no, ma raddoppiare i tuoi soldi è più semplice di quanto puoi pensare. Puoi raddoppiare piccole o grandi somme, tutto dipende da te. Questi i modi per riuscirci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.