Diversificazione: il migliore amico di un investitore

La diversificazione è abbastanza semplice da comprendere in teoria, ma per metterla in pratica correttamente quando si investe, è necessario avere familiarità con alcune definizioni e principi sottostanti.

La diversificazione è la pratica di distribuire il proprio capitale su una serie di investimenti, sia come tecnica di gestione del rischio che come strumento per migliorare i rendimenti degli investimenti a lungo termine. La diversificazione può essere il tuo migliore amico, ma utilizzarla con successo richiede un po’ più di attenzione rispetto alla semplice aggiunta di un gruppo di azioni al tuo portafoglio.

Tratta i seguenti due tipi di rischio

Esistono due tipi principali di rischio che l’investitore al dettaglio dovrebbe comprendere quando pensa alla diversificazione: rischio sistematico e rischio idiosincratico.

Il rischio sistematico è il rischio che un evento fuori misura possa influenzare tutte le attività in un particolare mercato. Ad esempio, il fallimento della banca d’investimento Lehman Brothers nel settembre 2008 ha causato perdite significative per l’intero mercato azionario. Il rischio sistematico viene anche definito ‘rischio di mercato‘.

Con questo ragionamento, allocare l’intero capitale di investimento a un paniere di azioni ordinarie e / o strumenti simili (come fondi comuni di investimento e fondi negoziati in borsa) crea un rischio sistematico. L’acquisto di altre attività, come obbligazioni, metalli preziosi e immobili, può ridurre il rischio sistematico. Detto questo, ci concentreremo di seguito sulla diversificazione in relazione a un portafoglio di azioni; tieni presente che le azioni non dovrebbero essere gli unici strumenti in cui investi il ​​tuo capitale.

Il rischio idiosincratico, a volte chiamato rischio ‘non sistematico‘ o ‘rischio specifico‘, riguarda il rischio specifico di un singolo settore o asset. Se l’unica azione detenuta da un investitore è per esempio NIO, una carenza di carenza di semiconduttori intacca la produzione dei veicoli e ovviamente i guadagni dell’azienda, l’investitore diventerebbe vittima di un rischio idiosincratico.

Tieni d’occhio la correlazione

La correlazione è una misura di quanto due asset si muovono l’uno rispetto all’altro in un dato mercato. Si osserva spesso che le azioni all’interno di un singolo settore sono correlate tra loro, in alcuni settori più di altri. Ad esempio, le azioni ferroviarie hanno modelli di business molto simili e tendono ad essere altamente correlate nei loro modelli di prezzo delle azioni. Pertanto, un investitore dovrebbe cercare di comprendere fino a che punto le partecipazioni in portafoglio possono mostrare una tendenza a fluttuare in tandem l’una con l’altra.

Anche le dimensioni possono essere un fattore di correlazione. Se un investitore diversifica adeguatamente tra i settori, ma acquista solo azioni con una capitalizzazione di mercato inferiore a 1 miliardo di euro, quelle azioni possono essere colpite se le azioni a bassa capitalizzazione come gruppo cadono in disgrazia tra gli investitori.

Quante azioni sono appropriate per gestire il rischio?

In generale, si dice che da 15 a 25 azioni sia un livello ottimale di diversificazione per gestire il rischio. Mantieni meno partecipazioni di questo e potresti essere colpito da un rischio idiosincratico o da un’eccessiva correlazione tra una manciata di azioni.

Aggiungi molto di più di questo numero di azioni al tuo conto di intermediazione e la complessità della gestione del tuo portafoglio su base continuativa aumenta in modo significativo, così come la possibilità che i tuoi rendimenti tornino alla media del mercato più ampio. Alcuni studi accademici ipotizzano che potrebbero essere necessari fino a 50 azioni per una corretta diversificazione; tuttavia, questo numero non è pratico per l’investitore medio da gestire correttamente.

È un’idea popolare che l’acquisto di un singolo fondo negoziato in borsa che traccia, ad esempio, l’indice S&P 500, sia un modo per diversificare in modo economico ed efficiente tra diverse centinaia di azioni. Ricorda solo che una strategia del genere può ancora esporti a rischi sistematici, rendendo ancora più importante considerare di allocare una parte del tuo denaro tra diverse classi di attività.

Questo articolo ti potrebbe interessare: Dove investire? Questa la soluzione per gli investitori senza esperienza

Acquisisci familiarità con questo termine importante

È possibile ottimizzare ulteriormente le possibilità di successo degli investimenti utilizzando ‘beta’, un concetto centrale per la diversificazione.

Si dice che il mercato mostri una volatilità dei prezzi, o beta, di 1.0. Un titolo con un ‘beta‘ inferiore a 1.0 può essere considerato meno volatile e, per estensione, meno rischioso del mercato complessivo. L’opposto è vero se un titolo ha una beta superiore a 1.0.

È una buona idea valutare il beta di ogni investimento nel tuo portafoglio per ottenere una comprensione globale di quanto aggressivamente sei posizionato nei confronti del mercato più ampio. Inoltre, nel valutare il beta del tuo portafoglio nel suo complesso, assicurati di prendere in considerazione il peso relativo di ciascuna posizione. Possedere 10 azioni con una beta media di, diciamo, 1.2 potrebbe non essere così efficace se il 90% del tuo denaro è nell’azione n. 11, che ha una beta di 2.0.

Definizione di beta

Beta è il coefficiente che definisce la misura del rischio sistematico di un’attività finanziaria, ovvero la tendenza del rendimento di un’attività a variare in conseguenza di variazioni di mercato. Esso è misurato dal rapporto tra la covarianza del rendimento di un’attività i-esima con il rendimento di mercato, e la varianza del rendimento di mercato: bi = covarianza (Ri,RM)/varianza(RM) ove: Ri = Rendimento dell’attività i-esima; RM = rendimento del mercato.

Perché la diversificazione può essere il tuo migliore amico?

Nel valutare il beta delle tue singole partecipazioni e del tuo portafoglio complessivo, potresti arrivare a capire che la diversificazione è in realtà più una tecnica di aggiustamento del rischio o di gestione del rischio che non una tecnica di riduzione del rischio. Dopotutto, ci sono alcuni casi in cui vorrai aumentare il rischio o la volatilità attraverso la diversificazione.

Ad esempio, se scopri che le tue posizioni sono costituite da un gruppo di azioni non correlate, abbastanza ben protette dal rischio idiosincratico, ma con un beta aggregato di appena 0,5, può avere senso, a seconda dei tuoi obiettivi di investimento, iniziare a pesare il tuo portafoglio verso una maggiore volatilità, creando il potenziale per rendimenti più elevati.

E parlando di pratica, prova a prendere l’abitudine di dare una nuova occhiata al tuo portafoglio ogni volta che aggiungi o sottrai una posizione. Mettere insieme i concetti di rischio sistematico e idiosincratico, correlazione e aggiustamento del beta può darti un controllo più sfumato sul tuo destino di investimento. Capire perché stai diversificando in un certo modo è sempre preferibile semplicemente aumentare il numero di azioni che possiedi.

Ti potrebbe interessare:

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Capixal Licenza CySEC
Piattaforma MT4 e Mobile
Oltre 350 CFD disponibili
apri ora
eToro Licenza CySEC, FCA
Social Trading
Protezione dei fondi
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 67 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Come diventare un investitore più intelligente

Essere un investitore intelligente e ottenere buone performance dal proprio portafoglio, è il sogno di tanti. Qui trovi alcuni consigli per diventare un investitore migliore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.