Cosa sono i Minibond

Il minibond è un valido strumento finanziario, tanto innovativo quanto gestibile, con cui un’azienda può raccogliere fondi da investitori in cambio titoli di credito. Per minibond si intendono infatti particolari titoli di debito o obbligazioni emessi a medio-lungo termine da società o soggetti finanziari. Su azimutdirect.com/it/servizi/minibond trovi tutti i dettagli e le informazioni su questa nuova frontiera dell’investimento, autentica preziosa risorsa per le aziende in fase di crescita. I minibond rappresentano il mezzo ideale per raccogliere fondi e sono pensati appositamente per agevolare l’accesso al credito di piccole e medie aziende in via di sviluppo.
Partendo dal presupposto che i minibond possono essere emessi solo da aziende sane e in attivo, capaci di buona affidabilità creditizia e di una certa solidità patrimoniale, vediamo come funzionano i minibond e come una PMI può utilizzarli al meglio a proprio vantaggio.

Come funzionano i Minibond

I principali vantaggi che offrono i minibond alle aziende sono: il fatto di contribuire a rafforzarle dal punto di vista del rating e patrimoniale e ancora il fatto di svincolarle dalla dipendenza bancaria assicurando loro costi minori e più occasioni di finanziamento.
Preferibilmente, per poter emettere minibond un’azienda deve presentare ai possibili investitori prospettive interessanti, non può essere in una situazione di difficoltà ma al contrario di slancio, con fatturato in aumento e dimostrabilmente proficua. Solo in questo modo, infatti, gli investitori potranno sottoscrivere con tranquillità il titolo di debito emesso dall’azienda. Più nello specifico, il fatturato annuo non dev’essere inferiore a 5 milioni di euro e deve aver avuto una crescita costante negli ultimi tre anni, il margine operativo lordo deve essere pari almeno al 10% del fatturato, il rapporto tra posizione finanziaria netta e margine operativo lordo dev’essere minore di 4 e l’impresa deve certificare il proprio rating tramite una società di rating autorizzata e certificata EBA ed ESMA. A differenza di quanto avviene nel rapporto tra banca e impresa in cui il rapporto emittente/investitore è uno a uno, i minibond prevedono un processo di emissione articolato in più fasi e diverse figure chiave coinvolte nel processo. L’Advisor è fondamentale perché valuta la PMI emittente e la convenienza e la fattibilità dell’operazione. L’arranger assiste l’impresa nella strutturazione dei minibond e nel suo collocamento, preparando azienda e soci. Gli investitori che sottoscrivono i minibond, infine, rendono possibile l’intera operazione: credendo infatti nel progetto imprenditoriale, rendono possibile beneficiare dell’emissione dei minibond stessi.  Gli investitori possono essere banche, intermediari finanziari, società di assicurazione, fondi pensione e così via.

Vantaggi dei Minibond rispetto al credito bancario

A differenza del credito bancario, i minibond non necessitano di garanzie a tutti i costi, hanno una scadenza più lunga, non di 3-5 anni ma di 5-7 anni. Inoltre il tasso di interesse in banca dipende dal costo del capitale a cui la banca fa riferimento, nel mercato dei minibond, invece, applicato in base alla qualità dell’azienda e del progetto che si intende sostenere. Altra differenza consiste nelle modalità di rimborso del capitale: mentre con la banca generalmente si segue un piano di ammortamento costante, il minibond può essere rimborsato tutto alla scadenza o avere un periodo di preammortamento , ad esempio di 2 anni.
Il minibond non viene segnalato in Centrale Rischi e non prevede possibilità di revoca come un finanziamento o un fido di cassa tradizionali.
Grazie alle sue caratteristiche specifiche, i minibond consentono all’azienda di rendersi visibile per gli investitori istituzionali e non, sfruttando l’opportunità di quotarsi su Borsa Italiana presso l’indice preposto ExtraMot Pro.
Il costo dell’emissione dei minibond dipende dal capitale raccolto e dagli step raggiunti nel processo stesso dell’emissione delle obbligazioni. Tali costi prevedono l’intervento dell’advisor finanziario e dell’arranger, i costi dello studio legale per la sottoscrizione del contratto di minibond e il processo di ammissione, la certificazione del bilancio d’impresa, l’eventuale emissione del rating e ammissione alla quotazione su ExtraMOT PRO3 e il costo annuale per la banca depositaria e la banca agente.

Per concludere, il minibond è una risorsa vantaggiosa e interessante per le aziende strutturate che desiderano sostenere la propria crescita accedendo a fondi importanti, alternativi a quelli offerti dai canali tradizionali.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.
Fonte Immagine di testata: Depositphotos

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.