Home / Guida trading / Cosa bisogna sapere prima di investire nei titoli di stato

Cosa bisogna sapere prima di investire nei titoli di stato

Quando si parla di investire soldi, viene in mente subito ad un investimento in borsa, ma questo non è l’unico modo per investire. Oggi sono moltissimi gli strumenti e i mercati messi a disposizione da banche, broker, nei quali è possibile investire: forex, indici, materie prime, titoli di stato solo per citarmi alcuni..

In questo articolo vogliamo incentrare l’attenzione e dare alcuni consigli su come investire nei titoli di stato.

Per chi non lo sapesse, i titoli di Stato sono obbligazioni emesse periodicamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per conto dello Stato e hanno come scopo quello di finanziare il debito pubblico o direttamente il deficit pubblico. La persona che sceglie di investire nei titoli di stato può guadagnare soldi sia mediante lo scarto di emissione (ossia la differenza tra il valore nominale e il prezzo di acquisto), sia mediante il pagamento di cedole (fisse o variabili) durante la durata del titolo. Alla scadenza dell’obbligazione lo Stato rimborsa il capitale iniziale.

L’acquisto dei titoli di stato avviene mediante un’asta, o attraverso un mercato secondario, ma in qualsiasi modo per acquistare titoli di stato occorre sempre rivolgendosi a un intermediario finanziario che eseguirà l’ordine di acquisto di vendita.

Se hai deciso di investire nei titoli di stato devi sapere che esistono diversi tipi di titoli pubblici:

  • BOT (Buoni Ordinari del Tesoro), che hanno una durata inferiore a un anno
  • BTP Italia, che durano quattro anni
  • CCT (Certificati di Credito del Tesoro), che durano sette anni
  • CTZ (Certificati del Tesoro Zero Coupon), che durano due anni
  • BTP (Buoni del Tesoro Poliennali), che hanno una durata variabile non inferiore ai tre anni e non superiore ai 30

Cosa sapere prima di investire nei titoli di stato?

Come tutti gli investimenti finanziari, chiunque scelga di investire nei titoli di stato deve essere consapevole dei rischi. Rischi di perdere parte o il totale della somma investita (questo in caso di default dello stato).

A parte questa ipotesi catastrofica, investire nei titoli di stato è un ottima scelta per chi non vuole correre troppi rischi. Come abbiamo detto in precedenza, i titoli di stato presentano un rischio finanziario, ma sempre minore rispetto ad altre forme di investimento. Il rovescio della medaglia è dato dai rendimenti, inferiori ad altre forme di investimento.

Un consiglio, prima di investire nei titoli di stato, meglio fare una attenta ricerca analizzando i giudizi pubblicati dalle agenzie di rating mondiali. Questo discorso è valido sia per i titoli di stato italiani ma ancor più quelli esteri.

Novità: Dal 1 gennaio 2013 i risparmiatori che hanno deciso di investire nei titoli di Stato devono fare i conti con le Cac (Collective action clauses), obbligatoria ai sensi del Trattato sul Meccanismo Europeo di Stabilità. Le Cac sono delle clausole inserite nei prospetti o nei regolamenti dei titoli di Stato di nuova emissione, che permettono a uno Stato in difficoltà di ristrutturare il proprio debito allungando le scadenze, ridurre i tassi o proporre lo scambio con altre obbligazioni. Questa forma di clausole sono obbligatorie per tutti i bond governativi emessi dopo il 1 gennaio 2013 con scadenza superiore ai 12 mesi.

Ora che hai le idee più chiare, sei convinto di investire nei titoli di stato?


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
Brokereo Licenza CySEC
No commissioni su CFD
Segnali di trading
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Investire in borsa, come si può guadagnare veramente

Molte persone si affidano alla fortuna, ma per investire in borsa con successo questo non basta. Investire in borsa nel mercato azionario può portare a profitti ma bisogna sapere come farlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.