Home / Guida trading / Cosa sapere prima di acquistare oro fisico

Cosa sapere prima di acquistare oro fisico

L’anno nuovo sta facendo registrare un ritorno da parte di grossi fondi, investitori e trader ad investire sull’oro. L’inversione di tendenza registrata ad inizio anno ha riportato l’attenzione verso il metallo giallo. Oggi le quotazioni dell’oro mostrano una tendenza rialzista che potrebbe proseguire anche per i prossimi mesi.

L’oro, che per molti rappresenta un semplice investimento, per altri è una vera di risparmio e protezione futura. Quest’ultimo tipo di investitore non sceglie un fondo che investe in oro, ma predilige l’acquisto di oro fisico per due motivi principali; per privacy e per detenere un metallo che possa garantire un valore futuro qualsiasi siano le condizioni economiche.
Visto in questo modo, acquistare oro fisico è come garantire un futuro.

Spesso chi sceglie di acquistare oro fisico per investimento sceglie lingotti o monete. Queste ultime hanno costi maggiori a causa dei costi di fabbricazione e se si tratta di monete da collezione, il loro prezzo dipende anche dalla loro rarità.

A differenza dell’investimento in oro finanziario, l’oro fisico ha dei costi come deposito, assicurazione, ecc… Solitamente i costi sono variabili, alcuni istituti applicano un costo che va dallo 0,5% all’1% annuo del valore complessivo dell’oro depositato.
In alternativa è possibile depositare l’oro in una cassetta di sicurezza bancaria, anche in questo caso con costi variabili anche se solitamente queste non sono assicurate.
Alcuni scelgono di detenere l’oro in casa, escludendo i costi fissi ma assumendo rischi maggiori.

Ne momento che i possessori di oro fisico decidono di venderlo, è necessario farlo valutare. La valutazione dipende dalla quantità e dal tipo di oro e dai rapporti che si hanno con il dealer.

Per quanto riguarda la tassazione sull’acquisto e la vendita dell’oro fisico è differente a seconda della metodologia di acquisto della materia prima rifugio. In effetti nel caso di acquisto fisico sulle plusvalenze derivanti dalla negoziazione le plusvalenze derivanti dalla cessione saranno qualificabili come redditi diversi ex articolo 67 del Tuir. La tassazione quindi seguirà quella prevista dagli scaglioni di reddito irpef vigenti al momento del realizzo del provento da investimento o plusvalenza.


FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

I prezzi dell’oro ai massimi da settembre 2011 a 1.820 dollari

I prezzi dell'oro sono saliti ai massimi da settembre 2011 lunedì in seguito al picco delle infezioni COVID-19 e speranze dell'aumento delle misure di stimolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.