Come Investire in un Mercato Ribassista 2022

Un mercato ribassista può essere frustrante per gli investitori, ma anche un ottimo momento per fare affari. Ecco come sfruttare al meglio queste fasi di mercato e dove investire.

Un mercato ribassista è un periodo prolungato di calo dei prezzi di un’azione o di un intero mercato, di solito del 20% o più da un recente massimo.

Anche singoli titoli o altre asset class possono entrare in un mercato ribassista se subiscono cali di prezzo del 20% o più, ma la buona notizia è che i mercati ribassisti non tendono a durare a lungo, in media poco meno di 10 mesi, secondo Hartford Funds.

Ecco cosa sapere sui mercati ribassisti e come investire quando capitano.

Investire in un mercato ribassista dai numeri

  • Un mercato ribassista è generalmente definito come un calo del 20% o più rispetto ai recenti massimi di mercato.
  • I mercati ribassisti sono spesso associati a recessioni, ma non sempre.
  • Il mercato ribassista medio dell’S&P 500 è durato circa 9,6 mesi, secondo Hartford Funds.
  • Ci sono stati 27 mercati ribassisti nell’S&P 500 dal 1928, di cui 12 dal 1928 al 1945.
  • L’S&P 500 ha perso una media di circa il 36% durante i mercati ribassisti dal 1928, afferma Hartford Funds.
  • I mercati ribassisti fanno parte della storia tanto quanto lo sono il ciclo economico. I peggiori mercati ribassisti includono la Grande Depressione degli anni ’30 e la bolla delle dotcom della fine degli anni ’90.
  • Un altro notevole mercato ribassista storico si è verificato nell’ambito della Grande Recessione, che è durata 408 giorni e ha visto l’S&P 500 scendere di quasi il 52%.
  • Uno dei mercati ribassisti più brevi della storia è arrivato durante l’inizio della pandemia di COVID-19 nel febbraio 2020 ed è durato solo 33 giorni, ma ha cancellato quasi il 34% dall’S&P 500.
  • I mercati ribassisti nell’S&P 500 si sono verificati in media circa ogni 3,6 anni dal 1928.

Cos’è un mercato ribassista?

Non esiste una scienza esatta per distinguere o riconoscere un mercato ribassista, ma gli osservatori del mercato generalmente si riferiscono a un calo del 20% o più come mercato ribassista.

I mercati ribassisti si verificano spesso nel periodo prima di una recessione economica e indicano ampiamente che gli investitori stanno iniziando a ritirarsi. Se c’è un rapporto più alto tra investitori avversi al rischio e tolleranti al rischio, questo può anche essere spesso considerato un mercato ribassista o “territorio ribassista”. Al contrario, in un mercato rialzista, gli investitori caricano in anticipo e spesso acquistano a un ritmo rapido.

Quando gli investitori iniziano a sentire che le borse potrebbero essere diretti verso un mercato ribassista, è importante prenderne atto ed essere pronti ad adeguare i propri investimenti, se necessario.

I mercati ribassisti spesso segnalano recessioni, ma a volte possono verificarsi nel bel mezzo di mercati rialzisti a lungo termine, rappresentando una pausa temporanea. Dal momento che è difficile discernere in che modo oscilleranno i mercati e quando, tenere d’occhio i tuoi investimenti è tanto più importante.

I mercati ribassisti potrebbero essere causati da un surriscaldamento dell’economia dovuto a un’inflazione galoppante, disordini politici che si riversano nei mercati, consumatori sovraesposti o qualche altra causa.

Dati storici sui mercati ribassisti

Sebbene gli investitori temono i mercati ribassisti, fortunatamente spesso hanno vita breve.

Come accennato in precedenza, il mercato ribassista medio dura circa 9,6 mesi. Nel frattempo, il mercato ribassista S&P 500 più breve della storia è durato poco più di un mese, verificandosi nel 2020 all’inizio della pandemia di COVID .

In totale, ci sono stati 27 mercati ribassisti nell’S&P 500 dal 1928, di cui 12 tra il 1928 e il 1945. Dal 1945, ci sono stati 15 mercati ribassisti, con una media di circa uno ogni 5,1 anni.

Sebbene i mercati ribassisti possano spaventare gli investitori, si verificano solo una minoranza delle volte. Dal 1928 al 2020, i mercati ribassisti hanno rappresentato solo il 22% della storia del mercato, afferma Hartford Funds. In altre parole, le azioni sono state piatte o in aumento il 78% delle volte.

E non solo i mercati ribassisti hanno vita breve, ma tendono ad essere meno potenti dei mercati rialzisti.

In media, l’S&P 500 ha perso circa il 36% durante i mercati ribassisti, secondo Ned Davis Research. Per metterlo in prospettiva, il mercato rialzista medio vede un guadagno del 114%. In effetti, la metà dei giorni più forti dell’S&P 500 negli ultimi due decenni si è verificata durante i mercati ribassisti. Secondo Hartford Funds, gli investitori che prevedono un orizzonte di investimento di 50 anni possono aspettarsi di vivere attraverso circa 14 mercati ribassisti. Ciò significa sentirsi a proprio agio con i cali del mercato e imparare a cavalcare un mercato ribassista.

I mercati ribassisti possono indurre gli investitori a diventare nervosi, il che può portare gli investitori a vendere asset per paura. Questa azione può diventare contagiosa e spingere  ulteriormente un mercato verso il basso. Gli investitori che potrebbero non aver avuto l’intenzione di vendere prima possono all’improvviso rimanere intrappolati in una contagiosa frenesia di vendita, che può portare alla vendita di azioni che potrebbero essere più preziose a lungo termine.

Mercati ribassisti dal 1929

Fonte: fondi Hartford

Mercato ribassista 2022

Nel 2022, l’indice S&P 500 ha subito il peggior inizio di un anno dal 1970, scendendo del 21% durante la prima metà del 2022. L’S&P 500 è entrato nel territorio del mercato ribassista il 13 giugno 2022 dopo aver chiuso oltre il 20% in meno rispetto al suo massimo di gennaio 3, 2022.

Da allora, i mercati e gli investitori sono stati in allerta per i richiami ufficiali di una recessione. I primi sei mesi del 2022 hanno visto un’inflazione storicamente elevata, una lenta riduzione del mercato immobiliare del 2021 e gli aumenti dei tassi più aggressivi in ​​oltre un decennio.

✅ Stai cercando un corso completo per avere successo con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Una guida completa al trading scritta con parole semplici e comprensibili, per aiutare gli aspiranti trader a muoversi con sicurezza.
👉 Scarica la guida gratuita!

I fattori di stress post-pandemici come le interruzioni della catena di approvvigionamento hanno spinto l’inflazione a livelli elevati e il timore di una possibile stagflazione. Nel tentativo di combattere questo, la Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse, portando a mercati volatili e timori di recessione. Di conseguenza, a giugno 2022, secondo Schroders Wealth Management, oltre 9 trilioni di dollari di valore erano stati spazzati via dal valore degli investimenti di capitale globali, superando quello della crisi finanziaria del 2008.

Sebbene non sia ancora chiaro se l’attuale situazione economica manderà o meno gli Stati Uniti in una recessione, le oscillazioni del mercato hanno preoccupato gli investitori.

Come investire in un mercato ribassista

Sebbene i mercati ribassisti possano preoccupare gli investitori, offrono anche grandi opportunità. Se sai dove investire, puoi trovare opportunità per fare investimenti interessanti.

Di seguito sono riportate alcune strategie per aiutarti a superare un mercato ribassista e mantenere intatti i tuoi obiettivi di investimento.

Combatti la paura di svendere tutto

La strategia più sfacciata sarebbe quella di vendere tutto e spostare tutti gli investimenti in liquidità. Questo salvaguarda il tuo denaro oggi, ma potrebbe non essere la mossa migliore per proteggerlo a lungo termine .

Considerando che i mercati ribassisti tendono a non durare troppo a lungo, perdere il potere d’acquisto dei tuoi soldi a causa dell’elevata inflazione potrebbe potenzialmente essere un’alternativa peggiore. L’atmosfera che circonda un mercato ribassista può essere cupa, ma è importante combattere la paura di vendere tutto al primo segno di vento contrario.

Investi in modo difensivo

Un’altra opzione è investire in azioni o fondi difensivi che tradizionalmente si comportano bene durante le flessioni del mercato. Questi possono trovarsi in aree considerate necessarie, indipendentemente dalla situazione del mercato, comprese le azioni di aziende di cibo e cura della persona. I servizi di pubblica utilità sono un altro settore che tende a dare buoni risultati durante le flessioni del mercato.

Un investitore prudente potrebbe cercare di trasferire parte del proprio portafoglio su queste attività durante una prevista flessione, specialmente in ambienti con tassi elevati o alta inflazione, poiché potrebbe rivelarsi più vantaggioso della liquidità.

Copertura con obbligazioni

Investire in obbligazioni è anche una strategia comune per proteggersi durante un mercato ribassista. I prezzi delle obbligazioni spesso si muovono in modo inverso rispetto ai prezzi delle azioni e, se le azioni scendono, un investitore obbligazionario potrebbe trarne vantaggio.

Le obbligazioni a breve termine in un mercato ribassista potrebbero aiutare gli investitori a superare la (si spera) flessione a breve termine. Le obbligazioni di qualità superiore o investment grade sarebbero una scelta migliore in questo caso per gli investitori il cui obiettivo è coprire il rischio di mercato complessivo durante i mercati ribassisti. La scelta di obbligazioni più rischiose durante un mercato ribassista potrebbe aggravare le perdite di azioni che potrebbero già sottoperformare durante un mercato ribassista.

Copertura con azioni da dividendo

Le azioni a dividendo restituiscono una parte del profitto di una società all’investitore sotto forma di dividendo, quindi anche se il prezzo delle azioni scende, gli investitori possono comunque ricevere entrate. Le azioni a dividendi sono un modo intelligente per coprire gli effetti di un mercato ribassista, poiché il reddito in entrata contrasta le perdite in altre attività.

I titoli a dividendi tendono anche ad essere un po’ meno volatili rispetto al titolo medio, offrendo anche al tuo portafoglio una protezione aggiuntiva.

Leggi anche: Azioni Sicure in cui Investire oggi e tenere per sempre

Ribilancia il tuo portafoglio

I mercati ribassisti sono un buon momento per rivalutare eventuali titoli growth o titoli a bassa e media capitalizzazione che hai mantenuto. L’instabilità del mercato potrebbe rivelarsi troppo difficile da gestire per le aziende in via di sviluppo e, senza le risorse finanziarie delle loro controparti più grandi, alcuni titoli di crescita potrebbero essere lasciati da parte.

Questo non vuol dire che dovresti vendere immediatamente tutte le tue risorse (i mercati ribassisti possono anche fornire una meravigliosa opportunità di acquisto per i titoli con la giusta crescita) ma una rivalutazione sarebbe saggia. Passare a percentuali più elevate di obbligazioni e asset class stabili è una mossa ovvia e tenere d’occhio i titoli value vs. titoli growth sarà fondamentale a lungo termine. I titoli growth possono avere il loro posto in un portafoglio diversificato, ma i titoli value che sono fondamentalmente solidi e hanno il potenziale per il successo a lungo termine saranno particolarmente importanti durante le flessioni del mercato.

Mantenere la rotta

La cosa più importante che un investitore può fare durante un mercato ribassista (dopo aver valutato di conseguenza le proprie partecipazioni) è aspettare.

Non è facile guardare l’andamento delle proprie azioni tutto il giorno e ascoltare gli amici parlare di svendere tutto, poiché non fa che aumentare il tuo nervosismo. Investire è un gioco a lungo termine e ciò che fai durante le flessioni definirà la tua performance nel tempo.

A meno che tu non abbia un bisogno immediato di liquidità, probabilmente ti pentirai di aver venduto tutto una volta che il mercato si riprenderà.

Come investire durante i mercati ribassisti, conclusioni

I mercati ribassisti possono essere dolorosi per gli investitori, ma per fortuna di solito sono di breve durata. Mentre può sembrare che vendere durante un mercato ribassista sia facile da fare, il tempismo del mercato può essere impossibile, anche per i professionisti. Ciò significa che la cosa più importante che un investitore può fare è scegliere investimenti di alta qualità con l’intenzione di mantenerli a lungo termine, tenendo sempre d’occhio le posizioni che potrebbero richiedere un’attenzione speciale come i titoli growth e gli investimenti potenzialmente volatili.

✅ Stai cercando un guida per investire in Azioni? Questo è l’ebook che fa per te… Se vuoi ottenere dei risultati dal trading su mercato azionario, questa guida è ciò che ti serve. Investi il tuo tempo nella formazione e verrai ricompensato dai tuoi stessi risultati.
👉 Scarica la guida gratuita!

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Opportunità d’oro per Investire in Azioni Microsoft

Quando i mercati vanno nel panico, si aprono enormi opportunità per gli investitori e questo è il caso delle azioni Microsoft. Ecco perchè dovresti investire in questo titolo oggi stesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.