Home / Guida trading / Come i tassi di interesse influenzano i mercati

Come i tassi di interesse influenzano i mercati

I tassi di interesse sono la variabile economica che ha l’impatto maggiore e più immediato sui mercati azionari, obbligazionari e valutari.
L’effetto è così importante che i mercati tendono a muoversi sulla base di previsioni sul futuro andamento dei tassi, anticipando così gli eventuali movimenti ufficiali.

Normalmente accade che i mercati si muovano sulla base dell’aspettativa del movimento dei tassi, al punto da scontare quasi completamente le decisioni di politica monetaria prima che queste vengano prese.
A volte accade addirittura che, quando la variazioni dei tassi diventa ufficiale, essa non abbia più impatto sui mercati, poichè l’impatto è avvenuto in anticipo.

Le relazioni sono generalmente inverse sui mercati obbligazionari ed azionari.
Sul primo in quanto l’aumento del tasso di interesse di mercato provoca la discesa delle quotazioni dei titoli a reddito fisso, poichè la cedola fissa, per aumentare il rendimento e portarlo ad un adeguato livello ai nuovi tassi, dee rapportarsi a quotazioni inferiori.
Sul mercato obbligazionario a reddito fisso vale infatti la seguente relazione:

SCOPRI LA DIFFERENZA

www.activtrades.com/it/

Fai trading su Forex e CFD con un Broker affermato
Supporto Clienti Pluripremiato, Protezione dei fondi, Conto demo gratuito

RENDIMENTO = TASSO NOMINALE / QUOTAZIONE

Essendo fisso il tasso nominale espresso dalla cedola, l’aumento del rendimento può ottenersi soltanto deprimendo la quotazione.
Sul mercato azionario l’aumento dei tassi, oltre ad esprimersi negativamente sui bilanci delle imprese tramite aumento degli oneri finanziari, crea la convenienza nella massa dei risparmiatori, ad orientare i propri investimenti sui mercati obbligazionari che offrono maggiori rendimenti a scapito dell’investimento azionario. Ovviamente il contrario capita quando i tassi di interesse vengono ridotti.

Non esistono dati in grado di anticipare l’andamento dei tassi di interesse, essendo questo del tutto dipendente dalle decisioni delle Banche Centrali di ogni paese.
I mercati si affidano all’interpretazione dei dati macroeconomici ed all’attenta lettura dei discorsi delle Autorità Monetarie, tentando in tal modo di prevederne le mosse future. Molto attese sono le riunioni dei comitati esecutivi delle Banche Centrali, dove vengono ufficialmente prese le decisioni sui tassi ufficiali.


Scuola di Trading in 4 Volumi. Scarica i tuoi nuovi ebook sul trading!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
ETFinance Licenza CySEC
Spread stretti
Piattaforma MT4
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Nessuna incertezza da parte della Fed. Tassi invariati fino al 2021

Nessun colpo di scena, la Fed lascia invariati i tassi di interesse nella sua ultima riunione dell'anno. Il costo del denaro resta fermo in una forchetta fra l'1,5% e l'1,75%. Questa la reazione dei mercati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.