Home / Guida trading / Asset Allocation. L’importanza della diversificazione del portafoglio

Asset Allocation. L’importanza della diversificazione del portafoglio

In che modo l’asset allocation e la diversificazione del portafoglio possono migliorare il tuo investimento? Una guida su come massimizzare i profitti e minimizzare i rischi,

Un’asset allocation efficace è vitale per qualsiasi strategia di investimento a lungo termine. Sebbene il mercato azionario abbia storicamente fornito rendimenti degli investimenti superiori nel tempo, la diversificazione del portafoglio tra una gamma di azioni e altri asset class è necessaria per ridurre la volatilità a breve termine e migliorare il rapporto rischio-rendimento di un investimento a lungo termine.

Cos’è l’asset allocation?

L’allocazione degli asset implica la distribuzione di un portafoglio di investimento su una gamma di mercati differenti per migliorare i rendimenti e ridurre il rischio. In quanto forma di diversificazione del portafoglio, l’asset allocation consiste nell’aggiustare il mix di attività in un portafoglio per controllare la volatilità attesa. Un’asset allocation efficace consente di ottimizzare l’equilibrio tra rischio atteso e rendimento di un portafoglio in base all’orizzonte temporale di un investitore.

I seguenti sono esempi di mix di asset allocation conservativi e aggressivi:

  • Portafoglio A: azioni 20%, obbligazioni 70%, liquidità 10%
  • Portafoglio B: azioni 70%, obbligazioni 20%, liquidità 10%

Con una maggiore allocazione in azioni, il portafoglio B probabilmente sovraperformerebbe a lungo termine. Tuttavia, avrebbe anche una maggiore volatilità e potrebbe sottoperformare per periodi di 5 anni o meno. Sebbene il portafoglio A possa sottoperformare a lungo termine, è meno probabile che perda denaro in tempi più brevi.

La diversificazione del portafoglio può essere implementata a livello di portafoglio o a livello di attività. A livello di portafoglio, il capitale è tradizionalmente suddiviso tra azioni, obbligazioni e liquidità o strumenti del mercato monetario a breve termine. È inoltre possibile aggiungere altri asset per diversificare ulteriormente un portafoglio. Un portafoglio a reddito fisso può essere diversificato investendo in un mix di titoli di stato di diversi paesi, obbligazioni societarie, obbligazioni ad alto rendimento o ETF. Il portafoglio può essere ulteriormente diversificato investendo in prodotti su tassi di interesse di diverse scadenze.

Perché l’asset allocation è importante

Le azioni generalmente generano rendimenti più elevati rispetto ad altri strumenti di investimento. Tuttavia, se gli investitori mettono tutte le loro uova nello stesso paniere, si espongono a un alto grado di rischio in caso di crollo del mercato azionario.

Nel 2008/2009 molti portafogli azionari hanno perso ben oltre il 50% del loro valore. Ciò significa che dovevano guadagnare il 100% solo per tornare al loro valore prima della crisi finanziaria. Se si considera che i rendimenti azionari a lungo termine per le azioni statunitensi sono intorno al 7 – 8% all’anno, ciò implica almeno 10 anni prima che tali perdite vengano recuperate. Quando si investe per risparmiare capitale verso obiettivi finanziari a lungo termine come il pensionamento, è importante che gli investitori considerino la quantità di volatilità che possono accettare. D’altra parte, la crescita del capitale richiede di investire almeno una parte di un portafoglio in attività più rischiose.

Gli investitori più giovani che risparmiano per la pensione possono tollerare una maggiore volatilità poiché hanno tempo per recuperare un portafoglio e non avranno bisogno di accedere al capitale per un po’ di tempo. Allo stesso tempo, hanno bisogno di possedere attività più rischiose per costruire il loro portafoglio da una piccola base. Al contrario, gli investitori più anziani che si avvicinano all’età pensionabile avranno bisogno di accedere prima al proprio capitale. Non possono tollerare la stessa quantità di volatilità e dovranno detenere una parte maggiore del loro portafoglio in attività a basso rischio. L’allocazione degli asset consente ai gestori di portafoglio di trovare il giusto equilibrio tra rischio e rendimento per il portafoglio di un individuo in base alle loro esigenze specifiche e all’orizzonte temporale.

Gli strumenti all’interno di ciascuna asset class sono altamente correlati tra loro. All’interno del mercato azionario, il rendimento di un’azione è una funzione non solo della redditività dell’azienda, ma anche dei movimenti dei prezzi delle azioni del suo settore e del mercato azionario più ampio. Tuttavia, le attività generalmente hanno correlazioni inferiori con le attività di diverse classi di attività e in alcuni casi possono essere correlate negativamente l’una con l’altra. Attraverso la diversificazione del portafoglio è possibile ridurre la volatilità complessiva di un portafoglio. Quando uno strumento perde valore, un altro può guadagnare valore o almeno perdere meno valore.

La diversificazione del portafoglio può anche portare a rendimenti complessivi più elevati. Un portafoglio che perde meno valore può generare rendimenti in dollari più elevati quando i prezzi delle attività si riprendono. L’evidenza empirica suggerisce che l’asset allocation ha un effetto maggiore sui rendimenti di un portafoglio rispetto alla selezione dei singoli investimenti. Un portafoglio diversificato può anche resistere alle mutevoli condizioni di mercato meglio dei singoli investimenti poiché i guadagni in un asset possono compensare le perdite in altri.

Rischio contro ricompensa

Nel tempo gli investitori vengono ricompensati per aver assunto rischi in quanto rendimenti più elevati richiedono agli investitori di assumersi più rischi. Sebbene esistano diversi tipi di rischio, per gli investitori il rischio di perdita permanente del capitale e temporanea riduzione del capitale sono i più rilevanti. Gli investitori possono mitigare la perdita permanente di capitale investendo in società redditizie e attività con valore tangibile o distribuendo il rischio attraverso la diversificazione del portafoglio.

Il deterioramento temporaneo del capitale si presenta sotto forma di volatilità con attività più rischiose che mostrano una maggiore volatilità rispetto a attività meno rischiose. Gli investitori perdono denaro dopo un crollo del mercato solo se vendono i loro investimenti a un prezzo inferiore a quello che hanno pagato per loro. A condizione che un portafoglio venga investito in attività di qualità, il portafoglio dovrebbe riprendersi. Tuttavia, questo potrebbe richiedere tempo. Un orizzonte temporale degli investitori è quindi un fattore fondamentale nel decidere quanto rischio possono tollerare. Anche eventuali requisiti patrimoniali potenziali a breve termine devono essere considerati e investiti solo in strumenti simili alla liquidità.

Modi per diversificare un portafoglio

Esistono diversi approcci per diversificare un portafoglio a seconda delle dimensioni, dell’obiettivo di investimento e della modalità di gestione dei fondi. Una regola pratica molto semplicistica per diversificare il tuo portafoglio è di allocare 100 meno la tua età alle azioni e il resto alle obbligazioni e agli strumenti di investimento a minor rischio. Sebbene ciò semplifichi eccessivamente il processo, in realtà non è molto lontano da un modello di allocazione degli asset moderato.

Questi modi per diversificare un portafoglio:

Asset allocation strategica

L’asset allocation strategica è un approccio relativamente passivo a lungo termine. Una percentuale fissa del portafoglio è detenuta in ciascuna classe di attività, solitamente tramite ETF. Il portafoglio viene ribilanciato a intervalli regolari o quando diventa troppo fuori linea con le allocazioni desiderate. La misura in cui il portafoglio è diversificato dipenderà dall’orizzonte temporale dell’investitore e dai suoi obiettivi di investimento specifici. Nel tempo possono essere apportate piccole modifiche incrementali al modello di asset allocation, di solito per ridurre il rischio quando un investitore si avvicina all’età pensionabile.

Asset allocation tattica

L’asset allocation tattica degli asset è un approccio più attivo in cui le allocazioni vengono regolate in base alle condizioni di mercato e alle valutazioni relative delle varie asset class. Questo approccio viene spesso utilizzato all’interno della quota azionaria di un fondo per spostare il capitale da settori, paesi o regioni sopravvalutati a quelli sottovalutati. Fare ciò in modo efficace può migliorare in modo significativo il profilo rischio-rendimento di un portafoglio.

L’asset allocation tattica può essere implementata anche utilizzando lo slancio. Con questo approccio l’allocazione a ciascuna classe di attività rimane investita solo quando i prezzi aumentano. Una media mobile può essere utilizzata come trailing stop e quando il prezzo dello strumento in questione scende al di sotto della media mobile, l’allocazione viene spostata in contanti o in un’altro asset class.

Fondi comuni di investimento e fondi negoziati in borsa

I singoli investitori con portafogli più piccoli possono ottenere una notevole diversificazione del portafoglio utilizzando fondi comuni di investimento e fondi negoziati in borsa. Un fondo indicizzato, sia che si presenti sotto forma di fondo comune o ETF, che segue un ampio indice di mercato come l’S&P 500 può rimuovere gran parte del rischio di investimento portato dai singoli titoli. Ma non eliminerà il rischio di mercato. Gli investitori possono ottenere una più ampia diversificazione del portafoglio allocando il capitale a fondi azionari globali e fondi multi asset class.

Piattaforme di Robo advisor

Le piattaforme di Robo advisor utilizzano modelli automatizzati per abbinare gli obiettivi e le esigenze di investimento di un investitore con una combinazione appropriata di risorse. Gli investimenti vengono solitamente effettuati utilizzando ETF e vengono ribilanciati automaticamente a intervalli regolari. Le piattaforme sono un po ‘semplicistiche ma generalmente soddisfano le esigenze dei piccoli investitori a un prezzo basso.

Utilizzo di asset alternativi per la diversificazione del portafoglio

Oltre alle categorie di attività tradizionali come azioni, obbligazioni e liquidità, è possibile ottenere una maggiore diversificazione del portafoglio allocando anche il capitale ad attività alternative. Le attività alternative includono hedge fund, fondi di private equity, immobili, materie prime, Forex, criptovalute e persino arte e oggetti d’antiquariato. Queste attività hanno correlazioni molto basse con le attività tradizionali. Se scelti con cura, possono generare rendimenti rispettabili di per sé.

Più asset alternativi include un portafoglio, meno sarà influenzato dalla volatilità del mercato azionario. Tuttavia, gli asset tradizionali possono essere costosi da investire, richiedono conoscenze specialistiche e sono spesso illiquidi. Per la maggior parte degli investitori, i fondi immobiliari e gli hedge fund sono le attività alternative più accessibili e pratiche in cui investire. Gli hedge fund, in particolare i fondi market neutral e i fondi long / short, sono specificamente progettati per avere una bassa correlazione con altre classi di attività e bene durante i mercati ribassisti.

I fondi market neutral detengono posizioni lunghe e corte in modo che l’esposizione netta sia prossima allo zero. La loro performance non dipende da quella del mercato più ampio, ma dalla performance relativa delle posizioni lunghe e corte. Inoltre, tendono ad avere una volatilità inferiore rispetto ai fondi azionari tradizionali. I fondi market neutral possono migliorare notevolmente la performance di un portafoglio se combinati con un portafoglio azionario tradizionale. Gli hedge fund long / short sono più flessibili e possono essere netti long o short. Alcuni fondi utilizzano anche la leva finanziaria per aumentare i rendimenti. Questi fondi possono funzionare molto bene sia nei mercati rialzisti che ribassisti, ma possono avere una volatilità maggiore rispetto ai fondi market neutral.

Quando considerare il ribilanciamento del portafoglio

Una corretta strategia di asset allocation richiede che un portafoglio venga ribilanciato di volta in volta per garantire che l’ammontare corretto di capitale sia allocato a ciascuna asset class.

Ad esempio, supponiamo che un portafoglio sia suddiviso 60/40 tra azioni e obbligazioni. Se le azioni guadagnano il 20% mentre le obbligazioni guadagnano il 3%, la divisione sarà ora 63,6 / 36,4. Sebbene ciò non sia molto diverso dal mix target, se la sovraperformance continua, la quota azionaria crescerà rapidamente.

Uno strumento o una classe di attività che sta sovraperformando spesso continuerà a sovraperformare. Tuttavia, il possesso di una posizione di sovrappeso in quella classe di attività porterà anche a un aumento dei livelli di rischio. Allo stesso tempo, l’allocazione all’asset sottoperformante si ridurrà. Quando quell’asset inizia a sovraperformare, la sua capacità di contribuire alla performance sarà compromessa. La frequenza esatta con cui un portafoglio dovrebbe essere ribilanciato è un argomento alquanto controverso. La maggior parte dei fondi viene ribilanciata ogni trimestre, mentre alcuni ritengono che il ribilanciamento annuale sia spesso sufficiente.

In effetti, la frequenza è meno importante che assicurarsi che la ponderazione di ogni asset non sia troppo lontana dal target. La regolazione di ciascuna partecipazione quando il suo peso cambia del 5% dovrebbe mantenere il portafoglio in linea. Quindi, se una partecipazione dovrebbe essere del 60%, ma cresce fino al 65%, potrebbe essere il momento di ridurla.

Best practice per la diversificazione del portafoglio

Non esiste un approccio unico per tutti alla diversificazione del portafoglio. Quando si elabora una strategia di asset allocation, il lavoro più importante per i professionisti finanziari è determinare la situazione finanziaria di ogni cliente. Ciò include la loro tolleranza al rischio, le esigenze finanziarie attuali, le esigenze finanziarie future e l’orizzonte temporale. Solo quando queste realtà sono state accertate è possibile determinare un efficace asset mix.

Una strategia di allocazione dovrebbe sbagliare per essere conservatrice e generalmente non dovrebbe essere basata su modelli di market timing o su una visione del mercato. Le strategie di asset allocation tattica sono più attive e pertanto devono essere sistematiche, ben testate e controllate. L’obiettivo finale del riequilibrio dovrebbe essere quello di trovare un equilibrio tra la riduzione al minimo del rischio e la riduzione al minimo dei costi. Non è necessario un riequilibrio frequente se non si sono verificati grandi movimenti di prezzo e l’aumento dei costi lo rende controproducente.

Per quanto riguarda i portafogli azionari long only tradizionali, il vantaggio marginale di aggiungere più azioni diminuisce rapidamente quando il numero di partecipazioni raggiunge 20-25. Tuttavia, l’aggiunta di altre classi di attività continuerà a migliorare il profilo di rischio-rendimento, a condizione che le altre attività siano legittime investimenti in proprio.

Conclusione: l’asset allocation può migliorare il rapporto rischio-rendimento di un portafoglio

Le decisioni di allocazione degli asset spesso hanno un impatto maggiore sulla performance di un portafoglio rispetto alla selezione dei singoli titoli. La combinazione di attività non correlate può non solo ridurre la volatilità, ma anche migliorare i rendimenti nel tempo. Un asset mix tradizionale conterrà azioni, obbligazioni e liquidità. Aggiunta di asset alternativi come immobili e hedge fund, possono fornire un’opportunità unica per ridurre ulteriormente la volatilità.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
Markets.com CySEC, FSCA, FCA e ASIC
Tecnologie all’avanguardia
Strumenti di trading
apri ora
Roinvesting Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
GKFX Licenza MFSA, Consob
Fondi dei clienti protetti
Segnali di trading in piattaforma
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Quale sarà il futuro per dollaro e oro?

Oggi il prezzo dell'oro è sceso, ma quello che preoccupa di più è la richiesta che non è mai stata così bassa come negli ultimi tredici anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.