Quanto varrebbe oggi il tuo investimento in Bitcoin un anno fa?

Spero che tu non sia una di quelle persone che hanno investito in Bitcoin (BTC) un anno fa. Se avessi investito 1.000 euro in Bitcoin quando i prezzi hanno raggiunto il picco nel novembre 2021, il tuo investimento oggi sarebbe di circa 250 euro.

Oggi il cambio BTC/USD vale circa 16.300 dollari. Il prezzo è diminuito di oltre il 75% da quando ha raggiunto il massimo storico di 68.790 dollari il 10 novembre 2021, secondo CoinMarketCap.

Ether, il token nativo della rete blockchain di Ethereum (ETH) e la seconda più grande criptovaluta, è in calo di circa la stessa percentuale dal suo massimo storico, sempre nel novembre 2021.

Il Bitcoin ha subito arresti anomali come questo prima. A dicembre 2017, la prima criptovaluta ha raggiunto un record appena sopra i 20.000 dollari, e il suo prezzo è sceso fino a 3.191 dollari nel dicembre successivo, con un calo dell’84%.

Il Bitcoin ha registrato due cali di oltre il 50% negli ultimi tre anni: prima quando la pandemia ha sconvolto l’economia globale nel marzo 2020, e poi di nuovo durante una recessione dopo che il Bitcoin ha raggiunto un prezzo record superiore a 64.000 dollari nell’aprile 2021.

Il crollo del Bitcoin del 2022 è solo l’ultimo promemoria dei rischi associati all’investimento in criptovalute, data la sua estrema volatilità.

Naturalmente, solo gli investitori più sfortunati che hanno acquistato al culmine sono in realtà in calo del 75% sui loro investimenti. E praticamente non importa dove hai investito, il tuo portafoglio è probabilmente in ribasso quest’anno. È anche importante notare che per gli investitori a lungo termine, queste sono solo perdite sulla carta (realizzi una perdita solo quando vendi).

Perché il Bitcoin è in calo quest’anno?

Le criptovalute e le azioni hanno spesso seguito le stesse tendenze dei prezzi nel 2022. Entrambe le asset class sono state influenzate dall’elevata inflazione, che ha provocato tassi di interesse più elevati e timori di recessione.

✅ Stai cercando un corso completo su come realizzare profitti con il trading? Questo è l’ebook che fa per te… Questa guida ti aiuterà a comprendere i concetti e le regole fondamentali per avere successo nel trading.
👉 Scarica la guida gratuita!

Ma quest’anno i crolli delle criptovalute sono stati più ripidi rispetto a quelli di altre categorie di investimento considerate attività a rischio, come i titoli tecnologici, che sono in calo di circa il 30% quest’anno. È una storia diversa, tuttavia, se guardi più indietro nel tempo.

Su base biennale, il settore delle criptovalute è cresciuto di oltre il 300% rispetto, ad esempio, ai titoli di tecnologia software che sono aumentati del 35% negli ultimi due anni. Quindi è un gruppo significativamente migliore su base biennale, ma ha sicuramente corretto quest’anno insieme alle altre attività di rischio.

Il Bitcoin in particolare è in realtà in calo di circa il 5% negli ultimi 24 mesi. Ma se avessi investito in Bitcoin quattro anni fa, avresti triplicato i tuoi soldi.

Salgono le preoccupazioni verso gli exchange di criptovalute

Con i prezzi delle criptovalute in calo più dei prezzi delle azioni quest’anno, ma in rialzo più delle azioni su periodi di tempo più lunghi, sia i sostenitori delle criptovalute che i suoi dubbiosi hanno motivi per sostenere le loro argomentazioni.

Dipende da come vuoi vederlo, e sembra che la situazione dia a tutti qualcosa di cui parlare, ma certamente visti gli eventi che sono accaduti con il fallimento di FTX, i criptoscettici sono sicuramente i più rumorosi a questo punto.

Anche prima del recente crollo del principale exchange di criptovalute FTX, quest’anno i prezzi delle criptovalute sono stati influenzati dal fallimento dell’hedge fund di criptovalute Three Arrows (3AC) e dalla piattaforma di prestito Voyager Digital, nonché dalle sfide per un altro prestatore di criptovalute, BlockFi, che ora sta preparando una potenziale dichiarazione di fallimento.

3AC, Voyager e BlockFi hanno tutti avuto problemi e quindi hanno dovuto sciogliere le loro posizioni, il che ha poi causato una maggiore pressione sul Bitcoin.

Il prezzo del Bitcoin non è crollato ulteriormente durante il fallimento di FTX, ma c’è stata una tendenza degli investitori a ritirare i propri fondi dagli exchange di criptovalute e spostarli nei portafogli crittografici ‘freddi’. Alcune persone sono preoccupate di avere i loro soldi negli exchange, temendo che altri possano fallire.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite Doveinvestire su Google News, Facebook, Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Per restare aggiornati sulle notizie pubblicate sul nostro portale attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire

Disclaimer: L’opinione qui espressa non è un consiglio di investimento, ma viene fornita solo a scopo informativo. Non riflette necessariamente l’opinione di doveinvestire.com. Ogni investimento e ogni trading comporta dei rischi, quindi dovresti sempre eseguire le tue ricerche prima di prendere decisioni. Non consigliamo di investire denaro che non puoi permetterti di perdere. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

FORMAZIONE Trading a 360°. Scarica GRATIS i nuovi EBOOK sul TRADING!

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
ActivTrades Licenza Consob, FCA, CSSF
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
XTB Licenza FCA, CySEC, KNF
Piattaforma professionale
Affidabilità e supporto
apri ora
IG Licenza FCA, BaFin, Consob
Oltre 45 anni di esperienza
Trading su CFD e Turbo24
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 62 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Lo scenario peggiore per le criptovalute dopo il crollo di FTX

Il fallimento a sorpresa dell'exchange di criptovalute FTX, ha causato un terremoto nel settore delle criptovalute. Ma quale è lo scenario peggiore che potrebbe accadere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.