Home / Analisi dei mercati / La situazione dei mercati nella settimana post banche centrali

La situazione dei mercati nella settimana post banche centrali

Inizia una nuova settimana sui mercati finanziari, gli investitori e trader si domandano cosa succederà dopo che le banche centrali hanno attuato misure rassicuranti la scorsa settimana. Per capire cosa aspettarci e quali sono le migliori opportunità di trading che ci attendono in settimana, pubblichiamo una analisi dettagliata dei mercati globali preparata dagli analisti del Broker 24option (vedi qui la nostra recensione del Broker).

In questo post di parla di:

Analisi dei mercati globali

I mercati asiatici hanno chiuso la settimana per lo più in positivo, in rialzo venerdì dopo che le banche centrali hanno attuato misure rassicuranti nel corso della settimana, mentre Stati Uniti e Cina sono tornati a sedere al tavolo delle trattative giovedì e venerdì. Lo Shanghai Composite cinese ha chiuso in rialzo dello 0.24%, ma ad Hong Kong l’Hang Seng non è riuscito ancora una volta a mantenere i guadagni iniziali, per una chiusura in calo dello 0.13%. In Giappone il Nikkei ha guadagnato lo 0.16%, nonostante lo yen si sia rafforzato nei confronti del dollaro statunitense per la seconda seduta consecutiva. In Australia lo S&P/ASX 200 ha annullato i guadagni iniziali, ma ha comunque chiuso in rialzo dello 0.20%, mentre il Kospi di Seul ha sovraperformato, in rialzo dello 0.54%.

I mercati europei hanno chiuso in territorio positivo, con gli investitori incoraggiati dalla ripresa delle trattative tra Stati Uniti e Cina, mentre il presidente Trump ha alimentato l’ottimismo annunciando l’eliminazione dei dazi su centinaia di prodotti. L’indice paneuropeo Stoxx Europe 600 ha chiuso la giornata in positivo dello 0.29%, con il CAC 40 di Parigi che ha sovraperformato, in rialzo dello 0.56%. Il DAX di Francoforte ha annullato la maggior parte dei guadagni iniziali, per una chiusura in rialzo dello 0.08% dopo che i dati PMI di agosto hanno riportato una lettura ben peggiore del previsto. Nel Regno Unito il FTSE 100 ha chiuso in calo dello 0.16%, con gli investitori che continuano a temere l’avvicinarsi della scadenza della Brexit.

Negli Stati Uniti i mercati sono calati nel corso della seduta pomeridiana, dopo che la delegazione di negoziatori cinesi ha accorciato la propria visita negli Stati Uniti. In chiusura il Dow Industrals è calato dello 0.59%, lo S&P 500 è calato dello 0.49%, mentre il Nasdaq ha sottoperformato, in calo dello 0.80%. Le perdite peggiori sono state registrate dal settore tecnologico e dei consumi discrezionali.

Criptovalute

Le criptovalute hanno annullato i guadagni iniziali, per una chiusura in ampio ribasso, guidata dal calo dello 0.5% di Bitcoin, dopo che la criptovaluta n.1 avanzava di quasi il 5% nelle prime ore della seduta. L’unica criptovaluta tra le prime dieci a chiudere in rialzo è stata Bitcoin SV, per un rialzo dello 0.4%. Ripple ha invece sottoperformato le dieci principali criptovalute, con un calo del 3.8%. In generale due terzi del mercato, pari a 67 delle 100 maggiori criptovalute per capitalizzazione di mercato hanno chiuso la seduta in calo.

Valute Forex

USD/JPY – La coppia è calata per la seconda seduta consecutiva, con i trader che hanno acquistato yen dopo la decisione della Bank of Japan di mantenere i tassi di interesse invariati a -0.10%. Alla fine della seduta la coppia era scambiata attorno a quota 107.50, in calo di quasi 100 pip rispetto a dove si trovava prima della decisione di politica monetaria della BoJ. Se si guarda in avanti, questo potrebbe essere il bottom di un intervallo di trading compreso tra 107.50 e 108.50 per la coppia.

GBP/USD – La coppia ha registrato una seduta volatile, scambiata fino a quota 1.2582 prima di annullare tutti i guadagni e oltre e chiudere la seduta a quota 1.2466 per un movimento di oltre 100 pip. La volatilità era legata ancora una volta alla Brexit, con i trader incerti su diversi aspetti dell’uscita dall’Unione Europea. Il livello a quota 1.2460 potrebbe fornire supporto e i trader potrebbero assistere ad un rimbalzo della coppia alla riapertura dei mercati lunedì.

Materie prime

I metalli preziosi hanno chiuso contrastati venerdì, con l’oro che è stato supportato da un’ondata di richiesta di beni rifugio dopo che il presidente Trump ha annunciato nuove sanzioni nei confronti dell’Iran, e la stampa ha annunciato che i negoziatori cinesi hanno lasciato il tavolo delle negoziazioni in anticipo. L’oro con consegna a dicembre è avanzato di $8.90, pari allo 0.6%, a quota $1515.10 per oncia, per un rialzo settimanale del metallo giallo dell’1%, per il primo rialzo settimanale delle ultime quattro settimane. L’argento con consegna a dicembre è arretrato di $0.035, pari allo 0.2%, a $17.869 per oncia, in rialzo dell’1.6% a livello settimanale.

Il greggio è calato leggermente venerdì, ma ha comunque registrato il rialzo settimanale maggiore da mesi a questa parte, dopo gli attacchi sui siti di produzione sauditi dello scorso weekend. Il greggio WTI con consegna a ottobre è arretrato di $0.04, pari allo 0.07%, a quota $58.09 al barile, per un rialzo settimanale del 5.9%. Il greggio Brent con consegna a novembre è arretrato di $0.12, pari allo 0.2%, a quota $64.28 al barile, per un guadagno settimanale del 6.7%.

Indici di borsa

FTSE 100 – Venerdì l’indice di riferimento di Londra è stato scambiato in prossimità del livello di parità prima di chiudere in calo dello 0.16%, con gli investitori che hanno venduto i titoli in vista del weekend. A livello settimanale l’indice ha perso lo 0.3%, con l’indice con un focus internazionale che ha sofferto la forza della sterlina. Tra i titoli individuali, il movimento maggiore è stato registrato dall’operatore dei viaggi Thomas Cook, le cui azioni sono calate del 22.8%, con gli investitori che hanno scoperto che la società è sull’orlo del fallimento.

Nikkei 225 – L’indice di riferimento giapponese è avanzato dello 0.16% in vista di un lungo weekend di tre giorni, per un rialzo settimanale dello 0.4% e la terza settimana consecutiva di rialzi per l’indice. L’indice ha faticato nei confronti di uno yen in rialzo e bassi volumi di trading, con gli investitori che hanno regolato le proprie posizioni in vista del lungo weekend festivo. Le azioni di Olympus hanno guidato i guadagni,  e Softbank ha chiuso in rialzo dello 0.56%. Dall’altro lato della medaglia, le azioni della la società produttrice di robot Fanuc hanno perso il 2.15%.

Azioni

Commerzbank – Le azioni della seconda maggiore banca tedesca venerdì hanno chiuso in rialzo dello 0.7% dopo essere state scambiate in rialzo di quasi il 4% ad inizio seduta. I guadagni sono giunti dopo che la banca ha annunciato i piani di chiusura di fino al 20% delle proprie filiali, con un taglio di migliaia di posti di lavoro in quella che appare come una strategia di revisione interna in risposta al tentativo di fusione fallito con la rivale Deutsche Bank. Commerzbank ha dichiarato di voler vendere una quota della sussidiaria mBank polacca e di assorbire l’unità di brokeraggio online Comdirect. La vendita di mBank dovrebbe generare circa $2.2 miliardi, che dovrebbero coprire il costo del piano strategico di $1.8 miliardi, inclusi i costi di ristrutturazione. Alcuni investitori hanno dichiarato che le misure di riduzione dei costi non sono sufficienti, e chiedono alla banca di presentare i propri piani per generare introiti in futuro. Commerzbank sta combattendo un’eredità di pesanti debiti, multe e personale in eccesso da più di un decennio, dalla crisi finanziaria del 2007-2008.

Chi è 24option

Il brand 24option è proprietà della società di servizi finanziari Roedeler Limited, con il quartier generale a Limassol, sull’isola di Cipro. Come detto in precedenza è un Broker Forex CFD autorizzato ad operare in tutta Europa grazie alla licenza rilasciata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission numero 207/13.

Grazie al suo costante impegno, 24option è sempre tra i leader del mercato del trading, mettendo a disposizione le migliori tecnologie ed una formazione professionale. È proprio la formazione che contraddistingue questo Broker con gli altri presenti sul mercato. Tra i servizi offerti troviamo video lezioni, ebook, aggiornamenti di mercato e webinar giornalieri e segnali di trading basati sull’analisi di mercato avanzata che la società gestisce.

Trading Central di 24option

Trading Central è il servizio plus di 24option. Qui trovi informazioni storiche e in tempo reale che ti permettono di identificare pattern e trend, che trasmettono sicurezza per affrontare le tue decisioni di trading.

Trading Central offre a tutti coloro che possiedono un conto 24option i segnali di trading basati sull’analisi di mercato avanzata che questa società gestisce. Questi segnali offrono un ulteriore livello di informazioni che può essere di grande aiuto per non perdere alcuna opportunità di trading (e di guadagno).

Per accedere al servizio Trading Central apri un conto gratuito adesso:

ATTENZIONE: Registrandoti su 24option attraverso il portale di doveinvestire.com sarai seguito da Senior Account Manager italiani con ufficio proprio in Italia. Registrati ora!

Prova adesso la piattaforma web di 24option, apri un conto demo gratuito per ricevere 100.000$ di denaro virtuale da utilizzare per fare trading.

I CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. 81,27% dei conti di clienti al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD con questo broker. Valuta se comprendi come funzionano i CFD e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Plus500 Licenza ‎ASiC, CySEC, FCA
Il fornitore più quotato di CFD
Piattaforma WebTrader
apri ora
ATFX Licenza FCA
Spread competitivi
Zero commissioni
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
ETFinance Licenza CySEC
Spread stretti
Piattaforma MT4
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

I tori di Bitcoin si vendicano, criptovalute in forte recupero

L'interno mercato delle criptovalute festeggia oggi. Il Bitcoin e tutti i principali altcoin hanno ripreso a salire oltrepassando livelli di resistenza critici. Questa la situazione attuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.