Home / Analisi dei mercati / L’ORO scende sotto quota 2.000 dollari. Questi i prossimi scenari

L’ORO scende sotto quota 2.000 dollari. Questi i prossimi scenari

L’aumento dei rendimenti del titoli di stato USA e un dollaro più solido stanno pesando sui prezzi dell’oro. Gli investitori stanno cercando sicurezza dal biglietto verde dopo che Pechino ha imposto sanzioni ai funzionari statunitensi nell’ultima fiammata delle tensioni tra Stati Uniti e Cina, anche se mantengono una stretta attenzione sui negoziati per un piano di stimolo statunitense.

Il dollaro, bene rifugio alternativo, soprattutto durante le fiammate delle tensioni tra le due maggiori economie del mondo, è salito al massimo di una settimana contro le altre principali valute.
Dopo un leggero calo di ieri, i rendimenti del Tesoro USA stanno aumentando di nuovo all’inizio di questa giornata, raggiungendo il livello più alto dal 30 luglio.

Il prezzo dell’oro è strettamente correlato dai rendimenti del titoli di stato USA, e se questi continueranno a salire, vedremo certamente il prezzo dell’oro scendere.

Nel momento della scrittura il prezzo dell’oro è sceso sotto la soglia psicologica dei 2.000 dollari,(-1.54% a 1.996,44 dollari). È il terzo giorno consecutivo in ribasso per il metallo prezioso.

Analisi tecnica giornaliera dell’oro

La tendenza principale rimane rialzista secondo il grafico giornaliero, tuttavia, la tendenza nel breve termine è in calo. Dall’analisi tecnica giornaliera, un cambio della tendenza principale cambierà in ribasso in caso di sfondamento dell’ultimo minimo a 1.819,30 dollari.

Prima però di raggiungere tale livello, il trend minore cambierà verso il basso se i prezzi dell’oro dovessero scendere sotto i 1.952,30 dollari.

Scenario rialzista

Una mossa oltre i 2020,80 dollari indicherà il ritorno degli investitori. Se questo genera abbastanza slancio al rialzo, il rally cercherà di testare un nuovo livello di resistenza a 2051,40 dollari.
Questo livello è importante perché gli investitori aggressivi che possono prendere posizione su un test di questo livello nel tentativo di spingere i prezzi verso un nuovo test a 2089,20 dollari.

Scenario ribassista

Una mossa confermata sotto i 2.008 dollari segnalerà la presenza di venditori. Questo livello è un potenziale punto di innesco per un’accelerazione al ribasso con la prossima importante zona target tra i 1.954,30 e i 1.922,40 dollari.

Resta aggiornato sulle nostre notizie

Prestare attenzione è d’obbligo, il consiglio è quello di restare aggiornati sulle notizie. Per fare questo, attiva le notifiche dal pulsante verde in alto (Seguici) o iscriviti al nostro canale Telegram di Dove Investire o visita la nostra pagina Facebook www.facebook.com/doveinvestire.blog

Seguici su:

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

I migliori Broker Forex CFD selezionati da Dove Investire

Broker Caratteristiche Inizia
Markets.com Licenza CySEC, FSCA
Strumenti di trading avanzati
Strategie personalizzate
apri ora
ActivTrades Licenza FCA, Consob
Protezione conto clienti
Formazione e affidabilità
apri ora
FXCM Licenza FCA, Consob
Zero commissioni
Strumenti di trading esclusivi
apri ora
GMO Trading Licenza CySEC
Demo gratuita
MetaTrader 4 e App Mobile
apri ora
101investing Licenza CySEC
Sconto sullo swap fino al 50%
Piattaforma MT4 e Mobile
apri ora
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 68 e l’89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti su indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Analisi dei mercati finanziari del 18 Settembre | ActivTrades Markets Commentary

I mercati si stanno muovendo all'interno di trading range limitati in questo ultimo giorno di contrattazione di una settimana caratterizzata dagli incontri della principali banche centrali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.