Home / Notizie Economiche / Nuovo pericolo Irlanda per i mercati finanziari

Nuovo pericolo Irlanda per i mercati finanziari

La crisi economica che sta attraversando anche l’Europa è sicuramente la più grave degli ultimi anni e la peggiore che la comunità europea abbia mai affrontato. La produzione ed il commercio sono in lenta ripresa negli ultimi mesi, ma l’economia non riesce ancora a risollevarsi dopo il disastro dello scorso anno. Per quanto riguarda l’Europa, il problema principale è che il collasso delle economie statali degli stati membri più deboli, di cui il maggiore esempio è stata la sorte della Grecia, porti ad un indebolimento eccessivo della moneta comune.

TRADING FACILE & VELOCE

Scopri la nuova piattaforma di ActivTrades.
Ampia gamma di strumenti, grafici avanzati , One-click trading!
Per te subito una DEMO gratuita e centro formazione professionale!

Pericoli e contromisure dell’Europa
Occorre consolidare la moneta unica, per evitare il rischio che il collasso dei paesi più deboli trascini con se anche gli altri stati membri. Il pericolo attualmente c’è, ma l’Europa sta studiando le contromisure da attuare per evitare questa situazione ed aiutare un risanamento dei mercati.
Proprio i mercati finanziari sono un punto delicato, da regolamentare opportunamente per eliminare eventuali aberrazioni che possano minare l’andamento globale dell’economia. Necessari anche un maggiore coordinamento delle politiche economiche degli stati europei e l’esigere solide garanzie prima di procedere al trasferimento di fondi per aiutare i paesi in crisi economica.


Consigliato

Dove Investire nel 2017? Dai migliori investimenti speculativi a quelli più sicuri.
Scarica GRATIS l'ebook!

ebook  trading

Ti potrebbe interessare:

Cresce l’incertezza sui mercati finanziari, attenzione ai segnali d’allarme

Apertura di settimana sui principali mercati finanziari all’insegna dell’incertezza. Pesato i recenti incrementi di volatilità su molti indici azionari mondiali, senza contare le vicissitudini notturne della sterlina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *