Home / Finanza Personale / Servizi bancari / Titoli di Stato o conti di deposito? Come far rendere un investimento

Titoli di Stato o conti di deposito? Come far rendere un investimento

Chi ha un capitale di 10 mila euro investito in Bot, che rendono ai prezzi attuali 1,87% lordo su base annua, con una tassa pari a 120,00 euro (il superbollo che grava sul deposito titoli) vede quasi annullato il rendimento del suo investimento.

Se invece opta per un conto di deposito vincolato come Rendimax di Banca Ifis o InMediolanum di Banca Mediolanum può guadagnare grazie alla nuova tassazione (che fa scendere dal 27% al 20% l’aliquota su conti correnti e conti di deposito) 284,00 euro l’anno.

IL TRADING DI NUOVA GENERAZIONE

Investire sui mercati finanziari non è mai stato cosi facile. Scoprilo oggi!
Bonus di 25€* senza alcun deposito richiesto
(T&C applicati)

La modifica dell’aliquota d’imposta dal 12,5% al 20% dovrebbe (qui in Italia viviamo politicamente e fiscalmente nel “condizionale”) entrare in vigore entro il 2012 con l’unificazione al 20% di ritenuta per tutti gli strumenti finanziari (con una riduzione così per quelli bancari dal 27% al 20% ad eccezione dei titoli di Stato che dovrebbero restare tassati al 12,5%) .

Quando poi a partire dal 2013 il superbollo passerà a 150,00 euro per i depositi titoli il cui valore nominale è inferiore ai 50 mila euro la convenienza per i redditi bassi del conto di deposito rispetto all’investimento in Bot sarà ancora più netta grazie al duplice effetto della maggior tassazione dei Bot e della minor tassazione dei conti di deposito introdotta la manovra finanziaria. Con grande vantaggio secondo il “cattivo pensiero” proprio per una delle aziende di cui il premier è maggiore azionista.
Fonte: moneyreport.it


Consigliato

Notifiche di trading

Ti potrebbe interessare:

Dove investire oggi; i migliori investimenti sicuri e redditizi

E' possibile investire sicuri e allo stesso tempo avere alti interessi? Chi non sogna di trovare un investimento sicuro che possa garantire un buon ritorno economico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *