Home / Finanza Personale / Prestiti / A breve entreranno in vigore nuove norme per il credito al consumo

A breve entreranno in vigore nuove norme per il credito al consumo

l prestito al consumo è un prestito finalizzato all’acquisto di un determinato bene o servizio, molto usato dagli italiani.

Il Consiglio dei Ministri ha comunicato che dal 2011 entreranno in vigore nuove normative per il credito al consumo (uniformandosi alle direttive europee) per garantire una maggiore tutela e trasparenza ai consumatori.

Con la nuova normativa, banche e finanziarie, dovranno proporre prestiti più trasparenti e gli utenti avranno maggiori tutele, vediamo di cosa si tratta.

Credito al consumo, più trasparenza
* Al cliente che richiederà un prestito, l’istituto erogante dovrà consegnare un modulo standard (uguale per tutti) per il credito, dove saranno riportati i costi, le spese e i diritti.

Credito al consumo, estinzione anticipata
* Finalmente sarà regolamentata in modo più equo la rescissione anticipata di un prestito, infatti, per i prestiti a tasso variabile e per quelli con capitale rimanente inferiore a 10 mila euro, in caso di rescissione anticipata non si dovrà pagare nessuna penale, negli altri casi, si pagherà massimo l’1% e se avviene nel corso dell’ultimo anno sarà dello 0,5%.

Credito al consumo, basta con pubblicità poco chiara
* Da quanti anni che diciamo che i dati importanti delle pubblicità dei prestiti sono scritte in piccolino? Bene, questa brutta abitudine finirà, poiché i dati salienti, TAEG, rata, piano di ammortamento, costo totale del prestito, dovranno essere riportati con una grafica che li evidenzi non il contrario.

TRADING FACILE & VELOCE

Scopri la nuova piattaforma di ActivTrades.
Ampia gamma di strumenti, grafici avanzati , One-click trading!
Per te subito una DEMO gratuita e centro formazione professionale!

Credito al consumo, il TAEG
Altra novità riguarderà il TAEG, che dovrà includere tutte le spese del credito al consumo in modo chiaro, così il richiedente saprà con certezza il costo del proprio prestito.

Credito al consumo, stop rate per bene non consegnato
Quante volte avete sentito di persone che pagano le rate di un prestito senza che il bene gli sia stato consegnato (esempio l’auto)?

Bene, la nuova normativa prevede che, nel caso in cui il bene non è consegnato, il titolare del prestito finalizzato ha diritto alla rescissione del prestito e la restituzione delle rate pagate e la finanziaria dovrà rifarsi sul negoziante.

Credito al consumo, diritto di recesso
Altra novità è il diritto di recesso del prestito che è stato allungato a 14 giorni, entro tale periodo il richiedente potrà ripensarci restituendo il capitale più gli interessi, senza pagare nessuna spesa o penale.

Credito al consumo, i mediatori
E’ stata posta la parola fine anche a mediatori arrangiati, poiché dovranno essere in forma di società di capitali con capitale versato e avere dipendenti preparati e validi.

Finalmente è stata fatta una legge a favore dei cittadini, in difficoltà economiche, che hanno la necessità di chiedere un prestito, modificando alcune clausole che erano vessatorie.


Consigliato

Dove Investire nel 2017? Dai migliori investimenti speculativi a quelli più sicuri.
Scarica GRATIS l'ebook!

ebook  trading

Ti potrebbe interessare:

Acquistare su internet risparmiando ma attenzione alle truffe

Forse lo avete già sentito o forse lo pensavate, ma per il questo Natale si è registrato un boom sugli acquisti di regoli online. Moltissimi sono siti e-commerce dove poter acquistare a buon prezzo ma molti non rispettano le norme a tutela dei consumatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *